Un sistema di sedute pensato per creare isole di privacy nei grandi open space. Ecco Kokoro, il progetto firmato da Federica Biasi per Manerba.

Cuore, essenza, giusto animo. Sono tanti i significati della parola Kokoro in giapponese. Tanti quante sono le funzioni dell’omonima collezione firmata da Federica Biasi per Manerba.

Già, Kokoro è un sistema di sedute e di pannelli divisori, ma anche una serie di tavoli bassi e tavoli bar. Un progetto multifunzionale e versatile pensato per diverse tipologie di ambiente: dalla casa all’ufficio, dagli hotel agli aeroporti. Per spazi che non vogliono barriere, ma che hanno bisogno di isole di intimità per esigenze di sicurezza o per la privacy visiva e acustica.

Un bozzolo isolato acusticamente

Il sistema di sedute Kokoro di Manerba si compone di una struttura in multistrato di legno su base in metallo e di seduta e cuscini in poliuretano espanso di tre diverse densità, rivestiti in un’ampia gamma di tessuti con la possibilità di creare anche originali versioni bicolor.

Caratterizzato da forme morbide e accoglienti, Kokoro accoglie al suo interno le persone come in un bozzolo, creando un senso di intimità. Lo schienale del divano, in due altezze, ha inoltre una funzione fonoassorbente e, nella sua versione più alta, si trasforma in una box capsula isolata acusticamente.

Inoltre, i pannelli possono essere attrezzati con ganci appendiabito o mensole portaoggetti in metallo, laccate tono su tono o a contrasto. E la base dei divani Kokoro, così come i pannelli, è predisposta per essere cablata.

I tavolini Kokoro sono proposti in una versione bassa in varie altezze e in un tavolo alto da bar. Tutti con piano in laminato e angoli arrotondati. E tutti con la possibilità di integrare il cablaggio elettrico come nella versione laptop table.

Il nuovo showroom Manerba a Milano

Kokoro e gli altri arredi da ufficio di Manerba possono essere toccati con mano a Milano, nel nuovo showroom che ha aperto le porte in Piazza San Simpliciano nell’aprile 2021. 300 metri quadri, distribuiti su 2 piani e soppalco, con quattro ampie vetrate che offrono una spettacolare vista sulla Basilica di San Simpliciano.

Il progetto di allestimento “A Place to Live”, curato dalla designer e art director del brand Federica Biasi, mostra un grande equilibrio cromatico ed estetico, mettendo in scena tavoli, scrivanie, sedute, divisori, progettati per arredare sia home office sia workspace multifunzionali, adattati alle nuove esigenze post-Covid.

LEGGI ANCHE I DIVANI DI DESIGN PER I LAVORATORI DIGITALI

Author

Mi occupo di comunicazione digitale, creando contenuti testuali per agenzie di comunicazione, studi di design e aziende di arredamento. Nel 2012 ho fondato Interior Break, un blog dedicato all’interior design, eletto nel 2014 migliore blog di arredamento per i contenuti nel concorso “Blog-in”, lanciato da IKEA Italia.

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.