Tag

fashion

Browsing

L’iconico pouf gonfiabile “Inflatable Stool” di Verner Panton, rieditato per Prada.

Inflatable Stool, uno dei più trasgressivi progetti del grande designer danese Verner Panton, è stato rieditato in esclusiva per Prada. In particolare, questo straordinario pouf gonfiabile disegnato da Verner Panton negli anni 60 e prodotto oggi dal brand Verpan, è stato rimesso in produzione in occasione della sfilata Prada Uomo – Primavera/Estate 2019. L’evento si è svolto durante la settimana milanese della Moda, a giugno di quest’anno, nello scenografico Spazio Cartesiano di via Fogazzaro.

Ma dovete sapere che gli iconici brand Verner Panton e Prada non è la prima volta che si incontrano. Qualche anno fa lo storico divano componibile Leaf, disegnato da Panton nel 1970 e prodotto da Verpan, è stato scelto in una sua limited edition per arredare lo showroom Prada di via Montenapoleone a Milano.

Guarda il progetto VERNER PANDON PRADA di via Montenapoleone

L’originale Inflatable Stool di Verner Panton

Disegnato da Verner Panton nei primi anni ’60, Inflatable Stool è stato uno dei primi oggetti d’arredo gonfiabili in assoluto. E ha anticipato una moda che qualche anno dopo, complice lo sviluppo dell’industria della plastica, ha coinvolto il mondo della casa a 360°.

L’Inflatable Stool di Verner Panton, dimostra ancora una volta, se mai ce ne fosse ancora bisogno, la grande vena creativa e innovativa di Verner Panton, il cui stile si caratterizza proprio per il suo approccio audace verso nuove forme e nell’esplorazione di nuovi materiali. L’idea del designer era quella di creare un prodotto trasparente, quasi immateriale, che desse all’utilizzatore l’impressione visiva di galleggiare nell’aria.

Il pouf gonfiabile di Verner Panton doveva anche essere parte di un sistema. Nel progetto originale si poteva utilizzare come seduta singola oppure unito in composizioni di ogni genere per creare un divano, una zona salotto o un letto. La sua leggerezza consentiva infatti di modificare velocemente la composizione a seconda delle necessità. La seduta è realizzata in fogli di materiale plastico trasparente che vengono saldati e gonfiati fino ad assumere una forma cubica. 

La Riedizione del Inflatable Stool Verpan per Prada

La mente visionaria di Verner Panton anticipò troppo i tempi. Purtroppo infatti negli anni 60 l’industria non era ancora in grado di sviluppare tecniche di saldatura così sofisticate e il l’Inflatable Stool fu realizzato solo in qualche esemplare ma non fu mai messo in produzione seriale.

Oggi però le cose sono cambiate e grazie alle nuove tecnologie la realizzazione dell’Inflatable Stool di Verner Panton è diventata realtà.

Il pouf gonfiabile di Verpan per Prada è disponibile nei negozi Prada e sul sito prada.com al prezzo di €650.

Inflatable Stool ha la forma cubica con le dimensioni 50x50x50 cm. È realizzato con una pellicola trasparente termosaldata, riciclabile al 100%, e viene venduto in una preziosa confezione che contiene anche un piccolo compressore per gonfiarlo più facilmente.

http://www.verpan.com/

VIBRAM TROPICAL CARRARMATO, LA NUOVA INFRADITO DEI FRATELLI CAMPANA

Cosa ci fanno i Fratelli Campana a casa Vibram? Disegnano Vibram Troipical Carrarmato, una nuova calzatura per l’ottantesimo anniversario dell’azienda italiana specializzata in suole in gomma dalle alte prestazioni

Vibram Tropical Carrarmato è un’infradito (gli inglesi la chiamano “flip flop”) unisex in gomma, con il celeberrimo marchio giallo sulla suola.

Il design creato da Fernando e Humberto Campana riprende l’iconico disegno della suola Carrarmato, creata nel 1937 da Vitale Bramani, il fondatore di Vibram.

