Tag

colore

Browsing

Mirage è la collezione di tappeti colorati disegnata dalla designer Patricia Urquiola per il brand Gan.
Protagonisti indiscutibili sono i colori, che si moltiplicano mostrando tutte le loro varianti di sfumature.

SCOPRI I TAPPETI DI DESIGN PIU’ BELLI

Tappeti colorati pronti a diventare icona

Tutti i tappeti colorati Mirage sono stati creati in lana neozelandese annodata a mano, sviluppata in contrasti di geometrie che creano sovrapposizioni ottiche affascinanti.
Ogni tappeto è stato pensato come un quadro da dipingere, dove la maestria artistica e concettuale sfidano i limiti del convenzionale.



Non più tradizionali, ma avanguardistiche. Sono opere d’arte da non esibire nei muri di casa, ma danno quel tocco di colore inaspettato e un senso di infinito in spazi che possono sembrare anonimi.

L’ispirazione

L’illusione e la sovrapposizione geometrica fanno riferimento alla corrente artistica Op-art e alle espressioni del primo Novecento, che con le nuove visioni sono riuscite a (come si direbbe oggi) bucare lo schermo.

Un mondo che ha saputo esprimere il tridimensionale, in quello che per la percezione umana viene avvertito come statico, il colore.
È così che si vengono a creare arcobaleni fantastici che non hanno inizio e fine, disponibili in diversi gradienti di colori.

Con la collezione Mirage, la designer ha voluto riproporre l’arte artigianale abbandonando il consueto e ciò che ci si può aspettare, rompendo gli schemi del passato e del presente.

www.gan-rugs.com

La compagnia made in London Hayche, formalmente conosciuta come H Furniture, aggiunge nuove proposte per la collezione di sedute WW.
Classiche e affascinanti. Forse per il colore, o forse per il design intramontabile, classico delle sedie, che però aggiunge qualche piccola chicca nei dettagli irresistibili.

Le nuove arrivate nella famiglia di sedute WW

Le nuove arrivate esprimono un carattere nuovo nella ormai nota sedia WW Armrest, realizzata in collaborazione con lo Studio Makgill.
La nuova sedia WW Armrest gioca con la purezza e il senso familiare del legno massiccio con colori vivaci, sviluppandosi in ben sei diverse colorazioni.

Bella e irresistibile nel design, interpreta un ruolo da protagonista nello spazio dove viene collocata, sia come un bel oggetto da esporre, sia come seduta accogliente e chiccosa.

… e in più anche lo sgabello

Data la forte richiesta della collezione, casa Hayche ha pensato bene di aggiungere anche la proposta sgabello WW, disponibile anche questo in legno massello e tra svariati colori.

Perchè WW?

WW sembra un gioco di parole. Sarà per lo schienale caratterizzato da diversi fili che lo disegnano nell’aria, ma in realtà Alejandro Villarreal, creatore del progetto, si riferisce a Windsor e Wire.
Lo schienale diventa una sorta di coperta avvolgente di fili metallici che accolgono la schiena di chi la usa, a volte  sviluppandosi anche nei braccioli.

Per una seduta con stile, unica e super comoda.

www.hayche.com

 

Colori, profumi, forme, dal mar Antartico al Golfo di Guinea, sono le 50 Seas, un viaggio espresso in 50 opere in ceramica disegnate da Mathieu Lehanneur.
Il designer francese che ha esposto dal 18 gennaio al 2 febbraio 2018 presso la casa d’aste Christie’s di Parigi, una poetica carrellata di toni sul blu.

Non solo colore, ma soprattutto abilità artigianale, che si è espressa nel fermare l’attimo fugace delle onde del mare.

Il concept e la ricerca di 50 Seas

Spesso, dice Mathieu, non ci rendiamo conto della vastità del mare, e delle meraviglie di colore che ci regala. Ne siamo circondati, tutte le terreferme lo sono, ma la percezione che abbiamo di questo è molto bassa. Perchè allora non trasformarla in qualcosa che possiamo ammirare quando vogliamo?

