Ames, quando l’artigianato incontra il design

Editor:

Colore e gioia di vivere: ecco le nuove collezioni di Ames presentate all’ultimo Salone del Mobile.

Materiali sostenibili, artigianalità, colore: sono questi i tratti che caratterizzano i prodotti di ames, il brand tedesco creato dalla colombiana Ana María Calderón Kayser. Un’azienda che ha saputo riscoprire e valorizzare il grande patrimonio artigianale colombiano, promuovendo un dialogo tra artigiani e designer industriali.

Il risultato? Una serie di arredi e accessori che rende omaggio all’eredità culturale tradizionale della Colombia, reinterpretandola in una chiave inedita e contemporanea.

Un chiaro esempio è la nuova collezione di ames, presentata in occasione dell’ultimo Salone del Mobile. Un inno alla gioia di vivere colombiana, frutto della collaborazione con due designer: Sebastian Herkner Pauline Deltour.

MARACA: una lounge chair a metà fra un lettino e una sdraio

MARACA è una lounge chair disegnata da Sebastian Herkner ispirata alle folkloristiche amache colombiane, un complemento d’arredo che racconta un’antica tradizione popolare. Per centinaia di anni, infatti, le amache venivano donate dai promessi sposi alle future mogli, come simbolo della loro unione.

In MARACA la forma del lettino si fonde con quella di una sdraio. Mentre la matericità tipica delle amache si sposa con uno stile essenziale e pulito.

MARACA è composta da un telaio in acciaio, verniciato a polvere in un’antica fabbrica di Bogotà, e da rivestimenti removibili, intessuti a mano da artigiane donne a Bolívar. La tecnica di lavorazione è naturale al 100%. I fili di cotone sono, infatti, tinti con colori naturali e in seguito lavorati. I colori brillanti sono, invece, fissati con il sale e l’Almidon, un amido naturale.

KILLA: gli specchi con le fibre di Iraca

KILLA è una linea di specchi da parete e da tavolo con una cornice ricavata dalle fibre della palma Iraca. Un materiale naturale, conosciuto per essere stato utilizzato nella costruzione dei cottage di Panama, che richiede una lavorazione molto complessa. Solo dopo un periodo di essiccazione di diversi giorni, le cornici vengono tessute usando pinze, pinzette e aghi. Una tecnica che dona allo specchio una caratteristica cucitura.

KILLA è proposto nella versione da parete o da appoggio, ed è disponibile in cinque varianti di colore (rosa/rosso scuro, naturale, blu/verde, miele/rosa e nero) e in due forme: tonda con cornice spessa e ovale con cornice sottile.

CESTA: una linea di accessori che richiama i colori dell’architettura tradizionale colombiana

La collezione CESTA è composta da due specchi da parete e da vari tipi di contenitori, utilizzabili come ceste per la frutta, cestini per la spazzatura o portagioie (la parola “cesta” significa, per l’appunto, “cestino” in spagnolo). Il tutto realizzato in PVC riciclato e disponibile in allegre combinazioni di colore.

A ispirare la collezione di Pauline Deltour è stato il lavoro degli “Urban Artesanos”. Artigiani che, fuggiti dai loro paesi in guerra, si sono ricostruiti una nuova vita in Colombia, promuovendo tradizioni che altrimenti sarebbero andate perdute.

Alessia Forte

Alessia Forte

Laureata in Lettere, lavoro come copywriter per aziende del settore arredo e design. Nel 2012 ho aperto Interior Break, un blog sull'interior design e l'arredamento, con un focus sullo stile scandinavo. Nel 2014 Interior Break è stato premiato come “migliore blog di arredamento”, per la categoria contenuti, nel concorso "Blog-In" lanciato da IKEA Italia.

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.