Negli ultimi anni Vibram ha creato diversi modelli di scarpa innovativa, dedicata al mondo dello sport e dell’outdoor, ma non aveva mai iniziato collaborazioni con grandi designer.

E così sono stati coinvolti i Fratelli Campana, che hanno già disegnato calzature per il brand brasiliano Melissa.

Le flip flop Vibram Tropical Carrarmato sono realizzate con le migliori mescole di gomma a diversa densità, con trattamento antibatterico, che garantiscono il livello di qualità, comfort e sicurezza tipiche dalle suole Vibram.

A dimostrazione dell’importanza di questo debutto nel mondo del design di Vibram, le infradito dei fratelli Campana verranno presentate a Miami, in occasione della Design Week e di Art Basel all’interno del Vibram Sole Factor Truck.

Un evento che porta per le strade di Miami dal 4 al 6 dicembre un vero e proprio laboratorio itinerante che mostrerà al pubblico le varie fasi della lavorazione della suola e come è possibile migliorare le performance delle calzature.

www.vibram.com

I nuovi occhiali da sole Moooi

Third Eye Collection è la nuovissima linea di occhiali Moooi realizzati in collaborazione col brand sudcoreano Gentle Monster, fra i nuovi brand emergenti nel mondo dell’occhialeria fashion e di lusso. Si tratta di una collezione di occhiali da sole ispirata all’antico Egitto e al misticismo del terzo occhio.

Gli antichi geroglifici egizi infatti collegavano il simbolo grafico ‘O’ ad a occhio umano. Il terzo occhio, per l’esattezza, che nella mistica rappresenta una capacità di visione interiore profonda, che va oltre la normale vista. Inoltre il terzo occhio riprende la terza “O” di Moooi.

 

Moooi x Gentle Monster from Moooi on Vimeo.

Chi meglio del genio fondatore di Moooi, Marcel Wanders, poteva raccontarci questa nuova avventura?

”Tenevamo d’occhio Gentle Monster da parecchio tempo e finalmente si è concretizzata l’opportunità di incontrarci a New York. Qui abbiamo scoperto la nostra ammirazione reciproca e sentiamo che condividiamo la stessa filosofia, lo stesso cuore pulsante e la stessa allure creativa”.

La nuova collezione di occhiali Moooi rispecchia infatti un’idea di “lusso creativo” che, insieme alla sperimentazione di alto livello, sono valori fondamentali che uniscono i due brand.

La nuova Third Eye Collection

La Third Eye Collection di Moooi è composta da quattro stili di occhiali: Trinity, Divinity, Sincerity and Infinity, ognuna in diverse opzioni di colore.

Tutte le montature degli occhiali Third Eye di Moooi sono costruite intorno a lenti rotonde, il filo conduttore della collezione

La collezione Third Eye è disponibile dal 9 novembre presso gli showroom Moooi e gli showroom di Gentle Monster in tutto il mondo, oltre che online su GentleMonster.com e moooi.com, dove ono disponibili più opzioni di colore per ogni stile.

I prezzi

I prezzi al pubblico degli occhiali Moooi in Europa variano da €345, a €455

Dove si possono acquistare gli occhiali Moooi

Gli occhiali da sole della Third Eye Collection di Moooi sono già disponibili presso i negozi Moooi di Londra, New York e Amsterdam. Ti è difficile raggiungerli? Niente paura. Si possono acquistare anche online

Per gli acquirenti online Moooi ha anche reso possibile ordinare i tuoi occhiali da sole sul nuovo negozio online Moooi, sul sito:  www.moooi.com/gentlemonster

Doppie lenti per la collezione Trinity

Le varianti colore della collezione Divinity

Doppie lenti “rotanti” per la collezione Sincerity

 

I tre modelli della collezione Infinity

La stilista Ying Gao presenta Possibile tomorrows, una collezione di abiti interattivi che unisce l’eleganza della moda con le ultime tecnologie studiate per rispondere a stimoli esterni.
Gli abiti interpretano una poesia, che si innesca nel momento in cui si entra in contatto con il corpo umano, tramite le impronte digitali.

