Sosteniamo Cascina Cuccagna

Editor:

In collaborazione con la casa d’aste Christie’s, giovedì 5 maggio alle ore 20.00 in Cascina Cuccagna si terrà un’asta benefica di oggetti donati da personaggi illustri del mondo dello spettacolo, della cultura, dell’arte e dello sport.

Giovedì 5 maggio preparatevi a vivere negli spazi di Cantiere Cascina Cuccagna un evento del tutto eccezionale. La direttrice della celebre casa d’aste Christie’s, Clarice Pecori-Giraldi, interverrà in cascina per dare il via ufficiale alla prima asta in cantiere mai tenuta in città. Un evento che servirà a finanziare la chiusura dei lavori di restauro della Cascina Cuccagna.

Grazie alla generosità di numerosi personaggi illustri è stato possibile raccogliere ben oltre 50 lotti: quadri, manoscritti originali, strumenti musicali, scatti autografati, disegni e tavole, abiti, dischi, accendini e numerosi oggetti personali autografati che per l’occasione verranno venduti a favore del Progetto.

Tra i grandi personaggi che hanno risposto positivamente a questa iniziativa ricordiamo: Alessandro Quasimodo che ha donato una splendida penna e due accendini appartenuti al padre Salvatore, Andrea Jonasson che ha donato un orologio d’argento da tasca appartenuto a Giorgio Strehler. Ringraziamo poi Giovanni Storti del trio Aldo Giovanni e Giacomo, Gae Aulenti, Roberto Baggio, Slatan Ibrahimovic, Andrea Camilleri, Claudio Bisio, Lorenzo Jovanotti, Gabriele Salvatores, Silver, Vasco Rossi, Ezio Greggio, Ornella Vanoni, Giorgio Cavazzano e tanti altri ancora.

www.cuccagna.org

 

 

3 thoughts on “Sosteniamo Cascina Cuccagna

  1. andrea

    E’ veramente importante che la città sia in grado di ripensare la sua storia territoriale e trovi la volontà e le risorse per preservare la memoria della relazione tra il tessuto urbano e quello rurale. Anche pensando all’Expo prossima ventura e ai temi che dovrebbe mettere al centro della discussione…

    Reply
  2. marina

    … ho visitato il sito e mi piace anche lo spirito -per niente localistico (quindi narrow-minded e privatistico)- attraverso il quale si sta pensando la nuova vita del complesso in questione, senza perdere i riferimenti con il territorio di cui è prodotto e che spero continuerà ad influenzarne lo sviluppo.

    Reply
  3. Design Street

    Condividiamo lo spirito di questi commenti. La città che riscopre se stessa e riutilizza i propri spazi ci piace di più della città che ha bisogno di costruire nuovi simboli, nuove piramidi, per celebrare se stessa!
    Design Street

    Reply

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.