Tag

corian

Browsing

IN OLANDA, UNA VILLA RIVESTITA IN CORIAN

È stato progettato dallo studio olandese di architettura Waterstudio questa “villa in Corian” dal design unico che sorge sulla costa di Westland, affacciata sull’oceano del comune olandese di Westland. Si chiama Villa New Water e si caratterizza per la straordinaria facciata curva realizzata con la tecno-superficie DuPont™ Corian® nel colore Cameo White: un materiale selezionato proprio per le sue caratteristiche di impermeabilità, di resistenza agli agenti atmosferici e alla salsedine.

Tutta la casa è circondata da una luminosissima vetrata a nastro che fa entire i proprietari come se vivessero nella natura. L’architetto Koen Olthuis, che si è occupato anche degli interni, ha progettato con lo stesso materiale degli esterni anche un piano cottura a isola e gli armadi della cucina. Il bianco del Corian® si contrappone piacevolmente al colore dei pavimenti in pietra naturale e di molti arredi giocati sui toni naturali del beige, marrone e grigio. Nella zona pranzo-living, per creare un sorprendente contrasto con le superfici lisce, alcune ante sono state rivestite con una morbida imbottitura.

Per Villa New Water, il cliente desiderava qualcosa di unico, una casa che superasse il tempo, restando “moderna” anche tra cinquant’anni. E a noi pare che ci sia riuscito…

www.corian.it

www.waterstudio.nl

Una facciata in Corian retroilluminata

Nel cuore della City di Londra, un vecchio edificio per uffici è stato abbattuto per far posto a questo straordinario edificio, un albergo dalla scintillante facciata in Corian©.

Il Motel One, così si chiama l’hotel progettato dallo studio inglese Mackay + Partners, si caratterizza per un innovativo utilizzo della facciata luminosa, realizzata in superficie hi-tech Dupont™ Corian®, diventando la prima architettura ad uso commerciale nel Regno Unito, ad utilizzare questa particolare tecnologia.

Un hotel a quattro stelle che conta 291 stanze, che si presenta all’esterno come un un “cubo” di sette piani affiancato da una torre in vetro di 16 piani. Una novità per il quartiere finanziario, contraddistinto dall’uso di materiali come vetro, acciaio e pietra.

Ilrivestimento in Corian® nel colore bianco traslucente presenta una finitura pura e semplice durante il giorno, mentre di notte, crea effetti dal forte impatto visivo, illuminando la struttura attraverso la retroilluminazione a Led di alcuni pannelli. Le luci possono essere regolate tramite computer per cambiare colore, pattern e intensità.

Un effetto davvero particolare che si stacca del grigiore e dalla monotonia della maggiorparte degli edifici commerciali della Londra degli affari.

www.mackayandpartners.co.uk

www.corian.it

 

Recentemente ho ritrovato a Milano un’amica: Letizia Rossella Mombelli, architetto e giornalista che non vedevo da almeno 10 anni, quando ero Direttore del mensile La Mia Casa.

Chiacchierando del più e del meno, scopro che oltre a lavorare come architetto, si occupa anche di design e mi accompagna nella galleria di arte e design di Anna Maria Consadori, a Brera, dove sono esposti in esclusiva i suoi coffee-table “Cereghin”.

E lì scopro con piacere questa collezione di tavolini “monogamba” dalla forma organica: una serie a tiratura limitata che unisce suggestioni classiche, come il recupero dei legni naturali e delle lavorazioni artigianali di ebanisteria, a materiali innovativi come il Corian®.

Il nome, mi spiega Rossella, deriva dal tradizionale uovo al tegamino, “el cereghin” in dialetto lombardo, e non è difficile comprenderne la ragione.

I tavolini sono abbinabili nelle tre dimensioni in modo da a creare un paesaggio di piani a diversa altezza e diversi nei colori delle essenze. Oppure sono utilizzabili singolarmente, come servitori muti, come tavolini da affiancare alle poltrone o al letto o ancora come tavolino da centro divani.

Le essenze utilizzate sono il ciliegio, il rovere tinto noce o il noce e il tiglio. La finitura è una vernice trasparente all’acqua che dona un aspetto molto naturale al tatto. La lavorazione artigianale delle superfici e il bordo a saponetta mantengono intatta la sensazione “mano di pesca” delle superfici lignee.

