Tag

premio

Browsing

Last call per il celebre premio di design A’ Design Award!

Affrettatevi, mancano solo pochi giorni alla chiusura delle iscrizioni per il prestigioso concorso internazionale di design A’ Design Award. Il termine ultimo per le iscrizioni è infatti il 28 febbraio.


Affrettatevi… Le iscrizioni chiudono il 28 febbraio 2021.

Come si fa a iscriversi? Ma è davvero molto facile… basta accedere al sito, iscriversi e caricare i propri progetti. Per semplificare, ancora, è sufficiente cliccare qui.

Un’occasione da non perdere per tutti i creativi che hanno già un progetto realizzato, oppure solo un’idea innovativa, un concept; un concorso aperto non solo ai professionisti, ma anche alle aziende che possono così candidare i loro prodotti più rappresentativi.


Oltre 100 categorie!

Possono partecipare al concorso creativi di ogni genere perché l’A’ Design Award conta oltre 100 categorie. Per citarne alcune, segnaliamo: Good Industrial Design Award, Good Architecture Design Award, Good Product Design Award, Good Communication Design Award, Good Service Design Award, Good Fashion Design Award. Ce ne sono però molte altre, tra cui interior design, cucine, sistemi per l’illuminazione, moda, packaging, elettronica, automotive… Chi volesse approfondire, può scoprire tutte le categorie del premio A’ Design Award a questo link.


Guarda il nostro articolo che elenca, per data di scadenza,
tutti i concorsi di design italiani e internazionali


A’ Design Award: un trampolino per tutti i designer

A’ Design Award non è solo uno dei più famosi concorsi annuali al mondo dedicati al design. È anche e soprattutto una grande piattaforma creata per promuovere il lavoro originale dei migliori creativi che vedono i propri progetti esposti in una mostra delle opere premiate, oltre all’inserimento dei lavori nell’annual (disponibile sia nella versione online, sia in uno splendido volume di grande dimensione con copertina rigida). Ma non è tutto. A questo si affianca una una campagna di PR in esclusiva per tutti i prodotti design premiati, l’invito alla cerimonia di premiazione in occasione di un’imperdibile serata di gala sul lago Maggiore e, soprattutto, la possibilità di utilizzare il logo del premio su tutte le proprie azioni di marketing e di comunicazione. Oltre, ovviamente, all’ormai celebre trofeo stampato in 3D.

Dicevamo che le iscrizioni verranno accettate fino al 28 febbraio, mentre i vincitori verranno resi pubblici il 15 aprile 2021. I risultati verranno pubblicati anche dal nostro blog Design Street.


Fate presto e iscrivetevi entro il 28 febbraio 2021 a questo link!


Qui sotto, alcuni dei progetti di varie categorie che hanno vinto la scorsa edizione (2019-20).


Furniture, Decorative Items and Homeware Design


Packaging Design


Lighting Products and Projects Design


Vehicle, Mobility and Transportation Design


Architecture, Building and Structure Interior Space, Retail and Exhibition Design


Interior Space, Retail and Exhibition Design

A’ Design Awards & Competition. Call for Submissions

Sei un designer? Hai dei progetto interessanti di design da proporre?
Partecipa al prestigioso premio A’ Design Awards & Competition.
 Le iscrizioni sono già aperte e c’è tempo fino al 30 settembre 2020 per candidarsi. 

Per partecipare al premio A’ Design Award clicca su questo link!


 

Conosci il premio A’ Design Awards & Competition?

A’ Design Award non è solo un concorso di design. Il premio si pone l’obiettivo di selezionare e promuovere qualità e l’eccellenza nel design.
Questo importante riconoscimento si rivolge ai creativi più talentosi, offrendo loro la massima visibilità a livello internazionale e mettendo in connessione i progettisti, le imprese, il pubblico e la stampa.

Leggi il nostro approfondimento sul concorso internazionale A’ Design Award


Quali categorie di prodotto possono partecipare?

Il contest A’ Design Awards & Competition seleziona e premia tutti i campi della creatività. Basti ricordare che è possibile iscrivere il proprio progetto (sia esso un oggetti finito, sia un prototipo, sia un concept) a una delle oltre 100 categorie!
Le categorie spaziano dal product design al packaging, dall’interior design all’architettura, dall’elettronica all’automotive, dalla gioielleria all’illuminazione, dalla moda alla comunicazione… ma la lista è molto più lunga e la potete trovare qui.

 


Quali sono i vantaggi per chi si iscrive al premio?

Tutti i vincitori riceveranno l’iconico trofeo in metallo stampato in 3d, un certificato ufficiale, e saranno inseriti con i loro progetti all’interno dell’annuario: un importante volume con copertina rigida disponibile anche nella versione digitale.

