Taba: quando il design nasce da un gioco

Editor:

Moroso presenta Taba, la nuova collezione di sedute firmata da Alfredo Häberli. Fra poesia, multifunzionalità ed ergonomia.

Poetica, multifunzionale, ergonomica. È Taba, la nuova famiglia di sedute che il designer svizzero-argentino Alfredo Häberli ha firmato per Moroso. Una collezione pensata sia per gli spazi pubblici che per le abitazioni private, che nasce dalla sovrapposizione di diverse linee organiche.

“Quando si progettano divani e sedute”, spiega Häberli, “l’interazione tra le persone deve essere in primo piano. Ecco perché gioco con la precisione delle linee e la poetica della lingua organica.”

Il risultato è una serie di divani, poltrone e pouf dalla forma asimmetrica, che unisce il rigore della geometria alla poesia delle forme naturali. “Il gioco che mi interessava sviluppare con TABA”, racconta ancora Häberli, “è l’intreccio tra forma e poesia. Tra ciò che è lineare e ciò che sfugge.” 

Un intreccio tra forma e poesia

Questo incontro fra razionale e irrazionale trova origine nella biografia di Alfredo Häberli. Nato a Buenos Aires, in Argentina, Häberli si trasferisce con la famiglia in Svizzera durante l’adolescenza, dove studia Industrial Design presso la Zurich University of the Arts (ZHdK). Dall’Argentina deriva la parte più creativa e passionale del designer, dalla Svizzera il rigore e la disciplina. Un incontro/scontro fra due culture agli antipodi che trova piena espressione nella collezione Taba.

Il richiamo a un vecchio gioco argentino

Taba prende il nome e l’ispirazione da un vecchio gioco rurale argentino. Il protagonista del gioco è un osso di mucca, a cui vengono applicate due piastre metalliche. Lo scopo? Lanciare l’osso in modo che la parte vincente rimanga verso l’alto. Si tratta, dunque, di un ricordo legato all’infanzia di Häberli. Un ricordo in cui risiede la parte più emozionale e poetica del progetto.

Ergonomia e multifunzionalità

Poesia, dicevamo, ma anche ergonomia e multifunzionalità. Le sedute Taba alternano infatti zone piane, dove appoggiare laptop o libri, a zone curve in cui incastrare i pouf. Una molteplicità di funzioni che prova a rispondere alle varie attività che si svolgono durante il giorno: lavorare, conversare, leggere, guardare un film.

La collezione Taba comprende otto pezzi: un divano, due poltrone, cinque pouf. Tutti disponibili in un’ampia gamma di rivestimenti.

Alessia Forte

Alessia Forte

Laureata in Lettere, creo contenuti per aziende del settore arredo e design. Nel 2012 ho aperto Interior Break, un blog sull'interior design e l'arredamento, con un focus sullo stile scandinavo. Nel 2014 Interior Break è stato premiato come “migliore blog di arredamento”, per la categoria contenuti, nel concorso "Blog-In" lanciato da IKEA Italia.

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.