Afterimage furniture: gli arredi “sfuocati”

Editor:

No, non avete alcun problema alla vista! Questo è “Afterimage furniture”, un interessante progetto “sfuocato” di Bomi Park, una giovane artista-designer sudcoreana che abbiamo conosciuto alla fiera-laboratorio berlinese DMY.

Un progetto di mobili, due scrivanie dalle forme classiche sormontate da altrettante luci da tavolo e una lampada da terra, realizzate in rete di metallo ad effetto “Pixel”. Un risultato affascinante e al tempo stesso disorientante che pone l’accento sulla memoria degli oggetti del passato e sul nostro sguardo quotidiano. Uno sguardo sfuocato, come attraverso un vetro smerigliato. Scompare la forma distinta dell’oggetto, come se ci comparisse davanti quell’immagine residua che resta impressa nella retina dopo che abbiamo chiuso gli occhi. Quella stessa vaga illusione che emerge quando le persone evocano i ricordi del passato.

L’artista ha provato, con un risultato davvero eccezionale, a materializzare quell’immagine. Brava!

www.bomipark.com

 

One thought on “Afterimage furniture: gli arredi “sfuocati”

  1. giovanna

    molto interessanti, brillante soluzione… la donna delle pulizie un pochino meno contenta, comunque carinissimi

    Reply

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.