Il pensiero

Un progetto di design radicale e sperimentale che invita a riflettere sulle connessioni tra persone, che costruiscono muri gli uni tra gli altri.
I vestiti sono visti come oggetto di sicurezza, legata ormai a un approccio troppo politico. Le persone si chiudono in se stesse e spesso non si aprono per conoscere altre persone.

Gli abiti interattivi

Gli indumenti, costituiti da due strati robotizzati, sono collegati da un sistema di riconoscimento digitale, che si esaurisce quando si entra in contatto con gli altri.
L’aspetto degli abiti prende ispirazione dai disegni geometrici, infiniti e contorti che si possono creare con il gioco per bambini Spirograph.
Nascono gli ipotrocoidi, curve disegnate che nascono dall’unione di un punto e di un cerchio.
La designer ha realizzato i singoli pezzi utilizzando una serie di logaritmi utili per la realizzazione di maglie in nylon, filettature PVDF, materiali termoplastici e dispositivi elettronici.

www.yinggao.ca

 

Tie&Apron (cravatta e grembiule) è un progetto davvero intelligente partorito dalla mente di Andrés Labi, un designer che vive a Tallinn, in Estonia. Tutto è cominciato nella primavera del 2013, quando Andrés ha disegnato il suo primo grembiule col quale ha partecipato concorso di progettazione “Male Thing”, organizzato dall’Associazione Estone dei Designers. Da allora è stato un successo crescente che ha portato il Tie&Apron a modificarsi fino ad raggiungere la linea attuale.

Pensato originariamente per l’uomo, può essere utilizzato indifferentemente da entrambi i sessi, anche se Andrés sta lavorando ad un modello più sottile per le donne e a una versione più piccola per i bambini. Molti di ristoranti e caffetterie in tutto il mondo lo hanno già adottato personalizzandolo col proprio logo. Tie&Apron è disponibile per ora in due modelli: Barista e Chef, più lungo e dotato di una spaziosa tasca capiente, ed è ordinabile online. Tutti i grembiuli sono realizzati a mano in Estonia, Europa.

www.tieapron.com

ISO family è una collezione di contenitori e borse termiche proposte da Reisenthel. Una linea pensata appositamente per conservare il cibo quando si è fuori casa senza però rinunciare allo stile e al look personale.

ISO family offre infatti una gamma molto ampia e differenziata di prodotti, a partire dalla taglia XS, perfetta per portarsi il pranzo o la merenda in ufficio o a scuola, fino alle borse termiche dalle dimensioni più grandi, adatte per fare la spesa, per un viaggio o per un picnic all’aria aperta.

Il tutto, impreziosito dalla cura che Reisenthel ha sempre messo nella qualità dei prodotti, dei dettagli, nell’attenzione alla moda. Tutte le borse termiche della linea ISO family, infatti, sono veri e propri accessori moda, con in più l’utilità della funzione specifica di conservare a lungo il cibo in condizioni ottimali, fresco o caldo che sia.

La collezione di borse termiche ISO family si compone, dicevamo, di diversi prodotti. A partire dal piccolo Coolerbag in formato XS (33×29 x11 cm), al Foodbox iso, disponibile in due dimensioni (33x29x11 cm e 22,5x20x10,5 cm). Dal Freshlunchbag, pensato per conservare una quantità maggiore di cibi e bevande (41x48x14 cm), al Thermocase, una serie di borse termiche piccole e compatte, ottima da usare in viaggio (20x14x6,5 cm)

Per fare la spesa e portare a casa gelati e surgelati senza sorprese, c’è infine la borsa Thermoshopper che si chiude ermeticamente. Le sue dimensioni sono 38x35x16 cm.

www.reisenthel.com

 

Fab: questa straordinaria sedia couture è l’idea interessante proposta da Farg & Blanche, lo studio di design svedese-francese con sede a Stoccolma, fondato da Fredrik Färg e Emma Marga Blanche. I due designer sono partiti dall’idea di sedia che si comporta esattamente come un corpo: può essere utilizzata così, nuda e spoglia, mostrando le sue linee essenziali e la sua pulita struttura in legno, ma può anche rivelano una personalità tutta nuova quando viene vestita con abiti più o meno estrosi e stravaganti, fungendo così da struttura portante per le creazioni tessili simili ad abiti di alta moda.

