Tag

cartone

Browsing

TONKI: LA CORNICE IN CARTONE CON LA FOTO DENTRO

Tonki non è solo una cornice; è un nuovo modo per fissare su carta gli scatti più belli e per vivere (e condividere) le foto in modo diverso dal solito.

L’idea di Tonki nasce 5 anni fa dalla passione di Ruggero e Alessandra, due designer bresciani alla ricerca di una soluzione per “archiviare i propri ricordi” che andasse oltre la stampa tradizionale e le noiose cornici in plastica o in metallo.

Così, in una piccola fabbrica di cartone, ogni giorno pile di fogli prendono vita e danno forma ai ricordi più disparati. L’idea è semplice e geniale al tempo stesso: stampare la foto direttamente sul materiale di cui è fatta la cornice.

OGGIO NASCE TONKI NANO

Un foglio di cartone havana grezzo prefustellato. Nasce così Tonki, un quadro tutto d’un pezzo, ecofriendly, facile da montare, e molto “cool”, con la tua foto “incorporata”.

Oggi in casa Tonki c’è una novità: si tratta di Tonki nano, una cornice uguale alle altre ma di dimensioni dimezzate e un prezzo decisamente interessante Una soluzione che consente di creare composizioni più dinamiche nella propria collezione di cornici in cartone di design.

Avere una cornice Tonki personalizzata è veramente molto facile. Già, perché è sufficiente andare sul sito dell’azienda, caricare un’immagine (o anche sceglierne una dal proprio account Instagram) ed effettuare l’ordine. La cornice Tonki arriva a casa in pochi giorni, pronta per essere montata ed appesa alla parete o appoggiata su qualsiasi ripiano.

 

A Cat Thing è un progetto di architettura in cartone tutto per i nostri amati animali domestici, i gatti che non fanno altro che divertirci quando la loro attenzione viene rapita da una scatola.
Sono sempre curiosi, divertenti e devono sempre provare a infilarsi nel buco più piccolo di una scatola in cartone. Solo loro sanno davvero come riusarle e divertirsi.

Ma le scatole di A Cat Thing sono qualcosa di più. Propongono la possibilità di creare infinite strutture modulari assecondando la curiosità dei nostri piccoli e pelosi amici.

Il sistema modulare in cartone A Cat Thing

Una, due, tre… dieci scatole! Chi più ne ha, più ne metta, perchè non c’è limite alla creatività. Uno stimolo per la mente e il divertimento dei gatti e, perchè no, anche per il suo padrone.

Micro-architetture per spazi interni che si ispirano alle costruzioni prefabbricate della Lego, capaci di stuzzicare la fantasia.

Come costruire le strutture

Tutti le scatole sono modulari, e permettono di essere collegate tra di loro utilizzando piccoli giunti in stile origami.

Piccole “stanze” dove saltare, nascondersi, giocare e riposare, adatte a qualsiasi peso e grandezza. Una casa dentro la casa, tutto per l’amore dei nostri animali.
L’ultimo prodotto che è stato realizzato dalla casa di produzione taiwanese è composto da quattro moduli ben definiti: camera / soggiorno / balcone / rampa. Un vera e propria room collection, all’insegna della sostenibilità!


www.acatthing.com

Flexi-Hex è la rivoluzione nel mondo del packaging, per tutti quelli che amanti del cavalcare le onde non sanno mai come conservare le proprie tavole da surf.

C’è chi va di pluriball, chi di carta… tutti stratagemmi che non assicurano la cura della propria tavola quando riposta in magazzino o, meglio ancora, quando si è diretti verso una meta balneare.
Le soluzioni offerte dal mercato sono poche, e per la maggior parte si soffermano sull’uso di rotoli e rotoli di plastica che vengono sprecati.

Flexi-Hex è un sistema tutto nuovo, che consente di riparare la propria tavola da surf in sicurezza e prestando attenzione allo spazio (e all’ambiente!).

Cos’è Flexi-Hex?

Semplice: un imballaggio completamente in cartone, riciclabile e biodegradabile al 100%. Un imballaggio leggero da far invidia, economico e unico. Un sistema di cartone che si apre a ventaglio grazie alla trama in nido d’ape, che si adatta alla forma della tavola.

Larga, stretta, lunga o piccola, la tavola da surf sarà al sicuro!

Quali sono i vantaggi?

Flexi-Hex è facile da montare: basta infilare la tavola dentro il pack di cartone esattamente come un calzino, e chiuderlo con dello scotch anch’esso di carta.