La lunga ricerca portata avanti dal designer ha dato vita a manufatti smaltati che ripercorrono tutte le sfumature del mare. Ogni pezzo è unico e fotografa le caratteristiche di un particolare angolo geografico.

La creazione delle opere in ceramica

La ricerca minuziosa ha toccato non solo gli innumerevoli colori del mare, ma anche la sua particolarità in fatto di forma. Non è stato facile infatti ricreare il moto ondulato del’acqua, così variabile e perfetto allo stesso tempo.
Il designer ha scelto quindi di adoperate software 3D per modellare le forme e proporle in stampe, così da rifinire in tutto a mano.

La mostra a Parigi

50 piatti in ceramica tutti diversi tra di loro, che hanno voluto stimolare la sensibilità degli spettatori, invitandoli a indovinare di quale parte del mondo si trattasse.

Difficile? Forse, ma una risposta è evidente. Il mare cambia, ed è specchio delle abitudini dell’uomo. Può essere blu, o cristallino, fino a diventare verde… dipende come noi ce ne prendiamo cura.

www.mathieulehanneur.com
www.christies.com

Continua l’esplorazione delle trame, che con diverse maglie e nodi diventa Super Texture, la collezione di Tom Dixon in collaborazione con la giovane designer Josephine Ortega.

Uno studio accurato di nuovi metodi di lavorazione, che portato avanti insieme a giovani designer emergenti ha dato vita a una vastità di texture tutte da provare.
Colori e consistenze diverse: stampe, ricami, tufting e looping che producono nuove famiglie.
Parliamo di Soft, Boucle, Abstract, Paint e Geo.

Super Texture: Abstract

Della famiglia di Abstract fanno parte i cuscini realizzati con le tecniche utilizzati di solito per la realizzazione di tappeti. Sono spessi, lanosi e più sostanziosi dei normali cuscini. Ma tutto ciò permette di ammirare l’abilità della lavorazione a mano fatta a Varanasi, nell’India settentrionale.

Le fantasie si ispirano all’ambiente urbano e degli arazzi tipicamente hippy degli anni ‘70, in una varietà di trame che si articolano in blocchi di colore pieni.

 

Super Texture: Paint

A quelli di Abstract, si aggiungono i cuscini Paint, realizzati invece con una sottile stampa pittorica. Anche questi riprendono il paesaggio urbano, ma interpretato in maniera differente.

Il rosa e  l’indaco si incontrano il sprazzi di inchiostro, che “sporcano” giocosamente il bianchiccio del lino.

Super Texture: Geo

Stavolta è la roccia e la stratificazione naturale a esprimere l’animo di Geo. Una famiglia di cuscini dal modello sobrio ma di forte impatto, che celebra la bellezza della natura in un disegno monocromatico.

Super Texture: Soft e Bouncle

A tutta la collezione Super Texture si aggiungono due nuovi colori per la famiglia Soft e per Boucle.
Arrivano il Wine e il Khaki per la prima linea, cuscini realizzati in tessuto olandese composto da peli di capra dell’Angora del Sud Africa.

Il Khaki è abbinato all’Electric Blue invece per Bouncle, i cuscini che esaltano la filatura a mano della regione montuosa di Rajasthan, con lana proveniente dalla Nuova Zelanda.

www.tomdixon.net

SalvaSalva

Stanchi di vedere le texture natalizie per la tavola da pranzo? Normann Copenhagen vi propone qualcosa di nuovo e fresco.
Table Tableau è la nuova collezione di piccoli accessori per la tavola dal tono classico ma contemporaneo, che non rimane in secondo piano ma rende le vostre cene davvero uniche.

Disegnata in collaborazione con l’agenzia di design Femmes Régionales, tovaglie, tovaglioli e candele prendono vita.

Colori sgargianti e texture intramontabili animano le noiose tavole, buttando fuori dalla porta (almeno fino al prossimo anno) gli accessori in rosso e in bianco delle ultime settimane.

