Gli straordinari Objets Nomades di Louis Vuitton

Editor:

Objets Nomades – L’esclusivo design di Louis Vuitton®

Era il 1854 quando Louis Vuitton, il luxury brand specializzato nel settore della moda, sviluppa nelle sue collezioni il tema del viaggio. Nel 2012 il marchio francese decide di creare delle sinergie con i più importanti studi di design internazionali. Tra questi, Patricia Urquiola, Atelier Alberto Biagetti e India Mahdavi.

Ha inizio così la storia degli Objets Nomades: una collezione rivoluzionaria e provocatoria, in continua crescita, composta da oltre quaranta oggetti e complementi d’arredo. Del resto moda, design e architettura sono da sempre accomunati da uno spirito comune: l’ideazione e la diffusione della bellezza, associati alle più sperimentali forme della creatività.

Ecco, allora, una breve lista degli Objets Nomades che più ci piacciono.

Swing Chair | Patricia Urquiola

Swing Chair è un dondolo sospeso disegnato da Patricia Urquiola. Un’amaca ispirata al fiore Monogram, coi suoi quattro petali inscritti in un cerchio perfetto. I due cuscini in pelle rendono la seduta più confortevole. Realizzata in corda con tecnica di filatura macramè, Swing Chair è sorretta da due staffe che rimandano ai manici delle iconiche borse di Vuitton. In particolare, Twist tote, Speedy e Sac Plat.

Se è vero che i dettagli fanno la differenza, la Swing Chair rappresenta l’apice della creatività e del gusto più ricercato firmato dalla designer Patricia Urquiola.
Le frange conferiscono alla seduta un aspetto ancora più “nomade”, mentre le rifiniture dorate nelle estremità inferiori, l’arricchiscono in modo elegante e discreto. La Swing Chair è per Louis Vuitton un’operazione minuziosa, che sfocia in una sperimentazione di pattern e texture che citano il fiore Monogram in grandi dimensioni.

Mandala Screen | Zanellato Bortotto

Si chiama Mandala Screen questo scenografico paravento creato per Louis Vuitton dallo studio italiano Zanellato / Bortotto. Si tratta di uno schermo decorativo che riprende nel disegno il classico disegno ornamentale della tradizione buddista. Il paravento Mandala è costituito da una struttura in metallo su cui si intreccia una trama di strisce in pelle di diversi colori, che formano un disegno “optical”.

GUARDA IL NOSTRO SERVIZIO SUI MIGLIORI PARAVENTI DI DESIGN

Surface Lamp | Nendo

Surface Lamp è un oggetto semplice ma geniale per la sua semplicità apparente. Porta la firma di Oki Sato, fondatore dello studio Nendo. Surface è un oggetto di design elegante e minimale ma soprattutto pratico e funzionale. Si tratta di un “foglio” in pelle traforata, supportato da un’asta in acciaio, che diventa una lampada portatile a LED. La lampada Surface è alimentata da una batteria USB ricaricabile e si accende automaticamente, quando viene arrotolata, grazie a un sistema di circuiti interni. Realizzata in pelle traforata per consentire maggiore diffusione di luce, Surface è disponibile nelle versioni Damier: la prima stampa a scacchi, che da oltre cent’anni distingue la Maison francese.

Surface presenta molte analogie con la Paper Torch di nendo, della quale rappresenta la versione più elegante e preziosa in fatto di materiali. La lampada Surface viene proposta in un apposito contenitore che la protegge quando non viene usata e che ne facilita il trasporto. Il manico in pelle della custodia rimanda alle tracolle delle iconiche borse di vacchetta.

GUARDA LA NOSTRA SELEZIONE DI LAMPADE PORTATILI E RICARICABILI DI DESIGN

Anemona table | Atelier Biagetti

Il 2019 è stato l’anno del tavolo Anemona, un elemento d’arredo che rende omaggio al mare Adriatico. Il designer italiano Alberto Biagetti lo propone con un top in vetro che ricorda la forma ellittica degli specchi serigrafati anni ’30 di Cassina. La base, dalle forme fluide e “increspate”, si ispira al mondo marino. Anemona è un tavolo dalla forma imponente, maestosa e di forte impatto visivo.

Lounge Chair | Marcel Wanders

Tra i nostri Objets Nomades preferiti non poteva mancare la Lounge Chair di Marcel Wanders, che rappresenta una vera “oasi di relax”. «Travel constantly changes, inspires, and surprises you.» Con queste parole il designer descrive la sua Lounge Chair, che unisce il massimo comfort  a un’eleganza senza compromessi. Gli elementi che compongono la Lounge Chair di Marcel Wanders sono avvolti da cinture in pelle che rievocano le tracolle delle iconiche borse del luxury brand francese.

Lounge Chair è composta principalmente da tre parti in fibra di carbonio foderata in pelle e da un cuscino di forma cilindrica che, chiusi, si ispirano a un borsone da viaggio.

Cocoon | Estudio Campana

Chi meglio di Fernando & Humberto Campana poteva interpretare gli oggetti nomadi, ispirati al viaggio? I due fratelli brasiliani lo hanno fatto con la sedia sospesa Coocon, un sentito omaggio alla loro terra. La collezione Cocoon rappresenta infatti un’esplosione di colori. La struttura è realizzata con tecnica di stampa a 3D ad alta tecnologia: la stereolitografia. La poltrona è dotata di cuscini che rendono maggiormente confortevole la seduta. Esiste anche una versione ricoperta in montone. Cocoon è adatta sia negli interni, sia negli spazi outdoor.

Stool | Atelier Oï

Stool nasce dalle menti creative dei tre progettisti di Atelier Oï. Gli sgabelli della collezione Stool si rifanno alla tradizionale tecnica giapponese di piegatura della carta. Sono realizzati in alluminio polimerico rivesto in pelle. La collezione Stool è caratterizzata da colori vivaci e da linee, sottili ma estremamente robuste. Lo sgabello Stool ha infatti una portata di circa 100 kg. Piegato, lo sgabello si appiattisce e si può trasportare in una pratica cartella in cuoio. Un vantaggio da non sottovalutare per un oggetto nomade.

Swell Wave | matsys design

Per gli amanti del caos più ordinato, la libreria a mensole Swell Wave rappresenta la “new entry” 2019/2020 degli Objets Nomades di Louis Vuitton. Andrew Kudless, fondatore di matsys design, dà una forte impronta personale alla collezione d’arredo della maison francese, optando per il legno di rovere lucido. I ripiani della libreria Swell Wave, dalle linee discontinue, sono tenuti insieme da un sistema di lacci in pelle colorata che ricordano le imbragature degli alpinisti. Questi sono fermati da appositi rivetti forati, gli stessi utilizzati anche per le iconiche borse, i set di valigeria e gli accessori della Maison Louis Vuitton.

Photo credit: Philippe Lacombe

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.