I progetti verranno esposti inoltre in una mostra dedicata ai vincitori e i vincitori saranno invitati alla special Gala Night, ospitata in una prestigiosa location affacciata sul lago di Como.
Ma non è tutto, I vincitori e i loro progetti potranno anche beneficiare di una campagna di promozione sui media internazionali.

Vuoi scoprire tutti i vincitori della scorsa edizione? Clicca qui!


La giuria internazionale del premio A’ Design Award

Tutti i progetti presentati vengono valutati da una giuria internazionale estremamente selezionata, composta da professionisti del settore, docenti e giornalisti. I giurati seguono una rigida metodologia la cui definizione ha impiegato oltre 5 anni.
Massimo Rosati, direttore di Design Street, è membro della giuria del premio À Design Award da diversi anni.


Vuoi partecipare al premio A’ Design Award? 

I designer, gli artisti, gli architetti o le aziende interessate possono iscriversi e inviare le loro opere a questo indirizzo, dove si possono anche trovare tutte informazioni sul concorso di design: i criteri di valutazione, tutte le scadenze, l’elenco dei membri della giuria, i moduli per l’iscrizione e i criteri per la presentazione delle opere.


Guarda il nostro articolo che elenca, per data di scadenza,
tutti i concorsi di design italiani e internazionali


 

Scopri alcuni dei progetti premiati nelle precedenti edizioni

I progetti premiati sono tutti di altissimo livello, come potete facilmente verificare da questa breve selezione di progetti che hanno vinto le scorse edizioni del premio.
Per chi volesse saperne di più, è possibile scoprire tutti i progetti premiati in questa ultima edizione, con molte immagini e descrizioni delle proposte selezionate.

A’ DESIGN AWARD HA NOMINATO DESIGN STREET “BEST DESIGN MEDIA”,
OVVERO IL MIGLIOR BLOG DI DESIGN ITALIANO E INTERNAZIONALE

I 20 migliori designer premiati col prestigioso A’ Design Award

Siamo certi che tutti conosciate ormai il prestigioso A’ Design Award. Si tratta di uno dei più importanti contest internazionali che seleziona e premia i migliori designer di tutte le discipline e di tutti i Paesi.

Un premio di cui Massimo Rosati, direttore di Design Street è membro della giuria, un panel molto importante composto da architetti, designer, giornalisti, docenti ed esperti del settore di fama internazionale. Inoltre, il nostro blog Design Street è da anni Media Partner del premio.

Per i pochi che ancora non conoscessero il premio o per chi volesse approfondire, è possibile leggere il nostro articolo di approfondimento, dove troverete tutte le informazioni sul concorso internazionale A’ Design Award. Qui invece trovate il link al Sito Ufficiale del premio.

VOLETE ISCRIVERVI AL PREMIO A’DESIGN AWARD? NIENTE DI PIÙ FACILE!

Le iscrizioni al premio sono già aperte e ci si può iscrivere a oltre 100 categorie (scopri tutte le categorie qui. A questa pagina invece, troverete il link per l’iscrizione.

 

Gli impressionanti numeri del premio

L’organizzazione del premio, nei suoi “primi” 10 anni di manifestazione, ha messo insieme una serie di numeri che sono davvero impressionanti: 

35.263 iscrizioni di progetti nelle 110 categorie del premio, con designer provenienti da 180 nazionalità diverse. Di questi 10.051 sono stati premiati mentre il restante 25.212 di prodotti iscritti sono stati eliminati dai 212 esperti che compongono la giuria. La premiazione, che si tiene in una importante serata di gala, ha finora contato 750 ospiti internazionali.

CALL FOR ENTRIES

Ecco alcuni dei progetti premiati.

Qui di seguito potete trovare una selezione dei nostri 20 progetti preferiti. Si tratta diprogetti premiati nelle scorse edizioni del premio, selezionati a nostro gusto fra le centinaia di prodotti risultati vincitori. Una scelta non facile, visto l’alto numero dei progetti presenti nel volume finale, distribuito a tutti i designer vincenti della competizione.

I progetti sono stati selezionati in 6 sezioni. La prima, la più ricca con ben 10 progetti è la categoria Mobili, oggetti decorativi e design per la casa. Gli altri prodotti invece sono stati scelti, a coppie,  rispettivamente dalle seguenti categorie. Packaging Design,  Architettura, edifici e Design delle strutture, Progetti e prodotti per l’illuminazione,  Interior design e spazi espositivi e infine Giocattoli, giochi e Hobbies.

Questi progetti rappresentano una nostra selezione. Potete scoprire su Design Street tutti i vincitori del premio A’ Design Award 2018-2019, oppure potete andare sul sito ufficiale Designmag.
Se invece siete già curiosi di scoprire i vincitori della prossima edizione del premio A’ Design Award 2020/21, dovete avere ancora pazienza. Li pubblicheremo su Design Street, best design blog in un articolo dedicato. Stay Tuned!

