Un nuovo sito per Memphis

Editor:

In occasione di Fuorisalone Digital, è stato lanciato memphis-milano.com. Un nuovo sito che raccoglie tutti i prodotti, l’archivio e la storia del leggendario Gruppo Memphis.

Uno spazio digitale pensato per tutti gli appassionati di design. Parliamo di memphis-milano.com, la nuova piattaforma web che raccoglie i prodotti, l’archivio e la storia dei marchi Memphis-Milano, Meta Memphis e Post Design. Un e-commerce ma anche uno strumento attraverso cui conoscere più a fondo un movimento culturale che ha segnato un’epoca.

Sì, il gruppo Memphis rappresenta uno dei capitoli più importanti della storia del design. Il suo mix di eleganza e kitsch, il suo amore per le forme surreali, l’uso di laminati plastici con pattern che riproducono materiali preziosi, e il suo gusto per il gioco e la decorazione sono stati una vera rivoluzione. Un movimento culturale che influenza ancora oggi in modo decisivo non solo il design, ma anche la moda, il cinema e la televisione.

La nascita del Gruppo Memphis

L’antica capitale dei faraoni egizi, da un lato. La città natale di Elvis Presley e Aretha Franklin, in Tennessee, dall’altro. Da questo duplice riferimento prende il nome Memphis, il collettivo di design nato la sera dell’11 dicembre 1980, nella casa di Ettore Sottsass.

Già, è nel soggiorno di Sottsass, sulle note del brano Stuck Inside of Mobile with the Memphis Blues Again di Bob Dylan, che un gruppo di giovani designer e architetti progetta una collezione di mobili destinata a entrare nella leggenda. A firmare i progetti Ettore Sottsass, Aldo Cibic, Matteo Thun, Marco Zanini, Martine Bedin, Michele De Lucchi, Nathalie Du Pasquier e George Sowden.

La prima collezione del Gruppo Memphis comprende 55 prodotti e viene lanciata a Milano il 19 settembre 1981 nello showroom Arc ’74 di Brunella e Mario Godani, durante il Salone del Mobile (il Salone si svolgeva in settembre all’epoca). Fuori dalla galleria si raccolgono più di duemila persone, bloccando il traffico della città. Si intuisce subito che qualcosa di epocale sta accadendo.

Memphis presenta ogni anno, fino al 1987, una nuova collezione prodotta dal proprietario di Artemide Ernesto Gismondi. L’ultima mostra del gruppo Memphis è invece “Luci / Lights” del 1988. Da allora non sono stati più disegnati prodotti con il marchio Memphis. I progetti firmati dal gruppo Memphis tra il 1981 e il 1988 sono, però, ancora oggi prodotti in serie illimitata.

Meta Memphis e Post Design

Se l’esperienza creativa del gruppo Memphis si conclude alla fine degli anni ‘80, l’attività imprenditoriale e produttiva dell’azienda Memphis continua. Nel 1989 viene lanciata la collezione Meta Memphis, un progetto che coinvolge artisti di fama internazionale per la prima volta impegnati nella progettazione di mobili e oggetti.

Invece nel 1997 nasce il marchio Post Design, una nuova collezione di arredi e oggetti progettata da designer già appartenenti al gruppo Memphis, come Nathalie Du Pasquier, George Sowden e lo stesso Ettore Sottsass, a cui si uniscono altri importanti esponenti della scena internazionale, come Pierre Charpin, Denis Santachiara e Nanda Vigo, e giovani designer meno conosciuti.

A differenza delle collezioni Memphis-Milano, espressione di un linguaggio unitario, le collezioni Post Design hanno ognuna una propria identità stilistica.

Il nuovo sito memphis-milano.com

Il nuovo sito memphis-milano.com comprende un e-commerce completamente rinnovato, dove si possono acquistare tutti i progetti più iconici del Gruppo Memphis, ma anche scoprire le collezioni d’artista Meta Memphis, poco visibili altrove, e i progetti di Post Design. La piattaforma offre, inoltre, la possibilità di consultare l’archivio completo dei poster e cataloghi storici delle esposizioni Memphis-Milano dal 1981 al 1988. Una occasione davvero ghiotta per tutti gli appassionati del Gruppo Memphis (e non solo).

Alessia Forte

Alessia Forte

Laureata in Lettere, creo contenuti per aziende del settore arredo e design. Nel 2012 ho aperto Interior Break, un blog sull'interior design e l'arredamento, con un focus sullo stile scandinavo. Nel 2014 Interior Break è stato premiato come “migliore blog di arredamento”, per la categoria contenuti, nel concorso "Blog-In" lanciato da IKEA Italia.

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.