Texture per la tavola che interpretano antichi ornamenti

I classici elementi da tavola si riempiono di dettagli unici: le candele a pilastro diventano plissettate, le tovaglie vengono adornate di dettagli dorati in perfetto stile francese, e i tovaglioli in stoffa sfoggiano irresistibili motivi con leggere pennellate di colore.

Con Table Tableau, apparecchiare la tavola diventa un gioco, come dipingere su una tavolozza bianca, senza dimenticare l’eleganza e l’attenzione all’educazione.

Le texture di Table Tableau

La collezione è composta da cinque seducenti stampe: tre sono motivi organici che vogliono ridefinire le tendenze della moda, dell’arte e dell’arredamento; gli altri due motivi sono invece geometrici, rifacendosi al patrimonio culturale dell’arredamento e del settore tessile.

Table Tableau fa da padrone da casa, per accogliere e deliziare gli ospiti prendendosi cura della vostra tavola. Tutto pronto per creare una cornice perfetta per ogni occasione e creare attimi speciali a tavola.

www.normann-copenhagen.com
www.femmesregionales.com

Il colore dell’anno 2018: amanti del viola, questo è il vostro anno! Il Pantone 18-3838 Ultra Violet lo vedremo in tutte le salse, così come tutti i colori che ogni anno Pantone sceglie ispirando aziende, designer e mercato.

Perchè Ultra Violet è il colore dell’anno 2018

Così come spiega Leatrice Eiseman, executive director del Pantone Color Institute, questo colore è capace di infondere creatività e riflessione spirituale, valori che negli ultimi anni si sono persi. Ultra Violet si pone come obiettivo quello di illuminare le strade e di guidare le persone verso un mondo migliore.

D’altronde è sempre stato associato ai reali, alla scienza, all’ingegno e alla chiaroveggenza, come colore di ricchezza e di speranza.

Ci ricorda qualcosa?

Ebbene sì, avevamo già capito che il viola così ricco e luminoso sarebbe diventato quasi indispensabile. Già parlando delle tendenze di quest’inverno 2017, il viola ha iniziato a fare le prime comparse, accostato spesso ai velluti così da risaltare il suo lato freddo e affascinante.

Come usare Ultra Violet negli interni

Il colore dell’anno 2018 scelto da Pantone è un colore classico, ma per nulla scontato. Si sposa perfettamente ad ambienti contemporanei e classici, regalando un pizzico di sorpresa di stile.
È elegante e risalta i lineamenti delle superfici (personalmente lo adoro quando illumina le curve).

È vero che non è un colore che può piacere subito a tutti dentro casa: è di carattere e si fa notare, ma scommetto che nessuno di voi si pentirebbe mai di averlo in un angolino della stanza.

Come abbinare Ultra Violet

Pantone, oltre ad annunciare il colore che invaderà i nostri occhi, offre a tutti una serie di palette che permettono di accostare l’intenso colore dell’anno a una serie di compagni. Una guida da consultare per essere sempre aggiornati e migliorare le proprie strategie di comunicazione.

La collaborazione tra Plumen e Pantone, due brand che rivestono le lampade WattNott. Lo sposalizio che rafforza un prodotto da “luminoso protagonista” ma che a volte viene nascosto dalla sua stessa luce. Stavolta le lampade Plumen hanno un tocco in più, quello del colore.

La collezione Deneb

Pantone, che dal 1963 unisce il mondo della stampa con quello del design, definisce gli stili e qual’è il colore dell’anno, influenzando in questo modo i consumatori di tutto il mondo.
Però stavolta diventa solo un accompagnatore. Sì perchè dona un nuovo linguaggio a un oggetto che forse non ha mai avuto una vera e propria identità.

Con la collezione Deneb, la lampadina non ha bisogno di un paralume per essere “guardata”. Ha un proprio carattere, una propria personalizzazione e segue i cambiamenti della moda.
Quella tra Plumen e Pantone è stata una collaborazione davvero intelligente, dando valore a entrambi i brand e ridefinendo il concetto di luce a casa.