1. Mobili, oggetti decorativi e design per la casa.

2. Packaging Design

3. Architettura, edifici e Design delle strutture

4. Progetti e prodotti per l’illuminazione

5. Interior design e spazi espositivi

6. Giochi, giocattoli e oggetti per gli hobby

VUOI PARTECIPARE ALL’A’ DESIGN AWARD? REGISTRATI QUI!

Il premio A’ Design Award & Competition 2019-2020

Il prestigioso premio internazionale A’ Design Award & Competition 2019-2020 si è concluso e ha svelato tutti i progetti vincitori per il contest. Design Street ha già ampiamente raccontato di questo premio internazionale (guarda l’articolo di Design Street sul premio A’ Design Award). Per l’edizione del 2020, la giuria internazionale del premio (tra i giurati c’è anche Massimo Rosati, fondatore di Design Street) ha selezionato circa 2000 vincitori provenienti da 100 Paesi. Per visitare il sito ufficiale del premio, clicca qui.


Le categorie del premio A’ Design Award

Le categorie premiate per gli A’ Design Awards sono ben 99. Tra queste, segnaliamo i premi per le seguenti sezioni: Spatial Design (Architettura, Interior design, Urban design e Landscape design), design Industriale (Product design, Appliance design, Automotive design del veicolo e Machinery design), oltre al design della Comunicazione e Graphic design, al Fashion Design e al Good Design System (Service Design, design Strategy, Qualità e Innovazione).

Potete scoprire tutte le categorie di premi a questa pagina.


I vincitori del premio A’ Design Award 2019-2020

In questa galleria online è possibile vedere tutti i premi assegnati in questa ultima edizione dal premio internazionale di design A’ Design Award & Competition. I più curiosi, potranno trovare anche un’ampia panoramica dei vincitori delle edizioni precedenti.


Alcuni dei premi assegnati nell’edizione del 2019-2020


Alcuni dei vincitori delle categorie: Furniture, Decorative Items and Homeware Design Award


Alcuni dei vincitori delle categorie: Lighting Products and Lighting Projects Design


Alcuni dei vincitori delle categorie: Digital and Electronic Devices Design


Alcuni dei vincitori delle categorie: Interior Space, Exhibition Design, Architecture, Building and Structure Design Award


Alcuni dei vincitori delle categorie: Packaging Design Award


Iscriviti alla prossima edizione del premio A’ Design Award

Terminata l’edizione 2018-2019, è già partita la selezione per il prossimo anno; i designer interessati, gli artisti, gli architetti e le aziende interessate possono registrarsi e presentare le loro opere sul sito di A’ Design Award & Competition, dove possono anche trovare tutte le informazioni riguardanti il concorso. Qui di seguito, una selezione dei vincitori del Premio platinum, il riconoscimento più prestigioso. Questo è il link per iscriversi alla prossima edizione del premio.

 

Premio ADI Compasso d’Oro 2018. Ecco tutti i premiati

Lo scorso 20 giugno, nella cornice milanese del Cortile della Rocchetta, all’interno del Castello Sforzesco, sono stati consegnati i premi della XXV edizione del premio ADCompasso d’Oro 2018. Su 1200 prodotti candidati, e 283 valutati dalla commissione internazionale, 56 hanno ottenuto una Menzione d’Onore e solamente 16 si sono vista assegnare uno degli ambiti premi. Nel corso di un’edizione che, quest’anno, ruotava attorno ad una domanda: “quanto design permea le nostre vite?”.

Tra progetti innovativi e altri di valenza sociale, tra il design e l’architettura… questi i sono i 16 vincitori del Compasso d’Oro 2018:

Alfa Romeo Giulia (automobile)

Perché la rinascita di un grande marchio è questione di stile, di design, è riportare in auge un pezzo della storia industriale italiana e regalare agli utenti un prodotto d’eccellenza.

Bolletta 2.0 (servizio di bollette)

Perché con questo servizio la Enel ha risposto alle esigenze dei consumatori di avere accesso ad una bolletta trasparente, che li renda maggiormente consapevoli dei loro consumi.

Campus – Incubazione e messa in scena di pratiche sociali (iniziative culturali e sociali)

Perché il Politecnico di Milano ha mostrato a tutti come la collaborazione tra l’istituzione accademica e i progettisti permetta di costruire reti sociali a misura di quartiere, e di realizzare prodotti esteticamente pregevoli ed economicamente sostenibili.

Discovery Sospensione (apparecchi di illuminazione)

Progettata da Ernesto Gismondi per Artemide, è un sottile anello metallico che – quando acceso – diventa un disco luminoso sospeso nello spazio.

