Tag

premi

Browsing

Annunciati i World Design Rankings

Il WDR – World Design Rankings ha stilato la classifica internazionale dei premi di Design.


Cos’è il WDR – World Design Rankings?

WDR – World Design Rankings è un organismo internazionale che mira a fornire dati e approfondimenti sullo stato dell’arte nel settore del design, dell’arte e dell’architettura. Lo scopo del World Design Rankings è di contribuire alla cultura del design mondiale attraverso la promozione dei progetti di qualità.

Possiamo dire in altre parole che il WDR – World Design Rankings sta al design come le Olimpiadi stanno o allo sport in quanto stila una classifica dei paesi che hanno vinto il maggior numero di premi A’ Design. Le classifiche del WDR forniscono un’istantanea della situazione attuale e delle potenzialità nel settore del design di tutti i paesi del mondo, evidenziandone i punti di forza e quelli di debolezza.

Per maggiori informazioni sul World Design Rankings, vai sul sito WDR


A’ Design Award

Promotore del WRD è il prestigioso premio internazionale A’Design Award che ogni anno seleziona i migliori progetti in oltre 100 categorie tra cui product design, architettura, interior, grafica, packaging, fashion design etc. Lo stesso organismo che nel 2017 e nel 2020 ha premiato il nostro blog Design Street come Best Design Media

La classifica del World Design Rankings tiene in considerazione la totalità dei premi rilasciati negli anni 2010 – 2021 dal premio A’ Design Award. I premi sono 5 per ogni categoria: Platinum, Gold, Silver, Bronze e Red.

Iscriviti al contest internazionale A’Design Award


La classifica 2020 del WDR – World Design Rankings

Secondo la classifica 2020 del WDR – World Design Rankings la Cina ha spodestato gli Stati Uniti (primi nell’edizione 2019) classificandosi al primo posto tra i 108 paesi rappresentati. Il medagliere della Cina conta 86 “Platinum”, 375 “Gold”, 798 “Silver” e 592 “Bronze” Design Awards, per un totale di 2272 premi vinti. Al secondo posto, gli Stati Uniti (67 “Platinum”, 205 “Gold”, 297 “Silver” e 238 “Bronze” Design Awards, per un totale di 1038 premi vinti. Fra i primi 5 classificati ci sono anche il Giappone, al 3° posto, l’Italia (che si conferma al 4° posto) e Hong Kong. Chiudono la Top Ten Gran Bretagna, Taiwan, Germania, Turchia e Australia.

Ma facciamo una breve analisi della classifica…

Diciamo subito che la classifica al vertice non è cambiata in modo significativo rispetto agli anni passati, ad eccezione di Cina (che raggiunge per la prima volta la vetta della classifica), Hong Kong e Taiwan che crescono di posizione.

4 sono i paesi dell’Estremo Oriente classificatisi nei primi 10 posti (con Cina, Giappone e Hong Kong fra i primi 5!). Un dato che fa riflettere…
In Europa, oltre all’Italia, nella Top Ten entra solo la Germania (9° posto) visto che la Gran Bretagna (6° posto) è uscita quest’anno dall’Europa. È curioso che il primo dei paesi scandinavi, la Finlandia, sia solo al 24° posto, seguito a breve distanza dalla Norvegia (25°) e dalla Svezia (36°). Distaccata, al 59° posto, la Danimarca. Tutte quattro queste nazioni hanno perso qualche posizione rispetto all’anno scorso. Ci saremmo aspettati un miglior posizionamento per questa area, da sempre vocata al design. Stupisce anche la Francia al 32° posto, superata da paesi quali Bulgaria, Libano, Messico e Ucraina. Infine segnaliamo che sono 2 i nuovi paesi entrati in classifica in questa edizione: Macao (Cina) e l’Iraq.

Qui sotto, potete vedere la classifica dei primi 20 paesi


I Design Business Insights

Di particolare interesse risulta la sezione Design Business Insights che fornisce una classifica dei paesi in base al loro successo in diversi settori del design. È possibile ad esempio scoprire quale paese è il migliore nel design industriale, nel design del mobile o dell’illuminazione. O ancora quale eccelle nel packaging e quale nel design per i bambini. Quale spicca nell’interior design, quale nel fashion design… Insomma,  presenta una serie di dati incrociati di grande interesse!

Attraverso i Design Business Insights è inoltre possibile scoprire i campi in cui un paese è altamente competitivo e ha una posizione dominante (tabella “punti di forza) o quelli in cui risulta al di sotto della media (tabella “punti di debolezza”). La tabella “opportunità” mostra infine le categorie di design che potrebbero essere ulteriormente esplorate dal Paese.