Dove acquistare le lampade Deneb

La collezione Deneb, con tutta la sua variante di colori (ben sei a disposizione) sono disponibili esclusivamente nel sito dell’azienda Plumen.

www.plumen.com

Si aprono e si chiudono esattamente come le scatole di fiammiferi: sono le mensole Matchbox.
Progettate dalla giovane designer norvegese Sara Polmar, queste mensole sono pensate per esaltarne la funzionalità.
Si ispirano per forma e meccanismo alle scatole in cartone: un parallelepipedo dentro l’altro che scorrere tra di loro.
Un disegno puro e semplice, esaltato dal forte contrasto di colore tra gli unici due elementi della composizione.

Un oggetto ordinario e a volte scontato che diventa protagonista, come se un cartone animato fosse uscito dalle pagine di un giornale per piazzarsi sulle pareti di casa. Posizionate sia in verticale che orizzontale, le mensole Matchbox sono adatte per conservare piccoli oggetti e averli sempre a portata di mano.
Dal carattere vivace, si svelano come piccoli scrigni che conservano gelosamente piccoli segreti.
Ogni mensola è stata realizzata in legno di frassino macchiato, rivestito da un fogli di acciaio piegato, che permettere il facile scorrimento tra i due elementi.

www.sarapolmar.no

I tappeti Blend nascono dal risultato della percezione visiva, che unisce colori differenti per crearne uno solo.

Lo studio olandese Raw Color, nella sua prima collaborazione con Nanimarquina, scompone il colore per creare dei tappeti Kilim davvero originali.

SCOPRI I TAPPETI DI DESIGN PIU’ BELLI

Il tappeto Blend è stato pensato in tre modelli diversi, in cui la tonalità, la luminosità e la saturazione del colore cambia. Ben 5 filati diversi che si combinano tra di loro per seguire la teoria dei colori e creare un effetto visivo davvero interessante.

Questo progetto non può che affascinare tutti gli amanti dei colori e della grafica, per il significato filosofico nascosto che sta dietro a un progetto d’artigianato davvero raffinato.

Ciò che ne viene fuori è un tappeto unico, che cambia a seconda delle percezioni proprie della persona.

www.rawcolor.nl

www.nanimarquina.es

È un prototipo, sì, ma mi volete dire che questa sedia a incastro non personifichi l’evanescenza pura?
Esiste o non esiste? È reale o no? Di sicuro, crea nello spazio un perfetto gioco visivo.
Wove Chair è stata pensata dallo studio made in Netherlands Truly Truly, fondato dal due di design australiani Joel e Kate Booy.

La sedia nasce dall’accostamento di due colori, spesso in antitesi, che si mescolano insieme creando una maglia unica. L’incastro tra le linee curve e perfettamente lineari creano un telaio davvero magico, che sembra librarsi nell’aria.

Un progetto di studio che porta Joel e Kate ad aggiungere oggetti per il quotidiano nella loro collezione, ma che non si discostano dalla loro filosofia, o meglio dire poesia.
La semplicità della struttura e l’essenza della seduta viene messa in risalto soltanto dai colori, che si incontrano e si scontrano, dando l’impressione di creare due sedute che si fondono.

Wove Chair è stata pensata in più varianti: una semplice poltrona, una sedia da pranzo e una poltrona.
Provate a immaginare quanto tocco di classe e contemporaneità potrebbe dare a un qualsiasi spazio!

www.studiotrulytruly.com

“Gravée – unique en série” sono i mobili contenitori componibili di nome francese e provenienti proprio da uno studio di design francese.

Una collezione super colorata presentata alla Maison & Objet di quest’anno.

Lo studio Emmaus si lascia ispirare da ciò che può nascere unendo artigianato e contemporaneità, nella creazione di moduli coloratissimi che si adattano a qualsiasi esigenza.

Tutti i moduli si presentano con lo stesso disegno tecnico, un contenitore rettangolare tenuto in piedi da piccole gambe.

Questo permette di usare il modulo sia come tavolino, sia come comodino, sia come una completa libreria… basterà semplicemente sovrapporre un modulo all’altro.

