Maki, la seduta di Offecct ispirata al rotolo di sushi giapponese

Editor:

Il brand svedese Offecct presenta Maki, un sistema di sedute modulare pensato per gli spazi pubblici.

Quando il design giapponese e quello scandinavo si incontrano nascono grandi cose. Un esempio? Maki, la nuova easy chair del brand svedese Offecct, progettata dal designer giapponese Jin Kuramoto.

Presentata in occasione della Stockholm Furniture and Light Fair 2020, Maki ci ha conquistato con la sua forma essenziale ma piena di carattere. Cuore del progetto è, infatti, nello spazio vuoto e aperto dello schienale, ispirato a un maki giapponese, il mitico rotolino di sushi avvolto nell’alga. Un dettaglio stilistico che ha rappresentato una vera sfida a livello tecnico per Offecct.

Una seduta adatta a varie funzioni

“Il concetto di “diversità” è importante nella cultura giapponese, e lo è stato anche per me quando ho progettato la poltrona Maki. La easy chair ha una forma forte e simbolica, ma è flessibile nelle composizioni e nelle funzioni. Può essere usata per lavorare, riposare, incontrarsi e aspettare – come icona solitaria con una forte presenza personale o insieme ad altri moduli in diverse configurazioni”, racconta Jin Kuramoto.

Un sistema di sedute modulare

Maki è un sistema di sedute modulare. Le singole poltrone si possono, infatti, combinare in fila o disporre in diverse direzioni, così da ottenere molteplici soluzioni, a seconda dell’ambiente in cui andranno a posizionarsi. Una flessibilità che rende Maki adatta soprattutto agli ambienti di lavoro e agli spazi pubblici, come le lobby degli hotel o le sale d’attesa degli aeroporti.

Un invito alla postura dinamica

Non solo. La forma di Maki offre una seduta dinamica, invitando a cambiare posizione. Mentre l’innovativo schienale può essere usato anche come supporto, quando si sta in piedi.

“Il modulo si basa sul minimalismo e sul razionalismo, una cultura del design che accomuna Giappone e Scandinavia, mentre la sua funzione mira a una libertà che è sempre più ricercata nei vari ambienti pubblici”, spiega Jin Kuramoto.

Maki è composto da una struttura in metallo con imbottitura in schiuma fredda modellata, ed è completamente rivestito in tessuto.

ALTRI PROGETTI DI OFFECCT? GUARDA ANCHE FONT, IL SISTEMA DI SEDUTE MODULARE PROGETTATO PER IL NATIONALMUSEUM DI STOCCOLMA

Alessia Forte

Alessia Forte

Laureata in Lettere, creo contenuti per aziende del settore arredo e design. Nel 2012 ho aperto Interior Break, un blog sull'interior design e l'arredamento, con un focus sullo stile scandinavo. Nel 2014 Interior Break è stato premiato come “migliore blog di arredamento”, per la categoria contenuti, nel concorso "Blog-In" lanciato da IKEA Italia.

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.