Flexi-Hex, oltre a essere economico, immediato, leggero e riciclabile, offre elevate prestazioni di resistenza e durevolezza. Grazie alla sua struttura esagonale, questo pack è riuscito a superare cruch test con pesi di 31.000 kg/metro quadrato. Sorprendente quanto può essere resistente la carta, vero?

E in più, giusto per rimanere in linea con l’attenzione verso l’ambiente, Flexi-Hex è anche riutilizzabile, a differenza della maggioranza di pack per tavole da surf proposte.
Punto di forza è il design, accurato, di classe, che valorizza il materiale cartone, ma soprattutto essenziale e funzionale. Flexi-Hex ha la capacità di ritornare alla sua forma sottile e allungata iniziale, così da poterlo trasportare senza difficoltà anche da chiuso.

Per saperne di più

Se siete curiosi e volete avere maggiori informazioni, potete visitare il loro sito e lasciarvi incantare dal video.

www.flexi-hex.com

Cartoni 900 è il nome di questa lampada in cartone progettata dal designer olandese Wisse Trooster. Si tratta di una lampada a sospensione molto leggera e pratica, realizzata in cartone riciclato e dotata di illuminazione a LED.

Cartoni 900 è un oggetto dal design minimale che può essere utilizzato da solo oppure collegato ad altri elementi, per illuminare uffici o ambienti più grandi.

L’idea di Cartoni 900è molto semplice. La lampada è realizzata sovrapponendo una serie di fogli in cartone corrugato, con un top impiallacciato e la superficie inferiore del colore preferito. Il nome deriva dal peso molto ridotto della lampada: 900 grammi.

La lampada Cartoni 900 è stata presentata in anteprima durante la Dutch Design Week di Eindhoven ed è prodotta dal nuovo brand Cartoni Design.

www.cartoni.design

Disegnato per BTrade da Melissa Giacchi “Annaffiore” è un oggetto di design essenziale, minimale, divertente e soprattutto contrario agli sprechi. Ecologico, riciclabile e sostenibile, in quanto non consuma risorse naturali.

Le sue linee iconiche e squadrate associano la forma del classico annaffiatoio da giardino alla funzione di vaso monofiore.

La struttura è realizzata in cartone multistrato, dal quale spunta un’ampolla in vetro, il becco dell’annaffiatoio, che serve per contenere i fiori. La parte alta è tagliata a manico, in modo da consentire una facile presa.

Un contrasto materico decisamente forte tra il cartone, un materiale che non ama particolarmente l’acqua, e il vetro che invece è stato pensato per contenerla: una provocazione quella della designer umbra, che spinge il cartone verso nuovi usi.

Annaffiore è disponibile in due dimensioni: alto (27x13x6 cm) e basso (23x16x6 cm)

www.melissagiacchi.it

XXLight è una linea di oggetti illuminanti “oversize” che Roberto Giacomucci ha disegnato per Kubedesign, come naturale evoluzione della collezione XXL dedicata agli elementi d’arredo.
XXLight Collection comprende 5 lampade in formato XXL in cartone tridimensionale con diffusore in plexiglass. Ognuna ricorda nella silhouette un oggetto di uso quotidiano: dalla tradizionale abat-jour allo specchio da toilette, entrambi in stile rétro; dalla lampadina al mappamondo, fino a un omaggio a Milano con la mappa della sua linea metropolitana.

www.kubedesign.it

Si ispira a antiche tecniche artigianali, la serie di lampade Kerflight, disegnate dal Graypants, uno studio di design che ha base a Seattle e ad Amsterdam.

Realizzate con una struttura in filo d’acciaio verniciate a polvere, le lampade si caratterizzano per i “cappelli” in fibra di cartone riciclato e traforato, tagliati in modi diversi così da creare forme distinte e uniche per ogni lampada: il particolare taglio dei paralumi proietta ombre intriganti sulle pareti e sulle superfici.

Ripley, Rita, Palmer, Leland, e Selwyn sono i nomi dei cinque modelli. Tra queste, due sospensioni, due lampade da tavolo e una applique da parete.

I paralumi sono disponibili in tre varianti di colore: rosso, bianco e nero lava.

www.graypants.com

Si chiama EKO questo progetto di due giovani designer, Tommaso Di Filippo e Sofia Buti, studenti del corso di Industrial Design all’ISIA di Firenze. Si tratta di un amplificatore acustico per smartphone, un oggetto economico, ecologico e riciclabile realizzato in cartone alveolare.

