Le poltrone effetto pecora di Mazō

Editor:

Le iconiche sedute TMBO e WNG, disegnate da Magnus Læssøe Stephensen negli anni ’30, sono rieditate da Mazō con un nuovo rivestimento effetto pecora.

Poltrone e divani “effetto pecora”. È questo uno dei trend che abbiamo avvistato in occasione della Stockholm Furniture Fair 2020. Già, dai classici del passato alle novità assolute sono tantissime le sedute con questo tipo di rivestimento che ci hanno accolto in fiera.

Un esempio? WNG Chair e TMBO Chair del brand danese Mazō. Due sedute iconiche progettate negli anni ’30 dall’architetto Magnus Læssøe Stephensen. Sì, la sedia e la poltrona di Stephensen nel 2020 rinnovano il loro outfit, vestendosi con un soffice tessuto in pelle di pecora. Un materiale molto amato dagli abitanti dei Paesi scandinavi, per il calore unico che sa regalare agli ambienti.

Un rivestimento che grida relax

“Abbiamo vestito le 2 sedie TMBO e WNG con una pelle di pecora molto soffice e spessa. La forma arrotondata della seduta è valorizzata da questo rivestimento, che rafforza il suo carattere infantile e ci invita a sederci sopra. Il design iconico delle sedie e la pelle di pecora si completano alla perfezione. Noi stiamo avendo una grande richiesta di questo materiale, e pensiamo non sia adatto solo agli interni dei Paesi nordici e non solo all’universo di Mazō”, spiega il responsabile del Design, Magnus Sangild.

Le avvolgenti orecchie sul poggiatesta

La TMBO Lounge Chair è stata disegnata da Magnus Læssøe Stephensen nel 1935 per il department store Magasin du Nord, a Copenhagen. La WNG nasce, invece, nel 1937. Il tratto distintivo di entrambe sono le grandi orecchie sul poggiatesta, che avvolgono chi si siede, quasi isolandolo dal mondo.

Un invito alla postura dinamica

A caratterizzare i 2 progetti di Stephensen, però, è anche la libertà di postura permessa dalle sedute. Come racconta Magnus Stephensen, il nipote del celebre architetto danese, “la funzione del design era importante per mio nonno, ma non più importante del design in sé. Le 2 cose dovrebbero andare di pari passo. Entrambe le sedute hanno un design così invitante da far venire subito voglia di sedersi. Mio nonno le ha progettate in modo da potersi sedere in vari modi. (…) D’altronde, nessuno vuole stare al tavolo da pranzo nella stessa posizione per un’intera serata.”

Mazō ha acquisito i diritti per produrre tutti gli arredi disegnati da Magnus Læssøe Stephensen. Vedremo quali altre sorprese ci riserverà in futuro.

GUARDA ANCHE MAKI, LA SEDUTA MODULARE DI OFFECCT E ROPE CHAIR DI ARTEK

Alessia Forte

Alessia Forte

Laureata in Lettere, creo contenuti per aziende del settore arredo e design. Nel 2012 ho aperto Interior Break, un blog sull'interior design e l'arredamento, con un focus sullo stile scandinavo. Nel 2014 Interior Break è stato premiato come “migliore blog di arredamento”, per la categoria contenuti, nel concorso "Blog-In" lanciato da IKEA Italia.

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.