Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • RSS Feed

Interviste

Emilia Abate e Francesco Rotondale

Intervista_01

Design Street intervista Emilia Abate e Francesco Rotondale, architetti e designer napoletani, fondatori dello STUDIO74RAM     DS: Descrivetevi in poche parole a chi non vi conosce. Partner nella vita e nel...

Cambiare abito alla vecchia sedia?

Editor:
Designer:

Avete sempre sognato una sedia di design in casa? O una tradizionale sedia impagliata? O una seggiola in ferro battuto? O un modello Pop degli anni 60? Da oggi è possibile averle tutte insieme con queste fodere stampate, disegnate da Marion Peeters per GDCC, che rappresentano le più sedie celebri.

Invece di buttare la vecchia sedia che non vi è mai piaciuta o che si sta rovinando troppo, perché non trasformarla magicamente in una seduta nuova, diversa, più bella? Un’idea che abbiamo trovato a Parigi e che ci è piaciuta molto. Una collezione di “abiti per sedie” da indossare, da cambiare, da alternare per avere sempre sedie nuove o anche tante sedie una diversa dall’altra intorno al nostro solito tavolo.

“4 Me K” è una collezione che comprende fodere in cotone stampato con 12 diversi disegni disponibili sia nella versione “Easy Fit” sia nella versione con zip. Della stessa linea, anche una divertente serie di cuscini che rappresentano, sulle due facce, il sopra e il sotto di altrettanti modelli di sedia. 

Coprisedia e cuscini sono distribuiti in Italia da Jannelli&Volpi.

www.jannellievolpi.it

 

Cambiare abito alla vecchia sedia?, 1.0 out of 1 based on 7 ratings

Tags: , ,

Categorie: Design

Articolo Precedente: Transformations: nuova vita agli oggetti!

Articolo Successivo: A’ Design Awards & Competition 2013

Lascia un Commento






× quattro = 20

Le Rubriche

Photogallery

Due video per raccontare il Salone del Mobile

Tutte le photogallery
Follow Me on Pinterest
Caricamento immagini....
↓