Tag

telefonia

Browsing

Il telefono Mudita Pure.

Si chiama Mudita Pure ed è un telefono cellulare minimalista che si pone l’obiettivo di migliorare la qualità della vita quotidiana nel mondo contemporaneo. Un telefono di design e dalle prestazioni di altissimo livello pensato per chi si vuole disintossicare dai social media e da tutte le distrazioni digitali. In italia trascorriamo infatti circa 3 ore al giorno sui social media. E attenzione perché questa è solo la media. Il tempo è sicuramente maggiore dato che questa stima comprende l’intera popolazione, dai neonati agli ultranovantenni!).

Un cellulare pensato per una vita sana e “offline”

Altra caratteristica molto importante del telefono cellulare Mudita Pure è quella di avere un bassissimo livello di radiazioni. Una qualità molto apprezzata da tutte le persone che non vogliono rinunciare alla tecnologia ma che allo stesso tempo si prendono cura della propria salute. 

Il telefono Mudita Pure, dicevamo, è un telefono che fa solo il telefono e garantisce a chi lo usa un’alta qualità della vita “offline”, mantenendo una relazione sana con il proprio telefono. Mudita Pure infatti ti tiene in contatto con le persone ma non ha un browser Web, non ha applicazioni, né giochi. E soprattutto non consente di accedere ai social media.

Il design minimalista di questo telefono è ispirato alle tradizioni del design giapponesi e scandinave che sanno unire l’estetica ZEN alla semplicità natura stessa.

Il telefono Mudita Pure è stato lanciato con successo su Kickstarter da un team di designer  e ingegneri polacchi che ha in breve raggiunto oltre il doppio della cifra obiettivo.

La cosa interessante è che i progettisti non appartengo a una “setta salutista” o a un gruppo di integralisti che rifiutano la tecnologia e propongono un ritorno ad una vita ispirata al passato…

Mudita è un brand fondato da Michal Kicinski, il co-creatore di CD Projekt, la società di giochi digitali che ha ideato la saga di “The Witcher” e che sta per lanciare il videogame futurista “Cyberpunk 2077”.  L’ingegnere polacco è un appassionato di tecnologia ma proprio per questo è consapevole dell’impatto negativo che essa può aver sulla nostra salute e benessere. Per questo ha fondato Mudita, un’innovativa società tecnologica che mira a promuovere una vita più equilibrata nel mondo moderno.

Michal Kicinski ci racconta: “La nostra missione è quella di eliminare le pressioni imposte dai social media e rivedere il nostro essere sempre online attraverso l’educazione e l’eliminazione di elementi tecnologici superflui nei prodotti di uso quotidiano, così da potersi concentrare su una più sana vita offline. Noi desideriamo aiutare le persone a costruire un rapporto più equilibrato e più sano con la tecnologia. ”

Caratteristiche di Mudita Pure

L’obiettivo di Mudita non è quello di sostituirsi ai tradizionali smartphone. Piuttosto quello di essere utilizzato come secondo telefono da usare nei momenti in cui si vuole disconnettersi dalla rete e trascorrere del tempo i propri cari: la sera, nei fine settimana o nei giorni festivi, in vacanza ecc. Molti lo chiedono anche come telefono per i propri figli, sia per il basso livello di assorbimento delle radiazioni (grazie ad un’antenna ad alta schermatura) o per la mancanza accesso ai giochi e ai social media.

Lo schermo è formato da un display E-Ink ad alta densità (come quello degli e-book reader) che consente una lettura rilassante e non stressante per gli occhi. Mudita Pure è dotto di un modulo GSM multi-banda di ultima generazione globale che consente di chiamare e ricevere perfettamente in qualsiasi parte del mondo. 

Per maggiori informazioni, è possibile visitare il sito: mudita.com/products/pure/

ePure, l’iconico telefono DECT disegnato da Elium Studio e lanciato nel 2010 da Swissvoice, si aggiorna con nuove funzioni e un nuovo look.

Il suo design minimalista, ispirato ai telefoni “vintage”, nasconde infatti una tecnologia al top, come la modalità fulleco®, che garantisce un basso livello di onde di emissione acustica e il minimo consumo di energia con una qualità audio superiore. È  dotato di un display retroilluminato da 1.8”, del vivavoce e di tante altre funzioni. 