Eclipse (rubinetteria per il bagno)

Disegnata per Boffi da Studiocharlie, ha un design intelligente e raffinato e una funzionalità intellegibile.

Fondazione Prada (museo)

Perché è nato dalla perfetta combinazione tra conservazione, creatività e sostenibilità.

Food design in Italia (libro illustrato)

Perché trasmette tutti gli elementi che hanno fatto dell’Italia l’indiscussa leader nel campo della tradizione alimentare.

Leonardiana. Un museo nuovo (allestimento museale)

Perché – attraverso la multimedialità e il sapiente uso di luce e segno grafico – racconta efficacemente il rapporto tra l’artista (Leonardo) e il territorio (Vigevano).

Matera Cityspace (libro illustrato)

Perché si pone come efficace mezzo di promozione nel mondo degli aspetti più originali e inattesi della cultura italiana.

Nikolatesla (elettrodomestico)

La nuova cappa di Elica, con tecnologia di aspirazione dei fumi all’altezza del piano di lavoro, segue in modo coerente e rigoroso l’estetica del progetto.

Origami (radiatore)

Disegnato da Alberto Meda per Tubes Radiatori, è un oggetto funzionale che diventa protagonista dello spazio in cui è collocato, pur mantenendo l’estetica semplice portavoce del suo utilizzo.

OS2 75 (serramenti)

Disegnato da Alberto Torsello per Secco Sistemi, combina il taglio termico e l’isolamento alle dimensioni estremamente contenute dei profili in acciaio verniciato e in Corten, per un nuovo concetto d’estetica.

OSA (caldaia)

Unical presenta una caldaia dallo spessore contenuto, che si fa astratta, minimal ed elegante.

POPAPP (gelateria compatta)

Perché, grazie alla sua compattezza e alla trasportabilità, permette di portare ovunque nel mondo il gelato e il profumo del design italiano.

SKILLMILL (attrezzatura per lo sport)

Perché questo macchinario firmato Technogym permette di allenarsi con una pluralità di esercizi fisici dai risultati duraturi, senza complesse motorizzazioni e attrezzature.

Vibram Furoshiki the Wrapping Sole (calzatura)

L’innovativa scarpa da ginnastica fascia il piede nella parte superiore, e presenta le caratteristiche della suola Vibram nella parte inferiore. Il risultato? Comfort e prestazioni uniche.

 

I Compassi d’Oro alla carriera

Oltre a questi premi, sono stati assegnati anche 11 Premi Compasso d’Oro ADI alla carriera così suddivisi:

  • 8 Compassi d’Oro alla carriera per designer e imprenditori italiani, andati rispettivamente a personaggi del calibro di Giovanni Anzani, Alberto Spinelli, Aldo Spinelli, Angelo Cortesi, Donato D’Urbino e Paolo Lomazzi, Ernesto Gismondi, Adolfo Guzzini, Giovanna Mazzocchi, Giuliano Molineri, Nanni Strada.
  • 3 Compassi d’Oro internazionali alla carriera per altrettanti protagonisti del design: Zeev Aram, Chris Bangle e Milton Glaser 

Le menzioni speciali

56 sono state le menzioni speciali, andate a oggetti, prodotti, servizi dio ogni i genere: dalle lampade all’arredo bagno, dai droni agli strumenti musicali, dai libri ai progetti di grafica, dai prodotti hi-tech alle imbarcazioni, dai capi d’abbigliamento al food design…

La targa giovani

Molto interessanti i premi che il premio Compasso d’Oro 2018 ha assegnato ai giovani. In particolare ai progetti di tesi o di esame di studenti delle scuole di design. Tra questi, 3 premi Targa Giovani e 10 attestati.

I 3 premi sono andati a:

CARONTE 

Tesi di laurea triennale di Jari Lunghi. Relatori: Alessandra Bosco, Riccardo Varini, Massimo Brignoni. Università degli Studi della Repubblica di San Marino

DISSALATORE DI EMERGENZA 

Tesi di laurea triennale di Andrea Matteo Valensin. Relatore: Luigi De Ambrogi, co-relatore: Erminio Rizzotti. Politecnico di Milano – Scuola del Design

ROCKY

Tesi di laurea magistrale di Ludovica Zengiaro. Relatore: Maximiliano Ernesto Romero. Politecnico di Milano – Scuola del Design 

Ci auguriamo che questo articolo sia stato sufficientemente esaustivo. Per chi volesse saperne di più o scoprire tutti i vincitori, l’elenco completo è disponibile sul sito dell’ADI.

Editor: Luisa Alberti

PARTECIPA AL CONCORSO DI DESIGN SMART LIVING FOR SMART LIFE

Promosso da RIFLESSI ONE 2015 col patrocinio di ADI Campania, il premio nazionale Smart Living for Smart Life, si propone di stimolare il pensiero progettuale dei giovani designer verso un futuro prossimo, ideando qualcosa che ripensi la tradizione, connesso alla cultura italiana del design o anche essenziale fino alle soglie del minimalismo. Un progetto che rinnovi l’esperienza della casa, alla luce delle nuove tecnologie.