Al centro, il decoro in corian pensato negli abbinamenti bianco/nero e cremisi/bianco, ma è disponibile anche nelle varianti ocra, terra di Siena o grigio tortora.

La gamba di LM-01 e 02 può essere decorata con uno “stivale” bianco o nero, una tinta a lacca (in sintonia con le tonalità del corian) che riveste il piede risalendo per breve tratto sulla gamba.

Data l’artigianalità del prodotto, su richiesta si possono studiare dimensioni ad hoc per particolari esigenze di progetto.

www.mombelliarchitetto.com

Chi si reca a visitare lo zoo di Wroclaw in Polonia, potrà ammirare L’Afrykarium, un “oceanario” dove è possibile ammirare esempi di flora e fauna del continente africano. Si tratta del primo edificio del genere in Europa. Oltre che per i contenuti, l’Afrykarium si distingue anche per la sua straordinaria facciata realizzata con 6000 metri quadrati di tecno-superficie DuPont™ di colore nero “Nocturne”, prodotta da Corian®.

All’interno, i visitatori dello zoo polacco possono ammirare piante e animali che vivono in Africa, nell’ambiente del Nilo, dei laghi della Great Rift Valley, del Mar Rosso, del Canale del Mozambico, della costa della Namibia e della giungla del Congo. All’interno dell’Afrykarium ci sono 19 acquari e vasche riempiti con circa 15 milioni di litri d’acqua, nei quali vivono cento specie di animali africani.

L’edificio dell’Afrykarium è lungo 160 metri e largo 54 metri e ha un’altezza di 15 metri. La facciata presenta cinque diversi habitat e le acque vivificanti dell’Africa. La sua forma ricorda “una grande onda nera che sovrasta l’ingresso,” come descrive l’architetto Dorota Szlachcic di ArC2 Fabryka Projektowa, lo studio di architettura autore del progetto.

La facciata in Corian® è arricchita da un mosaico in vetro illuminato da migliaia di LED.

 

http://arc2.com.pl

www.corian.it

 

Nel cuore di Barcellona, lo studio TBI Architecture & Engineering, guidato dall’architetto Miguel Jordá, ha appena terminato la ristrutturazione dello scenografico un hotel Hotel Vincci Gala Barcelona, ispirato al genio di Dalí e alla sua musa Gala, le cui immagini troneggiano sulle pareti della grande Hall.

Altro elemento che colpisce l’attenzione degli ospiti, lo scultoreo bancone del bar realizzato in DuPont™ Corian®, nella scenografica tonalità nero corvino chiamata “Deep Nocturne” (realizzato grazie alla la nuova DeepColour™ Technology), che contrasta con la scala in marmo bianco che è stata attentamente recuperata e conservata.

Questo hotel a quattro stelle che offre circa 80 camere, sorge in un palazzo di tre piani dei primi del ‘900 nel quartiere Eixample della città spagnola. La facciata, recuperata dagli architetti, è stata coperta da una tenda somigliante a una rete d’oro. Una sovrapposizione che, come sottolineano i progettisti, “Crea una nuova e moderna facciata che si mescola perfettamente con la vecchia sottostante. Per gli interni, invece abbiamo lavorato intensamente sul contrasto tra il nero e

l’oro, tra la luce e il buio … L’obiettivo era quello di dotare lo spazio di un tocco stravagante ed elegante, come quello del grande pittore.”

www.teknobau.com

www.corian.it

ph: Jose Hevia per DuPont™ Corian®

Dock It station è un sistema modulare di riposo, disegnato da Vladimir Ambroz, architetto e fondatore dello studio Amos Design di Praga, destinato ai locali pubblici, ai centri commerciali o alle grandi hall che oltre a offrire diverse possibilità di seduta, permette di ricaricare tablets o cellulari e offre al tempo stesso la connessione Wi-Fi a tutti coloro che vogliono essere sempre collegati alla rete.