 

 

La sua base remota può essere posizionata dove è più comoda per l’utente, e non necessita di un aggancio fisico alla rete telefonica. Esiste anche una versione TAM (con segreteria telefonica) disponibile con l’aggiunta di un elemento a parte, coordinato nel colore e nel design.

Tutte le caratteristiche e le informazioni d’acquisto sul sito dell’azienda.

www.swissvoice.net

 

Credo che tutti abbiano sperimentato quanto sia snervante e fastidioso dover districare le cuffiette, abbandonate in borsa o in un cassetto, che sembrano aver inventato dei nodi che nemmeno il miglior marinaio sarebbe in grado di riprodurre.

Per questo “Desall” ha prodotto Des3go, una soluzione al problema quotidiano che ci accomuna tutti: un oggetto semplice e facile da utilizzare prodotto attraverso la stampa 3D, consistente in un triangolo in materiale plastico con dei fori ai vertici per inserire cuffiette e attorcigliare ordinatamente i cavi.

Il “Wrapper”, così è stato soprannominato dai suoi ideatori, è presente in diversi vivaci colori, da poter abbinare alla cover del vostro iPhone.

Inoltre possiede un packaging riciclabile, molto semplice e funzionale che si presta perfettamente al suo compito.

Il designer lo ha chiamato “des3go” con un gioco di parole. “Des” per design, “3” come i lati del triangolo, “Go” per ricordare la facilità d’uso. In dialetto veneto “destrigo” deriva da “desitigar” che significa proprio “districare, sgrovigliare”.

www.desall.com

D’ora in poi vedremo anche gli adulti “giocare al telefono” proprio come i bambini; parlare con la mano “a cornetta” con il pollice all’orecchio e il mignolo davanti alla bocca. Questa volta però le conversazioni saranno vere, grazie a hi-Call è il primo guanto Bluetooth che si collega a qualiasi smartphone. hi-Call infatti è un guanto apparentemente normale, in filato o in pelle, che consente di usare la propria mano proprio come fosse una cornetta telefonica, tramite il microfono e l’auricolare cuciti internamente al guanto sinistro. I tasti sul dorso permettono di rispondere o di terminare chiamate senza sfilare il guanto o dover utilizzare la tastiera del telefono. In più, hi-Call vibra in chiamata. Prodotto da hi-Fun, è un accessorio perfetto per i più freddolosi, che non dovranno più togliersi i guanti per telefonare. Queste le specifiche tecniche: Raggio operativo: 12m. Durata batteria in standby: 10 giorni. Durata batteria in conversazione: 20h. Nei dispositivi che supportano la funzione, lo stato di carica della batteria di hi-Call è visualizzato sullo schermo del dispositivo abbinato. Ricarica: tramite cavo micro USB i dotazione. Tempi di ricarica: 30 minuti hi-Call è compatibile con tutti i telefoni dotati di Bluetooth. www.hi-fun.com

Pop Phone. Un nome, un programma. Questo divertente oggetto dall’aura nostalgica è stato avvistato a Maison & Objet di settembre, dove uno stand gremito di buyer e curiosi impazzava neanche fosse la Borsa di New York nel film Wall Street di Oliver Stone (ah! tempi brillanti, quelli…).

Si tratta di una semplice e “classica” cornetta del telefono connettibile a qualsiasi device attraverso l’ingresso che si usa per gli auricolari. Disegnato dal francese David Turpin, il Pop Phone è proposto in tanti colori sgargianti e con una finitura superficiale soft-touch. L’azienda che lo produce, la Native Union, si è specializzata in questo genere di “gadget”, infatti propone anche altri modelli sia dallo stile più rétro, sia più contemporaneo, connettibili via Bluetooth.

Fa sorridere che per sentirci più a nostro agio si debba tornare indietro nel tempo. Ma questo sta a indicare che, talvolta, l’assunto “la forma segue la funzione” non sia un concetto da dimenticare o superare per forza, al subentrare di nuove tecnologie.

* Il titolo si riferisce allo spot “tormentone” della Sip andato in onda negli anni ’90. Il telefono visibile nella pubblicità è il Sirio, disegnato da Giugiaro nel 1987.

www.nativeunion.com