“L’idea è quella di ribaltare un luogo comune che tende ad abbinare la tecnologia con il concetto di lusso. Un ironico accostamento tra un materiale povero, il cartone, e il simbolo della tecnologia più avanzata, lo smartphone”, ci raccontano Sofia e Tommaso.

Eko è composto da 9 dime in cartone più un cono di carta che funge da amplificatore.

Il nome Eko racchiude tutto ciò che il prodotto stesso rappresenta: Eko, come il fenomeno acustico, Eko-logico ed Eko-nomico.

http://bit.ly/1fZTL7F

ENCODE (Egyptian Node for Collaborative Design) è un progetto di studio di ricerca fondato ad Alessandria d’Egitto nel 2011 dalla collaborazione di tre architetti e accademici egiziani; Ebtissam Farid, Ahmed Abouelkheir e Mohamed Zaghloul. Attraverso la natura e la matematica, Encode vuole esplorare le potenzialità della progettazione digitale sviluppando sistemi di progettazione innovativi sia nell’architettura, sia nel design del prodotto.

Al recente Salone Satellite di Milano, lo studio ENCODE ha presentato “ORNAMATICS” un progetto di un gruppo di designer egiziani vincitori del concorso “Design+Industry” tenutosi in Egitto nel 2012.

ORNAMATICS è un sistema che sviluppa i tradizionali disegni grafici della cultura islamica adattandoli a oggetti d’uso comune: ornamenti traforati che filtrano la luce creando sorprendenti giochi di ombre.

Tra i progetti presentati, un sistema di schermi modulari in fogli di cartone sovrapposti, tre modelli di sedie , tavoli, tavolini tende e tessuti, tutti lavorati con la tecnica di taglio laser e poi assemblati. Tra i materiali utilizzati, oltre al cartone, il compensato, il plexiglas e il feltro.

www.encodestudio.net

 

Kubedesign, azienda leader nella produzione di arredi in cartone di design ha recentemente presentato Ted Hero, il suo “eroe di cartone”, un Art Toy che è già diventato una vera e propria icona dell’azienda.

A cavallo fra un manga, un elemento di grafica e un toy da film di animazione Ted esprime a pieno la filosofia Kubedesign: è in cartone, è ecosostenibile e riciclabile, è una lampada, ma oltre alla funzione per cui è stato pensato riveste, ovunque la si ponga, un ruolo di segno, di oggetto evocativo e non solo decorativo.

Oggi Ted Hero è oggetto di un divertente contest (di cui Design Street è Media Partner!), che si rivolge a giovani designers e studenti di design industriale, grafici e grafici pubblicitari, operatori del settore arredo e appassionati di design. L’obiettivo è quello di creare nuove decorazioni per il Ted Hero.
Scadenza per la presentazione delle idee, 1 settembre 2013.

Tutte le informazioni, il bando, i tracciati del Ted Hero, sono disponibili sul sito:

www.kube-design.it

 

Portare il cartone nel mondo del design è di moda. Ma c’è chi lo usa in un modo tradizionale (e spesso discutibile) e chi in modo in maniera creativa e innovativa.

Uno di questi è il francese Thierry Dumaine, 53anni, insegnante e designer per passione, il quale ha progettato la sua nuovissima Car-D-board, l’auto in cartone. Avevamo già pubblicato una splendida bicicletta in cartone, ma a un’auto, sinceramente, non eravamo ancora preparati. E Thierry ci ha smentiti con questo suo progetto che è arrivato in finale al prestigioso concorso “Michelin Challenge Design 2013”.

Si tratta di una vettura minimalista: senza portiere (“per stare a contatto con la natura”, spiega il progettista…), senza cruscotto integrato, senza tetto rigido, in un solo colore, realizzata con materiali leggeri e, ovviamente, a basso costo.

Il telaio è realizzato in plastica riciclata mentre tutto il resto, sedili compresi, è in cartone riciclato. Grazie al peso inferiore ai 300 kg, il suo motore di 400 cm3 può raggiungere la velocità di 120 Km/h. Con un occhio all’ambiente, Thierry Dumaine ha pensato a un’auto ibrida che funziona a benzina, aria compressa e a energia elettrica; inoltre le sue ruote sono studiate come turbine in grado di generare energia eolica.

