Tag

trasformabile

Browsing

Library Chair, la sedia libreria, è una sedia che diventa scaletta con un semplice gesto. Un oggetto pratico e funzionale che occupa poco posto e che riesce a risolvere problemi di tutti i giorni. In cucina, per raggiungere i pensili più alti. Nel living, per accedere alle mensole della libreria. In camera da letto, per riporre le coperte nella parte alta dell’armadio…

Solitamente non è facile progettare un prodotto “ibrido” con più funzioni, ma ci sembra che questa sedia che diventa scaletta, sia decisamente riuscito. Sia per il design, sia per la sua funzionalità.

Disegnato da J.Schotte, dello studio inglese Group Design, la sedia si caratterizza per la sua linea essenziale ma ben curata nel dettaglio, con la sua struttura in multistrato di betulla lasciata volutamente a vista, con le sue tecniche di lavorazione che mescolano abilità artigianali e tecnologie a controllo numerico.

Un oggetto forte e di carattere che, questo è il suo vero pregio, non tenta di mimetizzare, come spesso accade, la sua doppia funzione.

www.groupdesign.co.uk

Meda, il divano letto trasformabile

Meda è il divano letto trasformabile che incarna l’essenza del design italiano, da chi l’ha progettato a chi l’ha prodotto, dai materiali e dall’estetica.
Internoitaliano e l’azienda produttrice BertO uniscono le proprie capacità per la creazione di un prodotto che, diciamolo, fa proprio sentire a casa.

Il concept

Un divano letto trasformabile che si adatta a qualsiasi esigenza del momento: guardare la tv, o l’isolamento, o leggersi un libro, o dormire, o far giocare i bambini! Ogni attività richiede la propria posizione, e Meda risolve ogni problema.
Basta semplicemente spostare i cuscini, che come moduli rettangolari si muovono all’interno della struttura in multistrato di pioppo.

Libera la tua creatività

Un divano, una chaise longue, un letto… Meda può essere tutto quello che volete!
Un design semplice e intuitivo che gioca sulla creatività e sull’essenza dell’abitare italiano.
E allora, prego, accomodatevi pure e lasciatevi ispirare!

www.internoitaliano.com
www.bertosalotti.it

Kitchen Box, la cucina monoblocco per piccoli spazi

 

Come ottimizzare gli spazi quando si vive in un monolocale o in una casa piccola? Come organizzare zona pranzo, zona cucina, zona notte in modo che la stanza non diventi un labirinto?

Una risposta concreta a questi problemi la propone Clei con i suoi programmi componibili brevettati per l’arredamento dello spazio giorno e notte. Si tratta di sistemi trasformabili e versatili che permettono di progettare soluzioni salvaspazio intelligenti senza rinunciare al design.

L’ultimo nato della collezione è il Kitchen Box, la cucina monoblocco a scomparsa, composta da due elementi attrezzati che si aprono a libro mediante una grande anta girevole su ruota. Per la massima flessibilità d’uso, l’elemento apribile può essere destro o sinistro.

Il primo elemento contiene la dispensa e un tavolo ribaltabile (cm. 120 x 60) che, una volta aperto, si può collegare con il top per aumentare il piano di lavoro. Il secondo elemento invece contiene una attrezzatissima cucina composta da lavello, piano cottura a induzione da 2 fuochi, frigorifero sottopiano da 130 litri, lavastoviglie da 6 coperti, forno a microonde e cappa.

Incredibile, no?

Grande cura è stata data anche alla qualità e alla resistenza dei materiali utilizzati, tutti anti impronta e resistenti ai graffi, oltre che idrorepellenti e antimuffa. La cucina monoblocco Clei viene fornita completa di top in laminato Fenix, schienale in vetro ultralight, luci led e barra porta accessori, ed è già predisposta per il collegamento idraulico ed elettrico.

Kitchen box è perfettamente integrabile nel programma Clei Living System nelle finiture melaminico e laccato.

E quando arriva la sera, basta chiudere la cucina monoblocco Kitchen Box e aprire il letto per trasformare la cucina in una confortevole camera da letto!

 

 

Il design dedicato ai bambini mi è sempre piaciuto e lo pubblico volentieri. Questa volta è il turno dell’azienda tedesca Richard Lampert che completa la sua linea “Famille Garage”, disegnata da Alexander Seifried, con un nuovo sistema letto trasformabile che cresce insieme al bambino, dall’infanzia alla prima adolescenza.

Quando viene utilizzato come fasciatoio, il materasso può essere regolato in altezza e il “guardrail” di protezione può essere rimosso. In seguito, i pannelli laterali alte possono essere rimossi per creare un letto per bambini con materasso di 70 x 120 centimetri ma, estendendo la rete a doghe, il letto può allungarsi fino a contenere materassi fino a 70 x 160 centimetri.

Oltre il letto, la linea comprende una piccola e una grande scaffalatura, due cavalletti di diverse dimensioni, un tavolo e una panca.

Fin qui, niente di unico… Ma la cosa veramente speciale in questa linea di mobili che si può comporre o scomporre come un gioco di costruzioni. Basta togliere i cavalletti al tavolo, girarlo a testa in giù e metterlo sullo scaffale grande per creare un fasciatoio. I cavalletti inferiori vengono utilizzati con la panca per creare posti a sedere.

Contenitori in plastica colorata atossica (adatta anche per gli alimenti) trasformano la scaffalatura in contenitore per giocattoli, pannolini o altri piccoli oggetti Inoltre, la scaffalatura più piccola può anche essere montato a parete.

www.richard-lampert.de

 

Carboat è un gioco eclettico per bambini, che unisce il divertimento alla creatività, che stimola l’apprendimento e la fantasia dei bambini.