La collezione FAB coniuga la produzione industriale con un’esclusiva sapienza artigianale. Le sedie infatti sono prodotte dalle più antiche fabbriche di sedia “shaker” ancora in attività in Svezia, mentre gli abiti “couture” sono realizzati a mano nell’atelier di Stoccolma dei due designer. Ispirato all’industrie della moda, questo progetto mira a portare un elemento più sperimentale e flessibile nel mondo di mobili di design.

È possibile scegliere tra una selezione di diversi capi di abbigliamento per la sedia FAB. Da una semplice ed elegante cintura in pelle alla sfrenata fantasia di magnifico tessuto scintillante.

www.fargblanche.com

Family bag, la borsa per mamma e bambini… Una borse che permette di gestire contemporaneamente la borsa e il bambino. La mamma tiene la borsa per il manico, il bambino tiene la borsa per il manico. Un manico diverso, però, più basso e a portata di bimbo. Un manico che è cucito sul fianco, dove è disegnata la figura del simpatico orsetto Anton e del suo amico uccellino.

Un aiuto per la mamma, che può avere sempre accanto a sé il bambino (o la bambina, ovviamente) anche quando ha entrambe le mani occupate. Un oggetto pensato per i genitori e pensato dai genitori, come spiega Reisenthel, l’azienda tedesca specializzata in borse che, oltre all’estetica, cura anche e soprattutto la funzione. Oggetti utili, innovativi e pratici.

Family bag è ampia e capiente (30 x 42 x 15 cm) ed è ricca di tasche interne ed esterne. È disponibile in diversi colori, con i manici a contrasto. Blu e gialla (e viceversa, gialla e blu), verde e arancione e rossa e nera.

Dove si acquista la Family Bag

Tutti i prodotti Reisenthel, Family Bag compresa, sono importati in Italia da Gift Company e possono essere acquistati online sul sito dell’azienda: www.giftcompany.it.

Prezzo al pubblico: 24,95 euro

 

 

 

Di occhiali in legno ce ne sono diversi, ma forse quelli di Wood Stock hanno qualcosa in più… Wood Stock è un gruppo di giovani, creativi e di ampie vedute, che hanno voluto andare controcorrente con un nuovo prodotto sloveno.

Partendo dal fatto che la Slovenia è un paese che è al terzo posto in Europa per la percentuale di terreno ricoperto da foreste e che esporta legno grezzo e limporta prodotti finiti, Wood Stock ha deciso detto di andare nella direzione opposta.

Hanno così pensato, disegnato e prodotto una linea di occhiali in legno realizzati interamente a mano per le persone che, come hanno fatto loro, vogliono cambiare la direzione in cui il mondo è diretto.

Essendo la loro una produzione artigianale, seppur supportata da tecnologie sofisticte (come ci mostra il video), i ragazzi di Wood Stock non si sono posti il problema di quanti occhiali da sole riescono a produrre. Quello che vogliono, è trasmettere il loro spirito attraverso prodotti realizzati con l’anima, la passione e la garanzia che ogni copia sarà unica, proprio come la natura stessa.

La storia di questi occhiali in legno è nata con il desiderio del designer Jaka Jancic di possedere un paio di occhiali da sole di legno, e dalla scoperta del fatto che la sua situazione finanziaria non ne permetteva l’acquisto… così ha deciso di realizzarseli da solo.

Il brand è cresciuto e da piccola azienda con pochi modelli, adesso Wood Stock produce occhiali in legno artigianali in diverse forme e finiture. Uno più bello dell’altro, verrebbe da dire…

Dopo i primi esperimenti, effettuati nel suo piccolo garage con strumenti primitivi (Jaka racconta che la prima copia era così brutta che stava meglio in tasca che sul viso…) e dopo due anni di sperimentazione e sviluppo, il risultato odierno è un prodotto di qualità e dal design molto curato.