Un sistema innovativo, dal design semplice e minimale, che invita a fermarsi, a riposarsi brevemente e a comunicare. Le sue dimensioni e i suoi colori sono variabili. Le singole parti possono comporsi in un insieme o possono rimanere indipendenti, raccorciate o allungate. L’ispirazione deriva dal mondo sottomarino. Dock It è come un grande pesce con la pinna dorsale colorata, oppure un gigantesco sommergibile, intorno ai quali il flusso continuo di visitatori scorre aprendosi e poi richiudendosi una volta superato l’elemento aerodinamico fissato al centro del corridoio. Dock it è realizzato in Corian®, mentre l’elemento imbottito che fa da schienale è munito di prese di corrente.

www.amosdesign.cz

 

In occasione della settimana milanese del design, Graff ha presentato Dressage, una linea di elementi per la stanza da bagno, progettati dallo Studio Nespoli e Novara, che coniugano tradizione e innovazione. “Abbiamo voluto focalizzarci prima di tutto sulla tradizione attraverso l’utilizzo di materiali come il legno e il cotto, ritrovando al contempo la funzionalità e la praticità di materiali innovativi come il Corian® DuPont™” spiega il designer Alberto Novara. La collezione Dressage è caratterizzata dall’abbinamento del Corian® DuPont™ termoformato al legno massello noce Canaletto ed è composta da un mobile lavabo, nel quale sono alloggiati a scomparsa tutti gli elementi per il carico e lo scarico dell’acqua, e da una vasca free-standing in Corian® DuPont™ e legno massello, col caratteristico bordo dal taglio trasversale. www.graff-faucets.com

Minima, Linea, Etoile ed Eclipse sono quattro lampade a LED disegnate da Alessio Bassan e Silvano Pierdonà per Capodopera e caratterizzate da un materiale tecnologico e ancora poco sfruttato nel mondo dell’illuminazione: il DuPont™ Corian® e disponibili nella versione bianca o laccata in 47  colori.

Linea è  è una lampada disponibile in versione da terra o tavolo; Eclipse ha un tondo paralume e la vaschetta portaoggetti.

www.capodopera.it

Presentata recentemente, nella sua versione vetrata, in occasione della fiera Klimainfisso di Bolzano Lux Profile è una porta dal grande impatto visivo e costruita con materiali tecnologici. La nuova versione, un’innovativa soluzione progettata e brevettata da Guido Giuseppin per I.A.S.P. Serramenti, è realizzata in acciaio completamente rivestito con la tecno-superficie DuPont™ Corian®.

La superficie esterna è realizzata nella finitura “Glacer Ice”, allo scopo di ottenere una retroilluminazione completa della superficie dell’anta,mentre sul lato interno è stato utilizzato il Glacer White  su cui è stata incisa una fascia perimetrale, per evidenziare l’effetto luminoso. Il sistema Lux–Profile integra nell’infisso una sorgente luminosa a LED utilizzata per la retroilluminazione del profilo che offre anche la possibilità di modulare l’intensità della luce e modificare a piacere le tonalità cromatiche.

Il sistema può fungere infine da luce di emergenza in caso di black-out. La tecno-superficie DuPont™ Corian®, può essere termoformata e incisa con qualsiasi pattern, è totalmente personalizzabile e di conseguenza si adatta a qualsiasi ambiente, oltre ad essere atossica, facile da pulire e ripristinabile.

www.iaspserramenti.it

www.corian.it

 

Nascosto sotto il livello della strada dietro a un’abitazione dell’1800 a Nord di Londra, è stato realizzato un nuovo e spettacolare ampliamento progettato dallo studio Alison Brooks Architects, vincitore del prestigioso Stirling Prize.

La nuova struttura, progettata per migliorare e aumentare lo spazio della casa, è formata da due volumi geometrici sovrapposti. Al piano terra ospita una cucina/sala da pranzo “open space”, accessibile dal giardino attraverso porte scorrevoli in vetro, mentre al piano superiore diventa un’ampliamento in aggetto dello studio ubicato che si affaccia sul giardino.

La più grande sfida degli architetti è stata conservare la posizione di un albero di noce di 150 anni protetto dal Tree Preservation Order.

Proiezione angolare di forme dinamiche e piane, la struttura si distingue non solo per la sua forma creativa, ma anche per l’uso di un rivestimento realizzato con ben 260 metri quadri di tecno-superficie DuPont™ Corian® nel colore Blackberry Ice, così da creare una facciata ventilata.

foto Jake Fitzjones

www.alisonbrooksarchitects.com

www.dupont.com

 

 

 

Kube è una collezione di lavabi che nasce dall’incontro tra il design innovativo di Delineodesign e Kubico, una nuova realtà aziendale di giovani imprenditori che hanno scommesso sul connubio design, studio dei materiali e personalizzazione dei prodotti.