I moduli, provenienti da pannelli di materiale riciclato, sono stati impreziositi da sfondi e piedi colorati, così accesi e decisi da esser super contemporanei.

Il dettaglio non è anche da poco: decorazioni geometriche in superficie, colorate e non, rendono il mobile unico e per niente scontato.

www.atelier-emmaus.org

Dopo aver presentato in anteprima al London Design Festival le ultime tendenze colore 2018-2019, il laboratorio creativo londinese Colour Hive ha fatto tappa a Milano.

L’atmosfera era (giustamente) quella dei grandi eventi. L’evento era affollato di giornalisti, architetti, interior designer, professionisti, designer, stilisti, ma anche di semplici appassionati di design del colore.

Durante l’incontro, la colour designer dello Studio Hive ha svelato i nuovi colori 2018-2019 e le tendenze da seguire nei colori per il mondo del design e della moda.

Le nuove tendenze colore 2018 2019

La color designer di Colour Hive ha presentato 4 palette di colori, identificate dopo lunghe riunioni con esponenti delle principali aziende internazionali che si occupano di design e moda. I colori emersi da questi studi si basano sull’analisi dei trend e dei bisogni percepiti dalla società.

6 sono i punti chiave emersi che influenzano le tendenze colore: il rapporto dell’uomo con la natura, il problema dell’inquinamento, il tema del riciclo, la progettazione a lungo termine, la necessità di dare valore ai 5 sensi dopo la “dittatura” della tecnologia e infine l’architettura come luogo sensoriale.

Partendo da queste esigenze, secondo i massimi esperti mondiali del settore, il bisogno di colore dell’uomo si indirizzerà verso 4 palette che son state così identificate:

1.Rapture

Questi sono colori basati su un’idea di ottimismo, di ritorno alla natura, sulla ricerca delle radici. Colori che comunicano un senso di fede, di forza positiva, di avventura…

2. Beyond

La seconda tendenza raggruppa delle tonalità più delicate, intimiste. Colori che esprimono una tendenza sensoriale, che guarda a un nostro essere “primitivo”, quando l’uomo dava ancora molta importanza ai sensi e al suo istinto. Una selezione cromatica che ci invita a ritornare a quella consapevolezza primordiale e a ridare giusta importanza ai sensi, dopo un’era nella quale la tecnologia li ha impoveriti.

3. Filter

Questi colori esaltano il nostro mondo, quello in cui viviamo e che ci piace così com’è. Con la voglia di cambiare il mondo in meglio attraverso una sana consapevolezza delle nostre potenzialità. Una visione positiva che passa per il riciclo creativo, la lotta all’inquinamento e al riscaldamento globale…

4. Control

L’ultima palette evoca il nostro bisogno di comprendere, di sfidare le incertezze, di avere risposte concrete alle nostre domande. È una tavolozza composta da una serie di colori più accesi, quasi colori primari.

Ovviamente queste sono le macro-tendenze identificate dagli esperti di tutto il mondo. Poi le tonalità possono venire leggermente modificate in base a vari fattori, tra i quali le aree geografiche, la storia e le culture locali.

Ma diciamo che “di qui non si scappa”. Chi volesse maggiori informazioni le può trovare sul magazine Mix, edito da Colour Hive.

L’incontro con gli esperti di Colour Hive, durante il quale sono state presentate in anteprima per l’Italia le nuove tendenze colore 2018-2019, è stato organizzato da Victoria+Albert Baths nel suo showroom milanese. L’evento, a pochi giorni da quello analogo di Londra, ha svelato le novità che vedremo nei prossimi anni, sottolineando l’importanza del colore nel mondo del design. La sua funzione strategica nel marketing e nella comunicazione delle aziende, l’impatto emozionale del colore all’interno della casa, nella moda e nel design.

L’evento, che fa parte del ciclo di incontri “Culture Club”, è stato organizzato da Victoria+Albert Baths, con la collaborazione di Fiora e Brochier

Colour Hive:

Colour Hive è un’agenzia creativa con base a Londra, riconosciuta a livello internazionale per le sue ricerche nel campo del colore e delle tendenze per l’industria del design.