Gli occhiali Wood Stock sono fatti a mano in diversi tipi di legno, sia sloveno che esotico, e possono anche essere realizzati con legno antico (armadi, vecchie botti, ecc…): un interessante plusvalore ecologico in grado di dare nuova vita a legni vecchi. Il legno viene poi protetto da una finitura all’olio di agrumi e cera d’api.

Gli occhiali da sole sono completati dalle migliori lenti al mondo: le Carl Zeiss Skylet e, per finire, possono essere personalizzati dal cliente nelle dimensioni, nelle forme e nella decorzione, con incisioni, con intarsi di altri legni o materiali, ecc…

Tutti gli occhiali in legno Wood Stock possono essere ordinati online sul sito: http://woodstockeyewear.com

 

Dal genio di Nendo è nato questo nuovo orologio da polso, il primo disegnato dallo studio giapponese, per il brand Ten Ten. Il nome è stato scelto come il nome del marchio, dal momento che il simbolo “:” che separa le ore dai minuti è per convenzione espressa dai due punti, e proprio Ten Ten è la parloa giapponese che esprime i due punti. E i due punti sono anche disegnati sul quadrante di fianco alle ore “3”.

Un altro fattore per la scelta del nome è stata la considerazione che quasi sempre le immagini degli orologi fotografati sui cataloghi o nelle pubblicità segnano le dieci e dieci, 10:10, in quanto l’angolo formato dalle lancette che ne risulta viene considerato più gradevole esteticamente.

Il tema progettuale del primo orologio da polso di Nendo è stato quello dei “viaggi aerei”. La delicata dalla forma ovale del quadrante infatti riprende l’immagine degli oblò degli aerei.

Il cinturino in pelle può essere facilmente rimosso e sostituito con la cinghia che viene fornita separatamente, così che l’orologio può essere attaccato al bagaglio proprio come si fa con la targhetta del nome.

Proprio per questa sua vocazione aeronautica, l’orologio Ten Ten è stato creato in una speciale edizione limitata per la compagnia aerea All Nippon Airways.

Questo modello si caratterizza per il quadrante che ha una sfumatura che passa dall’azzurro al bianco, esattamente il colore del cielo che si vede guardando fuori dal finestrino in un aereo che vola ad alta quota.

Purtroppo questi orologi sono disponibili, almeno per ora, solo in Giappone.

Maggiori informazioni si possono trovare sul sito: http://tenten-time.com

Foto di Akihiro Yoshida

Budri presenta la sua incredibile collezione di occhiali in marmo. Avete capito bene. In marmo. Come è possibile? Grazie al design, alla ricerca e all’evoluzione tecnologica di un’azienda riconosciuta nel mondo come eccellenza italiana nella lavorazione dei materiali lapidei. Nasce così la prima linea Eyewear by Budri.

Un modo per far capire come questo materiale, considerato un tempo freddo, pesante, difficile da lavorare, proprio grazie alle nuove tecnologie di lavorazione sia diventato materia leggerezza, malleabile e preziosa.

Come nasce l’idea degli occhiali in marmo? Nasce per caso, durante le fasi di realizzazione di Nat|f|Use (la collezione di marmi “3D” disegnati da Patricia Urquiola). Un elemento di marmo, cadendo a terra, si frantumò assumendo la sagoma di un occhiale. Inizia così una sfida sempre più ambiziosa e sensazionale: quella di forgiare il marmo per poterlo indossare e renderlo adatto a soddisfare le esigenze tecniche del montaggio di lenti plano e correttive.

Il progetto è stato affidato al designer Valerio Cometti, già specializzato nel mondo dell’occhialeria che aveva già sperimentato una collezione di innovativi occhiali in legno  per Feb31. Nasce così la nuova collezione di occhiali in marmo, da vista e da sole, realizzati in onice e pietre semi preziose.

