10 idee luminose da mettere sotto l’albero

Editor:

Lampade da tavolo di design? Guarda la nostra selezione. Fra novità ed edizioni speciali di grandi classici.

Versatili, funzionali, decorative. Sono le lampade da tavolo di design. Un complemento d’arredo che grazie alle sue dimensioni compatte può essere inserito facilmente in qualsiasi ambiente, valorizzando punti specifici.

Fedeli alleate sia nelle ore di lavoro che nelle ore di relax, le lampade da tavolo possono assolvere a differenti funzioni. Per la scrivania sono indicate le lampade orientabili per poter direzionare la luce con precisione. Per illuminare il living sono, invece, ideali le lampade a luce diffusa, capaci di creare un’atmosfera calda e intima. Le lampade da tavolo moderne sono, inoltre, spesso dotate di un dimmer che permette di regolare l’intensità luminosa a seconda delle esigenze del momento.

Un’idea regalo da mettere sotto l’albero? Perché no.

Ecco la nostra selezione.


Gople Plug e Gople Portable, Artemide

Gople Plug e Gople Portable sono le ultime lampade nate dalla collaborazione tra Artemide e lo studio danese BIG. Due lampade dal design minimale che possono adattarsi a qualsiasi ambiente. La luce è morbida e diffusa e può essere regolata secondo tre intensità, creando tre atmosfere diverse. Gople Plug è la versione tradizionale con connessione elettrica standard. Gople Portable è portatile e ricaricabile con 26 ore di autonomia. (www.artemide.com)


Valigia, Stilnovo

Una lampada ironica che invita al viaggio. È Valigia di Ettore Sottsass, un progetto firmato nel 1977 oggi rieditato da Stilnovo con un design fedele all’originale. Valigia è una piccola architettura pensata per essere portata ovunque. La combinazione di rosso e nero è molto amata da Sottsass, come dimostrano altri suoi progetti. Uno su tutti la macchina da scrivere Valentine per Olivetti. (stilnovo.com)


Lumiere, Foscarini

Lumiere, la lampada con l’inconfondibile base a treppiede disegnata da Rodolfo Dordoni, compie 30 anni. Per celebrare il suo compleanno, Foscarini lancia due nuove versioni realizzate con una particolare lavorazione artigianale: Lumiere Pastilles e Lumiere Bulles. In Pastilles la superficie del diffusore in vetro viene disegnata da una serie di losanghe tridimensionali. Bulles è caratterizzata da una miriade di piccole bolle d’aria racchiuse tra gli strati di vetro del diffusore. In entrambe la base in alluminio è color champagne. Lumiere Pastilles e Lumiere Bulles sono proposte in una edizione speciale da 1000 pezzi, numerati e autografati da Rodolfo Dordoni(www.foscarini.com)


Lampadina, FLOS

Lampadina, l’iconica lampada firmata da Achille Castiglioni per Flos, si veste di nuovi colori. Gli storici nero e arancio sono affiancati da bianco, verde, turchese e lilla per il porta lampada, mentre la base è proposta in finitura nero opaco. La nuova palette nasce dallo studio dei colori usati dal grande maestro nella progettazione di oggetti, grazie alla collaborazione con la Fondazione Achille Castiglioni. Per veri collezionisti! (flos.com)


Medù, Zava

Versatilità. È questa la parola chiave di Medù, la lampada disegnata da Delineo per Zava. Le diverse finiture, dimensioni e tipologie di supporto permettono infatti di ottenere svariate configurazioni, dando alla lampada un carattere ogni volta diverso. Medù è disponibile nelle versioni da tavolo, a sospensione, da parete e ricaricabile. (zavaluce.it)


Siro, Oluce

Una lente e un disco frontale che libera una luce radente al suo interno. Parliamo di Siro, la lampada da tavolo disegnata da Marta Perla per Oluce. I due elementi bidimensionali di Siro creano l’illusione di essere in perfetto equilibrio sul piano, quando sono guardati frontalmente. Il nome deriva da Sirio, la stella bianca più luminosa del cielo notturno. Siro è proposta in due dimensioni e in due finiture: bronzo satinato e oro satinato, con la curva interna della calotta in bianco. (www.oluce.com)


Paris, Queeboo

Una lampada che nasce dai ricordi. Paris, il nuovo progetto di Studio Job per Qeeboo si ispira agli anni in cui Job Smeets viveva a Parigi vicino alla Torre Eiffel. La Tour Eiffel qui viene però a curvarsi, diventando lo stelo di supporto del diffusore in ottone. La base della Torre ha quattro piedi dorati in ABS che supportano la struttura, il corpo principale è stampato in polietilene, la cupola è in alluminio ed è orientabile. (www.qeeboo.com)


Matin, HAY

Un ombrello di carta giapponese? No, è Matin, la lampada da tavolo disegnata da Inga Sempé per HAY. Una lampada poetica composta da una base in acciaio rifinita in ottone spazzolato e un paralume in cotone plissettato proposto in una palette di colori vivaci. La sorgente luminosa è un LED integrato, che offre una illuminazione diffusa modulabile con un dimmer di controllo digitale. (hay.dk)


Pigreco, Davide Groppi

Una sfera di cristallo per prevedere quale sarà la luce del futuro. È Pigreco, il progetto di Omar Carraglia per Davide Groppi. A comporre la lampada due elementi: una sfera in vetro e una base in legno. La sfera in vetro, per metà satinata e per metà trasparente, si muove liberamente sulla base, diventando ora diffusore, ora lente convessa. Nella base si nasconde un LED invisibile, che illumina l’interno della sfera. Il risultato è una luce mutevole che crea effetti sempre nuovi sulle superfici. (www.davidegroppi.com)


Idea, Slamp

Si dice che l’ispirazione si accende all’improvviso come una lampadina sulla testa. Da qui nasce Idea, la serie di lampade disegnata da Marcantonio per Slamp. Una collezione ridotta all’osso – lampadina e supporto – che celebra l’essenza stessa della luce. Idea è disponibile nella versione da tavolo e da parete. Nella versione da tavolo la lampadina è magicamente sospesa su una struttura in ottone satinato. (www.slamp.com)


Alessia Forte

Alessia Forte

Laureata in Lettere, creo contenuti per aziende del settore arredo e design. Nel 2012 ho aperto Interior Break, un blog sull'interior design e l'arredamento, con un focus sullo stile scandinavo. Nel 2014 Interior Break è stato premiato come “migliore blog di arredamento”, per la categoria contenuti, nel concorso "Blog-In" lanciato da IKEA Italia.

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.