Monolitica e minimalista, la collezione Kube abbina in maniera raffinata materiali tecnologici e innovativi come la tecno-superficie DuPont™ Corian® e Apocem®, ovvero una lastra di agglomerato quarzo-polimerico di nuova concezione.

Il designer Giampaolo Allocco, fondatore dello studio Delineodesign, ha concepito la collezione Kube come l’incontro armonioso di due materiali contemporanei. Il lavabo in Corian®, disponibile nelle versioni free-standing e sospeso, poggia su una base-contenitore a cornice realizzata con sottili lastre di fibrocemento, dando continuità alla linea essenziale e geometrica del mobile. La struttura di base è disponibile sia in Apocem®, sia in essenza di rovere.

 

Kube, presentato in anteprima durante il Fuorisalone di Milano, è il primo elemento di una collezione più ampia: la carica innovativa che ha guidato la produzione di questo lavabo free-standing, trova espressione in un’intera collezione che comprende anche contenitori sospesi e da terra, cassettiere e una scenografica vasca da bagno.  

www.kubicolab.it

www.delineodesign.it

 

Board, l’ultima cucina di Snaidero sviluppata con l’architetto Pietro Arosio, nasce da una riflessione dell’azienda sui cambiamenti nei modi di abitare delle giovani generazioni (che tendono a preferire soluzioni più accessibili, più facili da progettare, da personalizzare e da vivere) e al tempo stesso sull’evoluzione dell’edilizia abitativa contemporanea (sempre più orientata a offrire ambienti piccoli, spazi condivisi e “liberi” nella configurazione di interni).

La filosofia progettuale di Board potrebbe sintetizzarsi con “Smart kitchen, Smart home”: una riflessione globale che si prefigge di migliorare la qualità dell’abitare domestico attraverso un prodotto bello e funzionale, concepito con una componibilità tale da essere versatile ai cambiamenti di spazio e d’uso, come mutevole è la vita dei giovani d’oggi. Fulcro del progetto è un blocco operativo sospeso, grazie ad una struttura autoportante, attrezzato per le funzioni di preparazione, cottura e lavaggio. Il blocco è disponibile in due dimensioni da 90 e da 120 cm: la versione piccola è l’ideale per monolocali o miniappartamenti e affianca alle aree di cottura e lavaggio un’area di preparazione/banco snack in legno adatta per piccoli spuntini o come banco per la colazione.  Il blocco operativo da 120 cm, invece, offre in più un innovativo sistema di taglieri dinamici, progettati per scorrere lungo dei binari a seconda che sia necessaria una superficie di lavoro o meno.

L’illuminazione, modulabile, gioca nel progetto un ruolo molto importante, sia come elemento di servizio che di atmosfera e suggestione. L’area dedicata al contenimento infine è in grado di offrire la più ampia flessibilità progettuale sia in termini di finiture e colori (oltre 100 diverse possibilità di scelta!) sia in termini di modularità progettuale, intesa come componibilità e adattabilità ad ogni spazio, piccolo o grande.

www.snaidero.it

Pensando che il notebook è utilizzato sempre più spesso come computer da lavoro lo studio Arkimera ha pensato ad Ambito, una postazione portatile in Corian, esile e leggera come un foglio di carta.

“Questo ci ha indotto alla progettazione di un oggetto che si configura quasi come un piccolo spazio”, raccontano i progettisti. “Un oggeto flessibile che incornicia la nostra area di lavoro o di intrattenimento assolvendo a funzionalità che solitamente ritroviamo in oggetti separati ma che qui, con un unico gesto, vengono unificate. Ambito si propone anche come una sorta di scrivania trasportabile: spesso capita infatti di volersi spostare da una zona all’altra di un ambiente con il notebook. Ambito permette di farlo portando con sé anche il necessaire minimo per il nostro mini studio”.

Ambito può essere utilizzato sia al lavoro sia a casa, appoggiato su una vecchia scrivania o sul tavolo della cucina, su un tappeto in salotto o su qualsiasi piano d’appoggio, e in un attimo possiamo ricreare il nostro spazio, il nostro Ambito.

La lastra di Corian viene tagliata e smussata sui bordi. Successivamente vengono create le fresature e le perforazioni necessarie. La fase successiva è quella della termoformatura che permette al materiale di assumere le pieghe che la caratterizzano. Infine vengono realizzati i collegamenti elettrici e installato il corpo illuminante led con accensione a sfioro.

www.arkimera.com