Il bando del concorso di design Smart Living for Smart Life richiede la presentazione di un progetto originale che riguardi oggetti e modi di abitare il luogo più social della casa, il living.

Riflessi è un’azienda leader nella realizzazione di specchi di design, di arredi e di complementi.


Guarda il nostro articolo che elenca, per data di scadenza,
tutti i concorsi di design italiani e internazionali


Il concept

In un’epoca di nomadismo diffuso in cui le persone abitano improvvisamente il mondo, contano ancora tavoli e divani, specchi, mensole, contenitori, tavolini e sgabelli: oggetti e arredi che devono essere ripensati in un’ottica di semplificazione, forse anche di riduzione della quantità per aderire alle esigenze di spazi ristretti e di nuclei minimi di vita, magari individuando una tipologia innovativa, un prodotto essenziale e impensato, specializzato e friendly, da stipare ovunque.

I progetti devono riguardare gli oggetti dell’abitare, escludendo i complementi di arredo, ma comprendendo gli specchi, che possano servire per:

‐ specchiarsi o per arricchire con la funzione specchiante gli arredi che seguono

‐ consumare, in modo formale o informale, cibi e bevande (sono formali i tavoli, sono informali gli appoggi e i tavolini bassi, ecc.)

‐ contenere o sorreggere gli utensili legati agli alimenti (sono utensili le posate, ma anche le tovaglie, ecc.)

‐ supportare le persone nel soggiornare (la sedia e la panca sono un supporto, ma non lo sono il letto o il divano maxi, ecc.)

 

I premi

Il Premio Nazionale Smart Living for Smart Life si declina in tre categorie: Premio Riflessi Oro, Premio Riflessi Argento e Premio Riflessi Junior e mette a disposizione, rispettivamente 4.000, 3.000 e 1.000 euro ai progetti vincitori di ogni categoria unitamente a un diploma di merito e collocazione del progetto vincitore nella produzione dell’azienda, per i primi due, mentre sarà oggetto di valutazione successiva l’inserimento in produzione del vincitore Junior.

Una Menzione speciale del Premio è intitolata a Roberto Mango, uno dei più importanti designer napoletani degli anni cinquanta, noto per il design della seduta Sunflower, prodotta dall’azienda Tecno e irrimediabilmente scolpita nel nostro immaginario.

 

 

La giuria

La giuria del Premio è composta da personaggi di spicco del mondo accademico e del design come Enrico Baleri, imprenditore e designer, Domitilla Dardi, storica e curatrice del design, Patrizia Ranzo, docente presso il Dipartimento di Ingegneria, Design, Edilizia e Ambiente della Seconda Università di Napoli, Salvatore Cozzolino, presidente di ADI Campania, Luigi Fammiano titolare di Riflessi. Per il Premio Roberto Mango la giuria è integrata con il Professor Ermanno Guida.

 

Come partecipare

Per partecipare al Concorso di design nazionale Riflessi è necessario iscriversi inviando una mail di richiesta di partecipazione all’indirizzo [email protected] entro la mezzanotte del 23 novembre 2015 e inviare poi i progetti allo stesso indirizzo e‐mail entro la mezzanotte del 7 dicembre 2015, secondo le modalità del bando riportate sul sito di Riflessi 

 

Assegnato il premio Targa Rodolfo Bonetto, presso l’ADI di Milano: un premio internazionale dedicato ai designer in erba che giunge alla ventesima edizione: al vincitore una Up Volkswagen appositamente personalizzata.

Rodolfo Bonetto, importante figura del design italiano era particolarmente attento alla crescita e alla promozione delle nuove leve. Il figlio Marco con l’istituzione di un premio internazionale alla memoria rivolto ai migliori studenti di design, è giunto alla ventesima edizione, sempre in collaborazione con l’Associazione per il Disegno Industriale di Milano.

Una importante giuria, tra cui Angelo Cortesi, Decio Carugati, Luciano Galimberti, ha selezionato oltre 100 progetti provenienti da scuole di Design di tutto il mondo: dalla Svezia, al Messico, alla Cina.

I progetti elaborati su tematiche molto ampie – viaggiare, abitare, lavorare, tempo libero, ristorazione, ecc. – volutamente in linea con Expo 2015, hanno proposto concept innovativi di oggetti sia sul piano della funzionalità, che del linguaggio espressivo esplicitamente lasciato libero dal bando.

