Man de Milan. Il design recupera le tradizioni lombarde

Editor:

NASCE MAN DE MILAN…

Si chiama Man de Milan questo interessante progetto di Domenico Orefice, volto a recuperare le antiche tradizioni artigianali lombarde.

Man de Milan (che in dialetto lombardo significa Mani di Milano) è una collezione di arredi e di complementi, disegnati da Domenico Orefice e realizzati in collaborazione con artigiani del territorio lombardo. L’idea è quella di recuperare e valorizzare, prima che vengano perduti, i materiali, la storia e le icone che appartengono all’identità popolare della città.

Il progetto Man de Milan vuole riscoprire le tipiche lavorazioni locali, contaminandole però con nuove tecnologie e nuovi materiali. L’obiettivo del designer è quello di trasfondere un’anima antica in oggetti contemporanei, in un omaggio ideale alle origini della città e alla sua sapienza artigianale e costruttiva, alla ricerca di un’identità di oggi.

GLI OGGETTI DELLA COLLEZIONE

La collezione Man de Milan comprende oggetti di ogni tipologia e realizzati con materiali molto diversi tra loro.

Curti

A partire dalle piastrelle Curti, realizzate in creta rossa nella storica Fornace Curti. Le piastrelle si ispirano a quelle commissionate dalla famiglia Sforza a Giosuè Curti per la realizzazione dell’Ospedale Maggiore (Cà Granda), progettato dal Filarete.

Salvadané

Anche Salvadané è realizzato in cotto. Si tratta di un oggetto iconico ispirato allo storico salvadanaio della memoria. La serie di tagli che servono a infilare le monete, permettono di riciclare il salvadanaio. Quando lo si rompe, infatti, lo si può riutilizzare come vaso o come contenitore.

Mulino

Dalla collaborazione con la falegnameria digitale D3 Wood, che utilizza legno a Km zero, cioè autoctono o di recupero, nasce la libreria Mulino, ispirata ai vecchi mulini delle campagne lombarde e alle macchine progettate da Leonardo.

Ringhiera

Stessa produzione per il mobile Ringhiera, realizzato in rovere con tagli al laser, ispirato alle case a ringhiera tipiche dell’edilizia popolare milanese. La citazione è nella maniglia che serve anche da porta oggetti.

Dezza, Ca’Brutta, Sant’Ambrogio

I tessuti a stampa digitale Dezza, Ca’Brutta, Sant’Ambrogio (Arch-type) sono ispirati invece al paesaggio urbano milanese. Si riconoscono le facciate di alcune degli edifici più riconoscibili di grandi architetti milanesi, come Giovanni Muzio, Gio Ponti e Luigi Caccia Dominioni. Le architetture si fanno pattern per questi tessuti che si possono usare per rivestire arredi o pareti

Nebbia

La collezione Man de Milan continua con il tappeto Nebbia, un fenomeno molto legato alla città di Milano. Guardando il tappeto da un lato o dall’altro si vede la nebbia che aumenta o diminuisce…

Zafferano

Conclude la collezione il tavolino Zafferano, realizzato in resina e caratterizzato dalla forma storta. Come dice il nome, il tavolino è colorato con vero zafferano, ingrediente insostituibile del celeberrimo risotto alla milanese. 

Massimo Rosati

Massimo Rosati

Sono architetto, giornalista e blogger. Sono consulente strategico di design management e di comunicazione del design. Aiuto i business innovativi a crescere e a raggiungere i propri obiettivi nel modo più rapido, economico, efficace. Se pensi che posso essere d'aiuto anche a te, contattami qui: [email protected]

Articoli bio

One thought on “Man de Milan. Il design recupera le tradizioni lombarde

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.