Meret Oppenheim in mostra al MASI di Lugano

Editor:

Meret Oppenheim al MASI di Lugano, rara figura femminile del periodo surrealista, in mostra presso il centro Lugano Arte e Cultura, fino al 28 maggio.

Una personale di un centinaio di opere tra le più diverse che mancava all’appello: un giusto tributo a questa artista che giovanissima è stata al centro della scena parigina anni Trenta, “da Max Ernst a Mona Hatum” e gli altri grandi del Surrealismo e Dada.

Curata da Guido Comis, con la collaborazione della studiosa Maria Giuseppina Di Monte, la mostra ha come sede naturale Lugano -a poca distanza da Carona suo luogo di elezione-, e copre l’intero ciclo artistico fino agli ultimi lavori degli anni Settanta e Ottanta.

Figura spesso ridotta al ruolo di musa e modella, disinibita come nel miglior spirito dell’avanguardia, Meret Oppenheim ha in realtà svolto un percorso creativo profondo e originale, dando luogo a lavori che spaziano tra le più varie tipologie e tecniche -oggetti, sculture, dipinti, fotografie, modelli, ecc.-, interpretando, con grande anticipo, anche sè stessa come strumento espressivo.

La celebrazione del semplice oggetto d’uso di Duchamp -con cui partecipa alle prime esposizioni e a cui si lega per un lungo periodo-, acquista nel suo caso un valore aggiunto di trasfigurazione immaginaria, che conduce anche oggi a un mondo e un modo diverso di vedere e concepire la dimensione convenzionale della cose.

Da questo punto di vista anche il famoso tavolino con zampe di uccello -non a caso messo in vendita da Gavina-, è forse una delle opere più chiare in questo senso, che meglio rende lo spiazzamento e il trasporto in un’altra dimensione, unendo il massimo di contenuto artistico al ciclo della produzione -quasi- seriale. Lo stesso può dirsi dell’autoritratto “radiografico” con gioielli, giustamente eletto ad immagine simbolo dell’iniziativa.

La mostra si presta ad essere presa con leggerezza e divertimento, tanti sono i lavori che offrono un effetto sorprendente e immediato -come la famosa tazzina rivestita in pelliccia o quella sdoppiata, i guanti “venati” o le scarpe congiunte-, offrendo a tutti la propria chiave di lettura e intrepretazione di questa esclusiva ed intensa visione immaginifica.

www.masilugano.ch

Marco Forloni

Marco Forloni

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.