Targa Rodolfo Bonetto: primo classificato

 

Il primo premio della Targa Rodolfo Bonetto è andato a “BIO_PIC”, di Priscilla Lanotte della Accademia di Brera di Milano, un vassoio pieghevole che mediante fustellatura consente di ottenere integrati bicchieri, piatti e posate, in modo da consumare un pasto in qualsiasi posto o condizione possa capitare di trovarsi. Una idea con un potenziale di sviluppo interessante, salvo approfondimenti tecnici, in linea con dinamiche di comportamento oggi molto diffuse.

2° classificato, la lampada Mole di F. Calvi, A. Crespi, M. Grimoldi, R. Marcuzzo, studenti dello IED di Milano.

3° classificato, il sistema di sedute Living Plus di Gian Raffaele Ciannavei, dell’Istituto Design Italiano di Perugia.

 

 

Targa Rodolfo Bonetto: le 3 menzioni speciali

 

La premiazione alla presenza di Walter De Silva capo del design del gruppo Audi-Volkswagen, ha visto Lapo Elkann consegnare una auto modello Up appositamente modificata dalla sua società di personalizzazione di auto Garage Italia Costums.

targabonetto.it

www.adi-design.org

 

 

La giuria del Green Product Award, il contest berlinese centrato su prodotti e servizi che si distinguono per design, innovazione e sostenibilità e che contribuiscono significativamente ad un futuro sempre più “green”, ha selezionato i vincitori 2015.

I prodotti selezionati sono stati suddivisi in diverse categorie, ognuna con un vincitore del settore “Newcomer” e “Professional”. Gli approfondimenti sui vincitori e sui 100 finalisti del concorso si trovano nel documento allegato in PDF. Il focus del concorso

Tra i vincitori del Green Product Award 2015, giunto alla sua seconda edizione, si spazia da una nuova rivista per il lifestyle vegano all’anello fatto con le lattine riciclate, da una bicicletta in legno a uno spazzolino da denti concepito col fini di eliminare i rifiuti, dalla sedia in materiale vegetale biodegradabile al 100%  al packaging biodegradabile per l´industria alimentare, dalla lampada in legno curvato da foreste controllate alle pareti verdi isolanti… e molto, molto altro ancora.

Di seguito, una piccola selezione dei vincitori: tutti i progetti sono visibili su: www.gp-award.com

 

Al premio Compasso d’Oro ADI, che dal 1954 seleziona i migliori prodotti del design italiano, si affianca dal 2015 un nuovo riconoscimento. Parliamo del Compasso d’Oro Internazionale Tematico. Un premio che nel 2015, in parallelo con l’EXPO milanese, è stato dedicato al settore dell’alimentazione.

Come per il tradizionale Compwsso d’Oro, una giuria internazionale ha premiato i migliori prodotti, processi e servizi inerenti al cibo, gli strumenti e le tecniche più innovativi per la produzione, la trasformazione, la preparazione, l’esposizione e la vendita degli alimenti, i più efficaci metodi per la distribuzione e il consumo, compresi i luoghi di distribuzione, i supporti merceologici e gli strumenti di comunicazione.

Il premio ha comprenso anche un’edizione internazionale della Targa Giovani, riservata ai giovani progettisti che si stanno formando nelle scuole di design, che assegna un premio di 30.000 euro al migliore progetto per favorirne la start-up.

 

Giunto alla terza edizione il premio Woman and Architecture, dedicato alle donne architetto selezionate in tutto il mondo, conferma la felice intuizione di sostenere e promuovere una professione complessa e difficile soprattutto quando è declinata al femminile.

Una Giuria internazionale formata tutta da figure femminili di eccellenza in campo architettonico e in quello socio economico – tra cui Odile Decq, Yvonne Farrel di Grafton, Benedetta Tagliabue – ha premiato il lavoro della svizzera Angela Deuber, giovane progettista che ha saputo fondere aspetti tecnologici e sociali del fare architettura.

La sua poetica è di ricucire lo strappo tra idea e costruzione, in un mondo a complessità crescente dove si sta perdendo la logica  costruttiva delle cose. I suoi lavori più recenti in Svizzera, sono una nuova scuola a Thal nel Cantone San Gallen, e un edificio polifunzionale a Bouch Nidwalden, dove materiali e struttura sono elementi espressivi di primo piano.

 

Menzioni d’onore sono andate al lavoro di Kate Otten Sudafrica, Samira Rathod India, Patama Roonrakwit Tailandia, per la capacità di incidere con soluzioni adeguate e migliorative alle varie necessità sociali e ambientali dei rispettivi contesti di intervento.

Il premio speciale WE-Woman for Expo è andato a Paula Nascimento giovanissima progettista del padiglione dell’Angola a EXPO 2015.

www.arcvision.org

 

Giunto alla sua sesta edizione, The Restaurant & Bar Design Awards 2014 ha tenuto idi recente la sua cerimonia di premiazione presso la spettacolare Old Truman Brewery di Londra, spazio che durante la London Design Week ospita la celeberrima collettiva Tent London.

