Editoriali

Mi piacerebbe lanciare dalle colonne di DESIGN STREET una domanda alla quale so che non è possibile dare una risposta certa, ma per la quale esistono mille risposte possibili.

La domanda è la seguente: “In questo momento di grande cambiamento, in cui il format dei giornali tradizionali è entrato in crisi anche a causa della diffusione sempre più capillare di Internet, che ha inevitabilmente cambiato le modalità di fruizione e le abitudini alla lettura degli utenti, come vi immaginate il magazine del prossimo futuro? Cosa vi aspettate, cosa vorreste e cosa non vorreste trovarci, quali sono i vostri suggerimenti e quali le cose da evitare assolutamente?”

Aiutateci a migliorare questo Magazine, a renderlo più bello e a fare in modo che sia sempre più vivace e stimolante! Mandateci i vostri consigli, le vostre critiche e le vostre idee a riguardo. Leggeremo attentamente tutte le vostre segnalazioni e le condivideremo con gli altri utenti al fine di rendere la Strada del Design un luogo dove ognuno possa trovarsi a proprio agio e dove possa trascorrere tutto il tempo che vuole confrontandosi con altri utenti, esprimendo le proprie opinioni, ascoltando quelle degli altri e dove si senta libero di tornare, benvenuto, ogni volta che vuole.

Considerazioni dal London Design Festival 2015

London Design Festival 2015

Considerazioni dal London Design Festival 2015 Dopo tanti anni di entusiasmo, quest’anno (purtroppo) sono tornato dal LDF-2015 con un pizzico di delusione. Niente da dire sulla città, sempre più in fermento, sempre più vivace, sempre più ricca (non solo culturalmente) e, nota dolente…, sempre più costosa! Ma il Design Festival mi ha lasciato un po’ vai all’articolo

6 CONSIDERAZIONI SULLA MILANO DESIGN WEEK

  “Al Fuorisalone quest’anno c’è un sacco di gente gente…”. “Il Fuorisalone è morto…”. “Il Fuorisalone è diventato un grande Luna Park…”. “Bello quest’anno il Fuorisalone…”. “Dei nuovi distretti non se ne sentiva proprio bisogno…”. “Zona Tortona non è più la stessa…”.  “Zona Tortona era molto meglio dell’anno scorso…” Quest’anno ne ho sentite di ogni vai all’articolo

Il design dell’auto esprime il massimo delle sue potenzialità?

 Il tempo passa ma diversamente da altri settori, nelle auto per la maggioranza dei casi, il design risulta sostanzialmente fermo e immutato. Le auto sembrano tutte uguali, spesso caratterizzate da linee poco convincenti, inutilmente complesse ed ingenue, alimentando la proliferazione del superfluo e del banale. Al di là di discutibili esercizi di stile, concentrati sempre vai all’articolo

Le prime tre fiere di settembre.

Come ogni anno, a settembre, ricomincia il grande circo del design: è proprio in autunno infatti che ricominciano le grandi fiere. Un’occasione imperdibile per scoprire le anticipazioni, vedere idee fresche, conoscere nuovi designer. E così, armato di biglietto low cost e trolley alleggerito al massimo (al ritorno tra cartelle stampa e materiali vari, viaggio sempre vai all’articolo