Come sono fatti gli occhiali in legno Budri

Ogni occhiale è ricavato da un’unica lastra di pietra, accuratamente selezionata in cava e analizzata con sofisticati scanner di ultima generazione per garantire l’assenza di crepe e imperfesioni. Il marmo viene poi fresato fino a ricavare la sagoma della montatura.

La mascherina e le aste vengono poi assemblate con un’anima in fibra di carbonio, per garantire una maggiore resistenza e flessibilità al materiale, e infine trattate con nanotecnologie per renderle antibatteriche e oleofobiche.

La collezione Budri Eyewear è composta da cinque modelli, Donatello, Bernini, Michelangelo, Canova e Palladio, declinati in nove varianti di marmo.

budri.com

Paul Smith colora l’iconica lampada Type 75

Ottant’anni di storia e non sentirli: basta solo che lo stilista Paul Smith ci metta il suo colorato zampino…

La storica Type 75 continua a non perdere il suo fascino estetico e funzionale e si riveste di un nuovo abito, grazie alla terza collaborazione tra Anglepoise e Paul Smith.

La lampada da tavolo dal design senza tempo è stata già reinterpretata dallo stilista inglese per altre due edizioni, Type 75 – Edition One dai colori primaverili e Type 75 – Edition Two dai colori prettamente autunnali.

Questa volta la lampada si veste di colori primari, prendendo ispirazione dai lavori di Mondrian e dal De Stijl: il rosso, il blu e il giallo danno vita a un’icona del panorama dell’illuminazione.

La Type 75, disegnata dal product designer Sir Kenneth Grange negli anni 50, è nota per i suoi tre bracci in alluminio uniti insieme da molle in metallo cromato, che permettono un facile orientamento della luce sul tavolo da lavoro. Anche il diffusore è orientabile, mentre rimane fissa la base in ghisa, che assicura stabilità.

Moda di Carta . Opere di Isabelle de Borchegrave a villa Necchi Campiglio

Sono stato la settimana scorsa all’inaugurazione, nella splendida cornice della villa Necchi Campiglio di Milano, della strepitosa mostra “Moda di Carta”. Una bella esposizione di abiti storici, realizzati completamente in carta dall’artista e stilista francese Isabelle de Borchegrave.

Oltre 30 abiti di grandi firme della moda tra la fine dell’800 e i primi del ‘900 che dialogano con le sale della villa, patrimonio del FAI – Fondo Ambiente Italiano.

Moda di Carta a villa Necchi Campiglio
Abito Delphos di Mariano Fortuny (1910-1930)

Tra questi, tailleur di Dior, abiti da sera di Lanvin e di Poiret, vestiti da giorno di Chanel, le caratteristiche tuniche Liberty di Mariano Fortuny, alcuni coloratissimi kimono giapponesi e perfino la rigorosa redingote del Vate, Gabriele D’Annunzio.

Realistici effetti di velluto e di seta, pizzi e preziosi merletti, balze e accessori di ogni genere – dalle cinture alle scarpe – che ricordano la perfezione dei maestri fiamminghi.

All’ultimo piano della villa è ricostruito il laboratorio di Isabelle de Borchegrave, dove i visitatori sono invitati a vedere e a toccare con mano le carte, le plissettature, le tecniche sartoriali e pittoriche dell’artista.

Al primo piano, altri scenografici vestiti in carta della stilista francese dedicati ai secoli passati, tra i quali non passano inosservati i preziosissimi abiti scultura del Settecento (con tanto di scarpine e stivaletti coordinati, sempre in carta, ovviamente!).

Un’esperienza culturale davvero straordinaria, che mi ha lasciato senza parole e consiglio caldamente a tutti di provare, dato che sarà aperta fino al 31 dicembre 2016.

Sarà anche un modo diverso per scoprire Villa Necchi, uno dei capolavori dell’architettura moderna, un’oasi di verde nel cuore di Milano disegnata negli anni 30 da Piero Portaluppi. E per chi la conoscesse già, (io l’ho già visitata tantissime volte e la trovo sempre un’esperienza affascinante), sarà un modo per rivederla da un insolito punto di vista e per scoprire, oltre alla bella mostra, nuovi dettagli degli interni. Oltre che per sostenere il FAI, ovviamente!