Questo prestigioso premio internazionale specializzato in spazi per la convivialità e l’ospitalità, seleziona solo un solo vincitore assoluto per le categorie ” Best Bar” e “Best Restaurant”. Quest’anno il contest ha ricevuto 860 iscrizioni da oltre 60 paesi in tutto il mondo.

Il vincitore assoluto della categoria “Miglior Bar” è andato per la prima volta a uno studio giapponese, Aoyama Nomura Design (AND), per il bar FEI a Guangzhou in Cina. un ampio open space caratterizzato da pareti di vetro di 18 metri di lunghezza.

Il problema principale da risolvere, commentano gli architetti, è stato quello di eliminare quell’atmosfera freddo e piatta creata dalle pareti vetrate, che sono state rivestite con un film che filtra una luce calda e morbida. La pellicola che copre il vetro è costituita da innumerevoli fibre di vetro che oltre ad ammorbidire l’effetto della luce solare, producono uno sfarfallio di luce che avvolge gli ospiti e che cambia costantemente in base alla luce esterna.

Inoltre, dall’esterno, il film crea una facciata scintillante che affascina i passanti e li attira all’interno.

Anche la divisione degli spazi interni è stata studiata per offrire agli ospiti diverse soluzioni e diverse atmosfere.

www.nomurakougei.co.jp

www.restaurantandbardesignawards.com

Ecco tutti i finalisti, divisi per categorie, del prestigioso concorso “Leaf International di architettura”. I premi verranno assegnati in venerdì 10 ottobre 2014 durante un’importante cerimonia presso lo Swissotel di Düsseldorf in Germania. Ma veniamo ai finalisti…

Mixed-Use Building of the Year

  1. Tabanlioglu Architects Melkan Gursel & Murat Tabanlioglu, Esas Aeropark, Istanbul, Turkey
  2. CORNELIUS + VÖGE, North Atlantic House, Odense, Denmark

Residential Building of the Year – Single Occupancy

  1. Studio mk27, P house, Sao Paulo, Brazil
  2. LETH & GORI, Brick House, Nyborg, Denmark
  3. CoCo Architecture, Cornilleau House, Cornilleau House, France
  4. Mount Fuji Architects Studio, Shore House, Manazuru, Kanagawa
  5. Maisam Architects & Engineers, A Space for a Son, Oakhill, Jordan
  6. MINARC, Big Little Rock, Iceland

Residential Building of the Year – Multiple Occupancy

  1. Mount Fuji Architects Studio, Seto, Fukuyama-shi, Hiroshima
  2. Ateliers Jean Nouvel and PTW Architects, One Central Park, Sydney, Australia
  3. Makoto Yamaguchi Design Inc., oggi, Tokyo, Japan

International Interior Design Award

  1. Wilmotte & Associés SA, Rijksmuseum,Amsterdam, The Netherlands
  2. WSP Architects, Chansha Kineer International Marketing Exhibition Center, Changsha, Hunan, China
  3. davidclovers   de-Ricou Tower, Repulse Bay, Hong Kong
  4. Camenzind Evolution, Google Office Campus Dublin, Dublin, Ireland
  5. Moneo Brock Studio SLP, Museum “Espacio Fundacion Telefonica”, Madrid, Spain

Commercial Building of the Year

  1. studio mk27, cultura bookstore, Sao Paulo, Brazil
  2. Aedas, Sandcrawler, Singapore
  3. Hopkins Architects Partnership LLP, Living Planet Centre, WWF-UK Headquarters, Woking, UK

Hospitality Building of the Year

  1. Ryuichi Ashizawa Architects & Associates, Ecoton Hotel in Biwa Lake / Sound of Wind, Shiga, Japan
  2. Boogertman + Partners Architects, Steyn City Club House, Johannesburg, South Africa

Refurbishment of the Year

  1. CoCo Architecture, BIG Library, Gourdon, France
  2. ENOTA, Ptuj Performance Center, Ptuj, Slovenia
  3. Kris Lin, Unlimited Boundary, Infinate Vision, Hangzhou, China

Public Building of the Year

  1. CoCo Architecture, Noumea University of Human Arts and Sciences, Noumea (New Caledonia)
  2. Henning Larsen Architects , Moesgaard Museum, Aarhus, Denmark
  3. O’Donnell + Tuomey / London School of Economics and Political Science, Saw Swee Hock Student Centre, London, UK

 

  1. Best Sustainable Development of the Year
  1. Wilmotte & Associés SA, Allianz-Riviera Stadium, Nice, France
  2. Ateliers Jean Nouvel and PTW Architects, One Central Park, Sydney, Australia
  3. O’Donnell + Tuomey / London School of Economics and Political Science, Saw Swee Hock Student Centre, London, UK
  4. MINARC, Ion Luxury Adventure Hotel, Iceland