La piattaforma “Design Classification” 

La Design Classification Platform invece stila un elenco dei migliori professionisti del settore divisi per categoria. La lista  della Design Classification Platform comprende designer, artisti e architetti raggruppati in centinaia di settori creativi e categorie tra cui architettura, interior design, design del mobile, fashion design, grafica e packaging. 


La piattaforma “Designer Rankings”

Esiste infine la lista Designer Rankings. Una graduatoria dei migliori designer, artisti e architetti indipendentemente dalla disciplina di progettazione 

Designer Rankings fornisce un punteggio complessivo e stila la classifica di tutti i designer in base al numero di premi di design vinti a livello globale, in più di cento discipline creative.


Alcuni dei vincitori del premo A’ Design Award

Qui di seguito potete vedere una selezione di alcuni dei vincitori del premio internazionale A’ Design Award. A questo link trovi il nostro articolo sull’assegnazione dei prestigiosi A’ Design Award 2020.

Clicca sulle foto per ingrandirle!


Alcuni dei vincitori delle categorie: Lighting Products and Lighting Projects Design

 

 

I vincitori della categoria Packaging Design
del prestigioso A’ Design Award

Oggi vi vogliamo svelare alcuni dei vincitori della categoria Packaging Design del premio internazionale A’ Design Award. Una categoria, quella del packaging Design, così importante eppure così poco considerata. Il packaging design fa parte della super-categoria Good Communication Design Award.

Con questo post vogliamo dunque rendere giustizia a tutti quei designer che hanno scelto questa categoria. Ovviamente per ragioni di spazio non possiamo segnalarli tutti. Abbiamo selezionato i 20 progetti che ci hanno colpito maggiormente.

Se invece volete vedere gli oltre 140 progetti premiati al A’ Packaging Design Award 2019-2020, tra i quali quelli che hanno ricevuto le targhe Platinum, Golden, Silver e Bronze, potete cliccare qui.

6 super-categorie e oltre 100 categorie

Il contest A’ Design Award include 6 super-categorie, a loro volte divise in sotto-categorie.
Le super-categorie sono:  Good Industrial Design AwardGood Architecture Design AwardGood Product Design AwardGood Communication Design Award, Good Service Design Award e Good Fashion Design Award.
Se siete curiosi di vedere i vincitori di tutte le oltre 100 categorie, potete farlo consultando questa pagina.

Qui sopra, a destra, il celebre trofeo del premio A’ Design Award che spetta ai vincitori

 

Cos’è il premio A’ Design Award

Credo che ormai sappiate tutti cos’è il concorso A’ Design Award, dato che finora ne abbiamo parlato spesso (qui trovi l’approfondimento di Design Street sul premio A’ Design Award).  Si tratta di uno dei più importanti premi internazionali dedicato al design e alla progettazione creativa in ogni campo. Le categorie alla quali è possibile iscriversi spaziano dal product Design all’illuminazione, dal design per bambini a quello per la mobilità, dall’architettura all’interior design, dal packaging alla grafica, dal fashion al food design, solo per citarne alcuni. 

Potete iscrivervi al concorso cliccando qui.

I vincitori di tutte le categorie del premio A’ Design Award verranno resi noti il 1 maggio 2021 aprile 2015. Continuate a seguirci perché Design Street pubblicherà un articolo con i nomi e i progetti dei vincitori.

 

 

ECCO LA NOSTRA SELEZIONE DEI VINCITORI DEL PREMIO
A’ PACKAGING DESIGN AWARD 2019-2020

 Cos’è l’A’ Design Awards?

A’ Design Award non è solo un premio ma, come specificano gli organizzatori, è un indicatore di qualità e di eccellenza nel design. Un riconoscimento che, oltre a selezionare i progetti dei migliori creativi internazionali, si concentra sul dare loro la massima visibilità a livello internazionale, mettendo in connessione i progettisti, le imprese, il pubblico e la stampa.

Leggi il nostro articolo di approfondimento sul  concorso internazionale A’ Design Award

Le categorie.

Il contest si occupa di tutti i campi della creatività e prevede oltre 100 categorie: dal product design al packaging, dall’interior design all’architettura, dall’elettronica all’automotive, dalla gioielleria all’illuminazione, dalla moda alla comunicazione…. Per la cronaca, possono essere iscritti sia oggetti finiti, sia prototipi, sia concept di progetti.

Come iscriversi?

