Paglia di Vienna: un trend fra passato e futuro

Editor:

Arredi in paglia di Vienna? Ecco come i designer reinterpretano il materiale simbolo delle sedie da bistrot.


Dici paglia di Vienna e subito pensi alle iconiche sedie dei caffè viennesi. O meglio, alla sedia n. 14 progettata da Michael Thonet nel 1859. È infatti proprio la celebre sedia di Thonet che introduce la paglia di Vienna nel design. La prima volta nell’industrial design, ma non la prima nell’arredamento. Il mitico intreccio a nido d’ape della canna da giunco è, infatti, una tecnica che vanta origini antichissime (si parla addirittura dell’Antico Egitto!).


Dopo il suo ingresso nell’industrial design a metà dell’800, la paglia di Vienna di strada ne ha fatta tanta. Lo confermano le tante icone realizzate con questa tecnica. Due nomi fra tutti: Cesca, la sedia a sbalzo disegnata da Marcel Breuer nel 1928, considerata uno dei simboli del Bauhaus; Rio, il tavolino con 6 spicchi firmato da Charlotte Perriand nel 1962, rieditato nel 2015 da Cassina.

LEGGI IL NOSTRO ARTICOLO SUGLI ARREDI BAUHAUS


Oggi la paglia di Vienna è tornata protagonista nel mondo del design, interpretata con uno sguardo nuovo. Già, dalle numerose riletture di Gebrüder Thonet Vienna alle originali proposte di piccoli brand e giovani designer, gli arredi in paglia di Vienna di certo non mancano. 

Ecco la nostra selezione.


ARREDI IN PAGLIA DI VIENNA


DOMM, Davide Frattini Frilli

Apriamo la nostra rassegna sugli arredi in paglia di Vienna con DOMM, la sedia disegnata dall’architetto Davide Frattini Frilli. La forma si ispira alla sagoma del Duomo di Milano. Le tecniche e i materiali sono, invece, quelli delle storiche sedie da bistrot: la paglia di Vienna e il legno di faggio massello curvato. A caratterizzare il progetto, l’anello di legno con un unico raggio di curvatura ripetuto in modo seriale. Una forma che dà alla sedia un aspetto dinamico e contemporaneo. (www.frattinifrilli.it)


NYNY, Gebrüder Thonet Vienna

Non si può parlare di arredi in paglia di Vienna senza citare i progetti di Gebrüder Thonet Vienna. Questo è NYNY, il nuovo mobile contenitore firmato da storagemilano. Un omaggio al New Museum of Contemporary Art di Nolita, l’edificio di New York costituito da 7 scatole rettangolari sovrapposte e sfalsate. Ogni volume di questo totem in legno e paglia di Vienna corrisponde a una funzione diversa: sotto, due cassetti; sopra, due vani con ante; lo spazio intermedio può fungere da scrittoio. (gebruederthonetvienna.com)


Solden, Gebrüder Thonet Vienna

Solden è un’altra novità 2020 di Gebrüder Thonet Vienna. La sedia si compone di un’ampia seduta quadrata imbottita e di uno schienale in paglia di Vienna che avvolge la schiena come un ventaglio. Un tributo ai codici stilistici degli anni ’30. La pulizia progettuale e le forme a sezione quadra richiamano, infatti, il periodo Bauhaus. (gebruederthonetvienna.com)


Piani, Editions Milano

Un tavolino, una consolle e uno scaffale. Sono questi gli arredi che compongono Piani, la collezione firmata da Patricia Urquiola per Editions Milano. La paglia di Vienna è utilizzata per i piani di appoggio, la struttura è invece in legno laccato con effetto iridescente. Una finitura che dona alla collezione un carattere contemporaneo. Di recente si sono aggiunte le nuove finiture Copper e Steel Blue. (editionsmilano.com)


Tropicana, Houtique

La paglia di Vienna si trasforma in un fiore. Parliamo di Tropicana, la linea di lampade disegnata da Serena Confalonieri per Houtique. Una serie di “petali” in paglia di Vienna, che nasce da una doppia ispirazione: i fiori tropicali e i ventilatori con foglie di palma. La collezione comprende una sospensione e una lampada da parete, adatte sia per uso residenziale che contract. (houtique.es)