La struttura e il motore non sono i soli elementi d’innovazione. Car-D-Board, infatti, non ha un cruscotto integrato ma si guida attraverso il vostro iPad.

www.michelinchallengedesign.com

 

 

È stata di recente inaugurata la nuova biblioteca civica Movimente a Chivasso (Torino). Uno spazio culturale dedicato ai libri (e quindi alla carta), arredato con elementi “a tema” disegnati da Nicoletta Savioni e Giovanni Rivolta per A4Adesign la quale, per l’occasione, ha fornito100 librerie Bookstack, grandi tavoli Dynamo, numerose sedute Streep e Multichair. Dov’è la notizia? La notizia è che è tutto rigorosamente realizzato in cartone cartone alveolare riciclato e riciclabile!

Sono i mobili essenziali, resistenti ed ecologici che arredano l’area espositiva, le postazioni informatiche, gli spazi-lettura per bambini e ragazzi. Un esperimento interessante ed ecosostenibile che propone un nuovo modello di biblioteca che ci auguriamo possa essere imitato.

La biblioteca Movimente, situata in un hub di transito (linee ferroviarie, autobus e parcheggi), potrà ospitare un patrimonio librario a scaffale aperto di 30.000 volumi.

www.a4adesign.it 

 

La cantina piemontese Fontanafredda ha intrapreso una collaborazione con Kubedesign, azienda italiana leader nella lavorazione del cartone anche nel settore arredamento, per la progettazione e la realizzazione di packaging sostenibili per le sue bottiglie.

I packaging sono stati, ideati e progettati dall’architetto Roberto Giacomucci, e hanno la caratteristica di trasformarsi, dopo l’uso, in complemento d’arredo per la casa. Tra i nuovi pezzi in collezione, segnaliamo “Cantinetta”, “Reloaded” e “Zipper”. Il primo si presenta come packaging-arredo per accogliere da 2 a 6 bottiglie che si trasforma rapidamente una cantina impilabile; il secondo è un astuccio da uno o due bottiglie che può essere riutilizzato come porta oggetti, porta cd, ma anche come mensola porta libri. L’ultimo ostenta una cerniera, un accessorio “fashion” che, per la prima volta, viene indossato dal cartone rendendo la confezione unica nel suo genere e riutilizzabile come contenitore milleusi per la casa.

Tutte le confezioni realizzate in cartone riciclato al 100%.

www.kube-design.it

www.fontanafredda.it

 

 

Seth e Jonathan sono amici di vecchia data e compagni di college nella facoltà di architettura dell’Ohio dove si sono laureati, (dividevano anche la stanza e il letto a castello, Seth nella cuccetta superiore e Jon nel letto inferiore). Dopo oltre 10 anni si vantano di ascoltare ancora la stessa musica rock, di indossare gli stessi pantaloni (grigi, ovviamente!) e di seguire le stesse tre regole: sognare, schizzare, realizzare. 

Nel 2008 Seth e Jon hanno fondato Graypants, uno studio che opera tra Seattle e l’Olanda, molto impegnato sia sul piano della sostenibilità dei materiali, sia nella sfera sociale, collaborando con i programmi olandesi volti ad assumere e valorizzare persone affette da disabilità. L’obiettivo è di creare qualcosa di bello con materiali altrimenti destinati a diventare rifiuti, come le vecchie scatole di cartone

Proprio da quasta idea è nata la collezione Scraplights, una serie di lampade realizzate in cartone tagliato al laser e assemblato a mano. Grazie ad un processo manuale, i vari strati di cartone assumono delle leggere variazioni di colore diversi tipi di ondulazione così da rendere ogni modello assolutamente unico! Belle da vedere di giorno, come pianeti sospesi nel cielo, di notte le lampade si illuminano proiettando sulle pareti un gioco di strisce di luce sempre diverso, a seconda della corrugazione nel cartone.

www.graypants.com

 

 

Il designer  Giorgio Caporaso ha firmato un’interessante collezione di eco-arredi in cartone per Lessmore. Una linea che spazia dalle poltrone alle librerie, dalle lampade ai vasi.

In particolare ci sono sembrate interessanti le sedute, in particolare i modelli X2chair e 2Onde due chaise longue dalle linee morbide e decise, realizzati in cartone riciclato e 100% riciclabile, con laterali in legno certificato FSC (per sottolineare ulteriormente il concetto di eco-design) e caratterizzate per le capienti aperture dove è possibile riporre oggetti e materassino. La prima può essere utilizzata in due posizioni, mentre la seconda è la classica chaise-longue che invita al relax.

www.caporasodesign.it