Iscriversi è molto semplice ed è assolutamente gratuito. Basta andare sul sito, registrarsi, caricare i propri progetti e il primo passo è fatto. Si riceverà nel giro di pochi giorni un punteggio da 1 a 10. A questo punto tutti i progettisti che avranno ricevuto un punteggio uguale o maggiore di 6 possono candidare (questa volta a pagamento) il proprio progetto al premio e partecipare così alle selezioni finali. Il termine per la presentazione “standard” dei progetti è il 30 settembre 2020. I lavori saranno giudicati da una giuria internazionale di studiosi, professionisti e giornalisti di settore.

La giuria

I progetti presentati saranno valutati da una selezionata giuria internazionale composta da professionisti del settore, docenti e giornalisti specializzati. I giurati seguono una rigida metodologia la cui definizione ha impiegato oltre 5 anni.
Massimo Rosati, direttore di Design Street, è membro della giuria di A’Design Award da diversi anni.

REGISTRATI QUI

I premi

Oltre a ricevere l’ormai prestigioso trofeo in metallo stampato in 3d e il certificato ufficiale, i vincitori verranno inseriti con i loro progetti all’interno dell’annuario, disponibile sia in volume con copertina rigida, sia digitale. Avranno, inoltre, garantita una campagna di promozione sui media internazionali, l’esposizione dei progetti in una mostra dedicata ai vincitori e tantissimi altri riconoscimenti, tra i quali la partecipazione alla special Gala Night che si svolge in una delle più prestigiose location sul lago di Como.


I risultati saranno resi noti al pubblico il 1 maggio 2021
. Una selezione dei vincitori verrà presentata lo stesso giorno su Design Street. Restate sintonizzati!

Alcuni dei vincitori…

Qui sotto trovate alcuni progetti vincitori della scorsa edizione per la categoria Product Designi…

DESIGN STREET HA VINTO IL PREMIO BEST DESIGN MEDIA
DI 
A’ DESIGN AWARD CLASSIFICANDOSI 
MIGLIOR BLOG DI DESIGN ITALIANO E INTERNAZIONALE

Ecco I vincitori del Northern Design Award 2019

Il prestigioso Northern Design Award 2019, il premio di design istituito nel 2012 dalla celebre azienda scandinava, ha finalmente assegnato i suoi attesissimi premi.

Guarda la nostra pagina dedicata a tutti i premi e contest di design italiani e internazionali

Il primo premio del Northern Design Award 2019

Dopo aver ricevuto oltre 400 proposte da 150 designer diversi, il Northern Design Award 2019 ha scelto l’oggetto di design più bello e più vicino allo spirito nordico e allo stile del brand norvegese.

Il primo premio è andato allo scrittoio 925 Office Desk, disegnato da Philipp Aussem.

Un prodotto pensato appositamente per l’home office, un tema molto attuale in quanto il lavoro in casa ormai è diventato una necessità quasi per tutti. 

Lavorare in casa senza avere uno spazio dedicato porta, però, al problema di non riuscire a separare lavoro e tempo libero. Inoltre, creare uno spazio attrezzato per un ufficio in casa di rado si inserisce armoniosamente nell’arredamento. È necessario, dunque, un semplice e rapido passaggio tra i due mondi, per salvaguardarli entrambi.

Guarda la nostra selezione di scrittoi di design

925 Office Desk, il progetto vincitore assoluto del Northern Design Award 2019, rappresenta la perfetta fusione tra una pratica scrivania e un tavolo per il tempo libero.

Basta sollevare il meccanismo a molla per aprire lo spazio “ufficio”. Una volta terminato il lavoro, un semplice movimento chiude di nuovo la scrivania così da far scomparire dalla vista tutto il materiale di lavoro. Un’azione anti stress per lasciarsi il mondo del lavoro alle spalle, proprio come quando si chiude la porta dell’ufficio.

La giuria ha premiato il modo in cui il designer Philipp Aussem è riuscito a interpretare anche simbolicamente questo rituale, in cui l’atto fisico di trasformare il tavolo diventa simbolo dell’entrare e uscire dal lavoro. Lo stesso nome 925 (Nine-Two-Five) riporta alla memoria l’orario d’ufficio: dalle 9 alle 5 (Nine to Five).

Philipp Aussem, che sta completando un master in Industrial Design all’Università di Lund (Svezia), ha progettato 925 Office Desk durante i suoi studi e ha realizzato da sé il prototipo.

Il secondo premio del Northern Design Award 2019

Il secondo premio è andato alla sedia Framework Chair di Simo Lahtinen.

Caratterizzata dalla pulizia delle linee, la Framework Chair si distingue per il suo design semplice e minimale, senza elementi inutili. Una sedia comoda, leggera e funzionale, ma soprattutto bella. Framework Chair, a detta dei giurati, “soddisfa i sensi con la sua silhouette equilibrata e sottile. Il design moderno e minimalista lo rende un complemento perfetto per qualsiasi ambiente”.