Un oggetto trasformabile progettato Alessio Silvi per Decorstyle: una macchina che diventa barca o viceversa. Basta montarla in un senso o nell’altro per scegliere di essere un pirata o un pilota di Formula 1.

Un unico kit di montaggio per due giochi differenti, ecologico e facile da assemblare… e da rimontare tutte le volte che si vuole cambiar gioco!

Carboat è ricavato da materiali naturali di altissima qualità ed è prodotto nel rispetto dell’ambiente.

Per i bambini più esigenti c’è la possibilità di giocare in modo interattivo inserendo il tablet  in un apposito supporto dedicato.

www.decorstyle1975.it

Prime non è solo un divano. Come sostengono i designer Dejan Kos, Damir Islamović e Klemen Smrtnik, fondatori dello studio Desnahemisfera, Prime è l’inizio di una nuova generazione di sedute, pensato per le esigenze moderne e progettato per adattarsi a qualsiasi spazio abitativo. Disegnato per M Tom, Prime è un sistema di sedute modulare. Un divano trasformabile che permette di ricavare due poltrone e un pouf-poggiapiedi in più, raddoppiando la zona living con un semplice gesto. E’ sufficiente estrerre i moduli fuori dai lati e dalla parte anteriore del divano, e il gioco è fatto!.

www.desnahemisfera.com

www.mtom.si

L’idea è quella di continuare con le abitudini quotidiane ma senza il rischio che queste abitudini comporta. Parliamo di salire su una sedia per prendere qualcosa che abbiamo riposto in alto, col rischio di cadere e farsi male. I designer Elena Albricci e Claudio Fiumicelli, fondatori di Studioventotto, hanno valutato l’offerta attuale di sedute-scaletta e hanno osservato che tutti i prodotti sul mercato sono accomunati dalla presenza di meccanismi (che ne alzano il costo) e da un’estetica fortemente influenzata dalla doppia funzione. Hanno dunque pensato a Suppergiù, un prodotto che potesse costare come una normale sedia in legno che con rapidità passasse da una funzione. Il risultato è una sedia apparentemente simile a tutte le altre ma con alcune differenze fondamentali che con poche semplici mosse la trasformano in una pratica e sicura scaletta. Suppergiù è realizzata in legno e metallo e attualmente è un prototipo realizzato da Artelegnolab. www.studioventotto.com www.artelegnolab.it

“Onetwothree” è il divano-letto trasformabile progettato da Cristina Prinetti, graphic designer prestata all’arredamento.
Si sa che la necessità aguzza l’ingegno, e quando è stato il momento di comprare un generico divano trasformabile, è parso evidente a Cristina che il problema poteva anche essere risolto in modo diverso e più semplice. Non solo. Si poteva anche ambire ad avere nuove funzioni e maggiore flessibilità d’uso, per mezzo di una scaltra soluzione formale e costruttiva.
Ecco come è nata questa soluzione di imbottito, adatta alle esigenze di trasformabilità e immediatezza, comuni a varie tipologie di clientela e di ambito di utilizzo. “Onetwothree” diventa con poco sforzo un divano, un letto a una piazza e mezzo da 120×200 cm, o una chaise longue.
Il concetto costruttivo è basato sull’impiego di imbottitura a tutto spessore in poliuretano ad alta densità (e privo di cfc) come sola struttura interna e sfruttando le cuciture del rivestimento (in tessuto, in ecopelle o in cotone) come cerniere tra le parti mobili. Nella versione da esterno l’imbottitura è del tipo idrodrenante e il rivestimento è in tessuto outdoor.
La linea prevede anche un secondo elemento, anch’esso trasformabile: la poltrona-pouf-tavolino da 100×90 cm.

www.cristinaprinetti.com

Ramino è un tavolo-pouf-divano. Un elemento d’arredo eclettico e trasformabile disegnato da due giovani architetti, Alessandra Corsi e Giorgia De Rossi, pensato appositamente per gli spazi piccoli dove gli ingombri diventano importanti.

Arredi per case nomadi, in continua trasformazione, capaci di ampliarsi o ridursi al minimo a seconda delle necessità del momento, dei momenti della giornata, ma anche dal numero dei frequentatori dell’ambiente stesso.

Ramino è un tavolino in legno naturale (o con finitura laccata in vari colori) attraversato sulla superficie da lunghi intarsi colorati, in uno dei quali è inserito un elastico che permette di riporre un giornale, la posta del giorno o un libro, tenendo anche il segno della pagina.

Ramino a sorpresa si fa anche “divano” con tre sedute informali per momenti di relax, fugaci impegni di lavoro o una partita a carte con gli amici! Ramino infatti contiene 3 comodi cuscini in gommapiuma semirigida rivestita in stoffa di tonalità diverse di colore, che forniscono comode sedute. Le dimensioni del massimo ingombro sono 60 x 80.

www.alessandracorsi.it

Mimodesigngroup presenta 2.9, un divano pensato per un target giovane e dalle linee contemporanee, che si trasforma in letto, permettendo di sfruttare al meglio lo spazio a disposizione.

Un nome dʼispirazione social per un complemento che risponde alle esigenze di nuovi stili di vita, e lo fa sia con la generosità delle dimensioni (2.9 metri) sia con la propria mutevole funzionalità.

Divano, letto matrimoniale o una coppia di letti singoli, 2.9 è un divano nomade e trasformabile che, grazie ad un semplice dispositivo a gancio ed alle ruote che ne consentono il movimento, si trasforma in pochi gesti.

Caratterizzato da una seduta profonda e da volumi comodi e di particolare spessore, questo modello si contraddistingue per le linee pulite che si adattano a contesti informali come a ambienti più ricercati. 2.9 dispone infatti di molteplici soluzioni di rivestimento in tessuto completamente sfoderabile e disponibile in molteplici varianti.

www.mimo.it