Incredibile davvero l’atmosfera che si viene a ricreare all’interno della villa, animata da personaggi in carta d’altri tempi, e ancora più straordinario è scoprire i dettagli di questi abiti così belli e così delicati.

I migliori artigiani della carta in mostra a Villa Necchi Campiglio

La mostra Moda di Carta si inserisce nell’ambito dell’iniziativa “Manualmente”, ideata da Angelica Guicciardini e giunta ormai alla sua quinta edizione e che prevede, sabato 5 e domenica 6 novembre, una mostra mercato di 20 artigiani che rappresentano il meglio dell’eccellenza italiana ed europea nel lavorare la carta.

La mostra Moda di Carta: dove e quando

La mostra Moda di Carta è ospitata a Villa Necchi Campiglio, a Milano, in via Mozart 14 (nel cuore della Milano Liberty, tra San Babila e Porta Venezia).

È aperta fino al 31 dicembre 2016 dal mercoledì a domenica, dalle 10 alle 18.

Ingresso con visita alla villa:

Adulti: 12 Euro.

Bambini da 4 a 14 anni: 4 Euro

Iscritti al FAI: 4 Euro

Studenti universitari fino a 26 anni: 5 Euro.

Per informazioni: www.mondodicarta.it

Un pouf sacco che si prende e si porta in giro come una borsa. È questa l’idea del giovane brand toscano “MY home collection” che con Bag continua la propria esplorazione nel mondo dell’arredo, con una visione glamour e metropolitana del vivere quotidiano, Firmata dai designer Andrea Radice e Folco Orlandini, questo seduta reinterpreta in modo informale l’idea del pouf, trasformandolo, grazie ad un’impugnatura, in un modello portatile. La sua pratica tracolla permette infatti di trasportarlo in giro per casa, dove serve, a seconda delle necessità.

Guarda il nostro post sulle più belle poltrone sacco di design

Le linee sono ispirate al mondo della moda, mentre il comfort è garantito dall’innovativa imbottitura realizzata con un mix di materiali diversi, che mantengono sempre intatta la forma. Il rivestimento è disponibile in pelle o tessuto in numerosi colori da catalogo, ed è sfoderabile. 

www.myhomecollection.it

Si sa, lo studio giapponese Nendo è in grado di progettare indifferentemente arredi e complementi, accessori di design o fashion. E ogni volta riesce a stupirci per quell’idea in più che in maniera garbata, poetica, sempre geniale, aggiunge ai prodotti che firma.

Skirt shoes, le scarpe con la gonna

È anche il caso delle Skirt shoes che Nendo ha disegnato come parte di un progetto a sostegno di un piccolo laboratorio di scarpe situato a Shibuya, uno spazio molto conosciuto che rappresenta anche un luogo di ritrovo per giovani generazioni del Giappone.

L’idea che c’è dietro le Skirt shoes è molto semplice. Una classica scarpa da donna coi tacchi è ricoperta da un risvolto che fan sembrare le scarpe “vestite” con un’elegante gonnellina.

Le Skirt shoes sono disponibili in tre modelli di base: un sandalo col tacco con la gonna in materiale PVC trasparente, una scarpa con la gonna in cuoio trarforato a lineette e una la cui gonna unisce cuoio e materiale trasparente in modo da creare l’illusione di un taglio orizzontale che separazione le due fasce in pelle. Il tacco resta comunque visibile attraverso la gonna in ciascuno dei tre modelli.

Il materiale con cui è realizzata la gonna è stato lasciato leggermente abbondante così che sembra oscillare leggermente quando si cammina. L’evidente differenze tra l’elasticità e la durezza dei materiali, tra la pelle naturale e il PVC, hanno rappresentato una sfida importante nel processo di fabbricazione, rendendo fondamentale le capacità e l’intuizione di un calzolaio con molti anni di esperienza alle spalle nella creazione di queste insolite Skirt shoes, le scarpe con la gonna.