La sedia “brutale” di BassamFellows

Editor:

Il brand americano BassamFellows lancia Brutus, una sedia dall’aspetto scultoreo ispirata alla celebre Chandigarh di Pierre Jeanneret.

Si chiama Brutus ed è la nuova sedia di BassamFellows, brand americano che da oltre 15 anni progetta e produce arredi di design di alta gamma.

Lanciata a Milano nel gennaio 2020, Brutus è una sedia che vanta riferimenti culturali importanti. Le sue radici vanno, infatti, ricercate nel linguaggio modernista di Charlotte Perriand e Pierre Jeanneret. Come le sedie disegnate da Jeanneret negli anni ’50 per la città di Chandigarh, nel nord dell’India, Brutus è una sedia dalla forte presenza scultorea. Una sedia basica e robusta, che però risulta più leggera visivamente rispetto al suo illustre predecessore.

Un unico blocco scultoreo

Più scolpita che costruita, Brutus si caratterizza per una forma che sembra invecchiata naturalmente e poi lavorata. Lo schienale ricorda un guscio enorme e, insieme alla seduta, costituisce una sorta di unico blocco scultoreo. Le gambe sono, infatti, inserite direttamente nel sedile con una giunzione a incastro.

Brutus è composta da una struttura in legno e da una seduta con rivestimento imbottito o in paglia di Vienna.

La versione in paglia di Vienna richiama la sedia in teak e canna trafilata progettata da Jeanneret. Rispetto alla Chandigarh, però, in Brutus la prospettiva è tutto. Le gambe sono infatti ellittiche, assottigliandosi dalla seduta al pavimento, e hanno la forma di una pinna di squalo arrotondata, rivelandosi larghe viste da un lato e sottili da un altro.

A proposito di BassamFellows

Da più di 15 anni Craig Bassam e il direttore creativo Scott Fellows reinterpretano il concetto di American luxury con la loro idea di “Craftsman Modern”. Ispirati al primo Modernismo e con una grande attenzione per l’ambiente, i prodotti BassamFellows sono realizzati per durare. Oltre ai vari arredi a marchio BassamFellows, l’azienda ha creato progetti per alcuni fra i brand più noti nel mondo, come Starbucks Reserve Roastery, Herman Miller e Stellar Works.

Foto: Marco Favali.

Alessia Forte

Alessia Forte

Laureata in Lettere, creo contenuti per aziende del settore arredo e design. Nel 2012 ho aperto Interior Break, un blog sull'interior design e l'arredamento, con un focus sullo stile scandinavo. Nel 2014 Interior Break è stato premiato come “migliore blog di arredamento”, per la categoria contenuti, nel concorso "Blog-In" lanciato da IKEA Italia.

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.