Il terzo premio del Northern Design Award 2019

Il terzo premio è andato all’attaccapanni Beetle di Lola Buades.

Beetle è un gancio multifunzionale e giocoso dove appendere un soprabito, una giacca o la borsa. È dotato di un piccolo ripiano, perfetto per appoggiarvi chiavi, libri e cappelli. Nell’asola inferiore è possibile appendere una sciarpa o l’ombrello. La sua forma ovale è ispirata al Maggiolino (da cui prende il nome). Beetle è realizzato con un’unica lamiera piegata e verniciata in toni pastello.

Le menzioni d’onore del Northern Design Award 2019

Due sono state le menzioni d’onore assegnate dal premio Northern Design Award 2019.

La prima ai bicchieri Suspens disegnati da Yijun Mo & Philippine Gallet de Saint Aurin, soffiati a bocca con un fondo organico che ricorda un’onda. I bicchieri Suspens sono utilizzabili in entrambi i versi, dritti o rovesciati, così da avere due capacità differenti.

La seconda menzione è andata alle sedute Inner Values del giovane designer Tobias Trübenbacher. Due sedie che vogliono far riflettere sulla necessità di evitare scarti anche nel mondo animale. I rivestimenti, decisamente insoliti, sono realizzati con intestino di mucca e vesciche di maiale, trasformati in morbida pelle. Una provocazione efficace, tanto da guadagnarsi una meritata menzione d’onore…

Il Northern Design Award 2020

Volete partecipare al contest Northern Design Award 2020? Vi anticipiamo che il premio di design avrà scadenza nel mese di aprile 2020 ma il bando non è ancora stato pubblicato. Per non perdervi questo o altri interessanti premi e contest di design, visitate spesso la nostra pagina al link qui sotto… e in bocca al lupo!

Vai alla pagina dedicata ai premi e contest di design italiani e internazionali.

Fra i ben 258 designer iscritti al concorso (provenienti da 25 paesi), ne sono stati selezionati solo 80 che sono staati invitati a partecipare a Open Design Italia 2013, conclusosi domenica 24 a Venezia. Fra questi, una giuria internazionale ha assegnato solo tre premi, oltre a tre menzioni e due premi speciali fuori concorso.

Ecco i nomi e i progetti dei vincitori

1. Il premio Open Design Italia è stato assegnato al designer alto atesino Georg Muehlmann con Melk-i, una seduta che ricorda lo sgabello monogamba per la mungitura, trasformato in uno strumento per la salute. Al pari delle palle da pilates, la seduta instabile costringe la colonna vertebrale a restare in equilibrio rafforzandosi. Melk-i è stato anche premiato con il Red Dot award: product design 2013.

2. Il premio Ottagono è stato assegnato all’olandese Lenneke Langenhuijsen con Wooden textile, un tessuto 100% naturale ottenuto dalla corteccia del gelso da carta, unendo una tecnica artigianale antica e tecniche contemporanee di ricamo.

3. Il premio Prezi è stato assegnato all’indiano Kaustav Majumdar con la sua collezione ecosostenibile Texotenon. L’idea è di restituire “usabilità” a oggetti dismessi rivestendo vecchi arredi con tessuti di scarto. Non viene utilizzato alcun elemento nuovo.

 

Due premi speciali:

Premio “Moving’Up”, al designer under 35 Urge Design (Gian Piero Giovannini) con Cactus, un set di caraffe in vetro che si fonda sul principio dei vasi comunicanti.

Premio “Open Design Italia meets Berlin”, promosso dall’Ambasciata Italiana a Berlino, assegnato a tre italiani:

1. Creazioni Zuri con il girocollo Laguna composta da dischetti di carta e cartone di vari diametri, spessori e texture, che vengono tagliati industrialmente da una fustella.

2. Emmepi design con Antenna, una lampada a Led in marmo, ispirata nelle linee alle vecchie antenne per la radio, disegnata al computer in 3D, tagliata a macchina e rifinita a mano.

3. Elisa Occhielli con Hiro, un sistema modulare da parete composto da elementi a base quadrata rivestiti in cuoio con una sottile anima in metallo che rende le tasche in grado di supportare piccoli oggetti e libri. Il cuoio è incollato alla lamiera di alluminio e poi cucito con filo in contrasto.

Menzioni speciali sono infine state assegnate a 3 designer italiani:

Foroofficina, Madesign e N+1:

Le foto dei ritratti sono di Giacomo Brini e Davide Menis

www.opendesignitalia.net