Colour Hive non si limita a identificare e a mettere in evidenza tendenze già in fase embrionale, ma al contrario si occupa di analizzare e prevedere quelle future, con un anticipo di almeno 2 anni.

I creativi di Colour Hive hanno organizzato la Trend Academy, un master dedicato ai professionisti del design che si compone di lezioni, seminari e laboratori su colore e tendenze.

Inoltre lo studio londinese pubblica il celebre Mix Magazine, l’unica pubblicazione periodica dedicata a colori e tendenze. Negli ultimi due numeri ad esempio, il n. 48 e il n. 49, si anticipano le tendenze per la stagione primavera-estate 2019. Tutti i numeri di Mix Magazine possono essere acquistati online.

Circus, i celebri pouf di Normann Copenhagen realizzati da Simon Legald sono pronti per arredare le vostre casa con una nuova gamma di colori.

Quanto sono comodi! Facili da spostare e ottimi per completare la propria esperienza di relax. Ma ancora più versatili quando si abbinano perfettamente allo stile che adottiamo per i nostri spazi o, più banalmente, per abbinarli all’arredo.

E naturalmente la tendenza 2017 del velluto non può venir meno.

Normann Copenhagen presenta nuovi colori, che completano le diverse esigenze del cliente, adatti per chi desidera qualcosa di più calmo e tranquillo, o per chi vuole dare un tocco di estro ai propri spazi.

Rosso ruggine, giallo bruciato, azzurro, beige, lilla polvere e tanti altri: tutti in un luminoso velluto che esalta e valorizza la forma minimale della morbida seduta.

Un complemento d’arredo che con la sua linearità regala un tocco di valore alla vostra casa, accanto al divano, o a un tavolino, o perché no come elemento decorativo per la vostra camera da letto.

www.normann-copenhagen.com

Random è una degli oggetti icona di casa Mdf, una libreria che oggi si rinnova e diverta super colorata.

Un progetto che è sempre stato considerato in continua evoluzione, perchè ha cambiato il concetto di libreria trasformandolo in qualcosa di scultoreo che si può personalizzare all’interno degli ambienti.

Quest’anno Random si completa, e Mdf presenta una serie di cromie tutte diverse che danno vita alla libreria e permettono a tutti di personalizzare al massimo i propri spazi.

I moduli della libreria rimangono gli stessi, Random 2C e 3C, permettendo come sempre di creare un prodotto flessibile e adattabile a qualsiasi richiesta.

Per rimanere in linea con le tendenze del momento, Random si colora di toni sul pastello, per abbandonare il total white e abbracciare nuance tenue, delicate e romantiche.

Ma non fermatevi alla prima proposta, perché l’azienda stessa propone una variante a contrasto di tutta la libreria, per creare un gioco creativo e unico, e ovviamente esaltare il tratto distintivo del prodotto.

www.mdfitalia.com

Pitch è la lampada by Vitamin dai colori vivaci e dal design moderno, talmente bella e semplice che sarà un piacere esporla da sola o, perché no, insieme ad altre sorelle.

Questa lampada a sospensione, dalla parvenza di un bocciolo, punta tutto sul colore, che cambia le sue sfaccettature grazie alle angolazioni della cupola.

Come nasce Pitch

Pitch è stata completamente realizzata in alluminio sfaccettato, che disegna la forma tra il morbido e il geometrico della lampada.

La scocca è sormontata da una cupola che permette alla lampada di essere direzionata secondo le proprie necessità, per indirizzare la luce dove più serve.

In soggiorno, in camera o in cucina, Pitch si adatta a qualsiasi ambiente, grazie alle svariate colorazioni offerte dall’azienda.

Proprio per questo, Pitch permette di costruire composizioni graficamente piacevoli abbinando diverse lampade dai colori diversi.

Dove trovare Pitch

Se desiderate acquistare la propria lampada o volete avere maggiori informazioni, potete visitare il sito dell’azienda e lo store online.

www.vitaminliving.com

http://store.vitaminliving.com