Best Future Building of the Year – Drawing Board

  1. MZ Architects, The Ring House, Riyadh, Saudi Arabia
  2. Kettle Collective, The Joost Van Der Westhuizen Centre For Neurodegeneration, South Africa
  3. Sanjay Puri Architects, Hindu Temple, Rajasthan, India

Best Future Building of the Year – Under Construction

  1. Aedas, Mongkok Residence, Hong Kong
  2. INUCE AG, Dirk U. Moench, Luoyuan Church, Fuzhou City, Fujian Province

Urban Design of the Year

  1. Urbanism Planning Architecture,Al Qasim Green University, Babil, Iraq
  2. A24 Landschaft Landschafts, Mangfall Park, Rosenheim, Bavaria
  3. SANALarc, Sishane Park, Istanbul, Turkey
  4. Mola + Winkelmueller, Sinai Landscape Architects, On Architecture Exhibit Design, Official Berlin Wall Memorial and Visitors Center, Berlin, Germany
  5. Maisam Architects & Engineers, A Gateway to Petra, Wadi Musa, Jordan

www.arena-international.com/leafawards/

BSI Swiss Architectural Award 2014 è il prestigioso premio svizzero che ogni anno viene assegnato alla migliore architettura internazionale.

A Mendrisio presso l’Accademia di Architettura, la premiazione dello spagnolo José Maria Sanchez Garcia e una mostra fino al 26 ottobre 2014 dei lavori di 27 architetti selezionati in tutto il mondo. BSI, la più antica banca ticinese, per mezzo della fondazione è giunta alla quarta edizione del premio biennale per architetti professionisti, con almeno tre opere realizzate, sotto i cinquant’anni.

Tra i 27 canditati che presentavano lavori nei più diversi contesti geografici e sociali, il primo premio dell’edizione 2014, secondo la giuria presieduta da Mario Botta, è andato a questo giovane architetto madrileno classe 1975. I suoi lavori, realizzati tutti in Spagna, affrontano diversi contesti e temi progettuali: la sistemazione dell’area del tempio di Diana a Merida, il Centro per l’innovazione sportiva a Guijo de Granadilla Caceres, e il Centro di canottaggio ad Alange. Opere realizzate tra il 2005 e il 2010, che per chiarezza, semplicità e forza, hanno maggiormente convinto la giuria, rispetto ai lavori degli altri progettisti, selezionati da un comitato di advisor composto da architetti e critici di fama internazionale.

Oltre alla qualità delle opere architettoniche esposte nella mostra e riprodotte nel catalogo – Nicola Navone curatore, Enrico Cano e Daniele Marcucci fotografi – è d’obbligo rilevare due significative condizioni a latere: primo, una banca attenta alla qualità del territorio; secondo, la pregevole location dell’Accademia di Mendrisio.

www.bsi-swissarchitecturalaward.ch

Il prestigioso Interiors World News Annual Awards 2014 che si svolge ogni anno a Brighton, nel Regno Unito, seleziona ogni anno i migliori progetti di interior design sia nell’ambito residenziale, sia nel contract. La giuria internazionale, formata da grandi nomi dell’architettura, ha finalmente annunciato i finalisti del premio che verrà assegnato a Londra il 30 ottobre prossimo.

Nel 2014 il premio ha ricevuto ben 610 iscrizioni da 53 paesi a dimostrazione, se ce ne fosse bisogno, dell’importanza che ricopre in campo internazionale Ma visto che più che le parole contano le immagini, ecco dunque, in ordine puramente casuale, una selezione dei progetti finalisti… nell’attesa di conoscere i vincitori.

www.worldinteriorsnews.com

Il World Architecture Festival Awards 2014 di Singapore ha selezionato gli straordinari progetti finalisti per uno dei concorsi più prestigiosi al mondo. Un tempio buddista a Singapore, un resort “invisibile” per l’eco-turismo in Turchia, un museo marittimo a Copenaghen e il nuovo masterplan per l’aeroporto di Gatwick sono tra gli edifici che concorrono per il WAF Awards 2014, il premio internazionale che ha radunato progetti da oltre 50 paesi sia realizzati da studi “anonimi”, sia da studi internazionali affermati come Zaha Hadid Architects, Foster & Partners e molti altri. Il festival, che si terrà a Singapore per la terza volta, si svolgerà tra il 1 e il 3 Ottobre 2014.

In quella occasione i progetti vincitori verranno selezionati dalla giuria tra i finalisti di ogni categoria.   Ma più di tante parole contano le immagini: ecco dunque , una rassegna di progetti selezionati. Per tutte le info sul premio, basta visitare il sito: www.worldarchitecturefestival.com