Be My Guest, Warm Nordic

Be My Guest. Il mobile bar di Warm Nordic ci accoglie già con il nome. La paglia di Vienna e le forme arrotondate parlano una lingua rétro. La struttura in metallo nera dà invece al progetto un tocco contemporaneo. Pensato per l’happy hour, Be My Guest può essere impiegato anche con altre funzioni. Non solo spazio per spritz e gin tonic, dunque, ma anche per i nostri oggetti del cuore. (www.warmnordic.com)


Letto Joyce, Morelato Ebanisteria Italiana

Joyce è il letto disegnato da Libero Rutilo per Morelato. Il cuore del progetto è nell’ampia testata in tessuto e paglia di Vienna che avvolge la struttura. Il rivestimento del letto può essere personalizzato grazie all’ampia proposta di tessuti. La collezione Joyce comprende anche una credenza e una chaise longue. Per portare il fascino degli arredi in paglia di Vienna in ogni ambiente della casa. (www.morelato.it)


Screen XI, Market Set Officiel

Uno chandelier in paglia di Vienna. Già, il classico lampadario a più bracci si veste con la canna intrecciata in Screen XI del brand francese Market Set Officiel. Per un effetto “vedo non vedo” di grande classe. La collezione Screen comprende anche due lampade da parete. L’una con un unico schermo in paglia di Vienna, l’altra con due schermi sovrapposti. (marketset.fr)


Brutus, BassamFellows

Brutus di BassamFellows si ispira al linguaggio modernista di Charlotte Perriand e Pierre Jeanneret. Lo schienale e la seduta costituiscono un blocco unico. Le gambe sono inserite nel sedile con una giunzione a incastro. Brutus è composta da una struttura in legno e da una seduta con rivestimento imbottito o, per l’appunto, in paglia di Vienna. (bassamfellows.com)

LEGGI IL NOSTRO APPROFONDIMENTO SULLA SEDIA BRUTUS


Cocoon Chair, ATBO

Una stanza nella stanza. La lounge chair Cocoon di ATBO offre un rifugio accogliente in cui potersi rilassare e proteggere dai rumori circostanti. Il guscio protettivo che avvolge la seduta è in paglia di Vienna. Perfetta per ritagliarsi un momento di privacy negli spazi pubblici, senza perdere di vista quello che accade intorno. (atbo.dk)

LEGGI IL NOSTRO APPROFONDIMENTO SU COCOON CHAIR


#80 chair, Aggestrup

Sempre a proposito di stanza nella stanza, ecco la lounge chair #80 dello studio danese Aggestrup. Qui la paglia di Vienna riveste completamente lo schienale, donando leggerezza alla seduta. La serie #80 comprende una poltrona ad angolo, un divano due posti, una poltrona con tavolino integrato. (www.aggestrup.com)


Cane Webbing, NLXL

La paglia di Vienna sulle pareti? Perché no! L’idea viene da NLXL. Il noto brand olandese di carte da parati ha, infatti, lanciato una serie di wallpaper che riproduce l’effetto della paglia di Vienna. La collezione si chiama Cane Webbing e comprende 4 diversi motivi geometrici – Angle Webbing, Drops Webbing, Square Webbing e Diamond Webbing – più una versione che ripropone l’effetto della paglia di Vienna in modo basico, senza motivi decorativi. (www.nlxl.eu)


LEGGI ANCHE IL NOSTRO ARTICOLO SULL’EFFETTO TERRAZZO VENEZIANO NEL DESIGN

Alessia Forte

Alessia Forte

Laureata in Lettere, creo contenuti per aziende del settore arredo e design. Nel 2012 ho aperto Interior Break, un blog sull'interior design e l'arredamento, con un focus sullo stile scandinavo. Nel 2014 Interior Break è stato premiato come “migliore blog di arredamento”, per la categoria contenuti, nel concorso "Blog-In" lanciato da IKEA Italia.

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.