Villa Troglodyte, una casa scavata nella roccia

Editor:

Scolpire una casa nella roccia: ecco la nuova sfida affrontata dallo studio parigino di Jean-Pierre Lott.

Spunta nella piccola città-stato di Monaco, sulla costa Azzurra, Villa Troglodyte, un progetto originale, insolito e ambizioso, volto a rispettare il paesaggio, riducendo al minimo l’impatto ambientale.

In un momento in cui il riscaldamento globale è un problema così sentito, questo eccezionale progetto offre l’occasione per riflettere su un tema importante: l’energia. Quattro sono i vincoli tecnici e architettonici che si è imposto l’architetto per Villa Troglodyte: rispetto del sito, creazione di condizioni di vita confortevoli, utilizzo di soluzioni ambientali innovative e minimizzazione delle esigenze energetiche.

Villa Troglodyte

La Villa Troglodyte, scavata in una roccia esistente, ha una superficie di 500 metri quadri ed è organizzata su cinque livelli. Si entra attraverso una crepa aperta nella roccia.

Da qui si accede ad una passerella sovrastante un bacino d’acqua, atto a simboleggiare un lago sotterraneo.

La luce invade l’intera abitazione, filtrando da una fenditura ricavata nella parte alta della struttura. Gli ambienti interni sono dotati di piccole bucature atte a captare la luce e inquadrare, come cannocchiali, scorci di paesaggio.

Nella realizzazione della Villa Troglodyte è stato privilegiato l’uso di materiali naturali e riciclati. Nella zona inferiore dell’edificio prevale la roccia naturale. In corrispondenza dei livelli superiori, invece, la struttura è stata ricomposta utilizzando una texture identica a quella della pietra sottostante. Le pareti sono realizzate in cemento a basse emissioni di anidride carbonica, mentre i rivestimenti murali utilizzano pitture naturali a base di calce.

In Villa Troglodyte vengono riproposti alcuni principi costruttivi delle antiche architetture mediterranee. Il progetto punta, infatti, sull’inerzia termica dell’involucro, sul riciclo delle acque meteoriche e sul giusto equilibrio tra bucature e apporto luminoso.

A ciò si aggiunge lo sfruttamento dell’energia geotermica, attraverso sonde verticali, e l’installazione di pannelli fotovoltaici che producono fino a 1400 kWh/anno. Le acque pluviali, immagazzinate nel sottosuolo, coprono fino al 40% del consumo giornaliero d’acqua. Per tutti questi motivi Villa Troglodyte ha ottenuto una certificazione ambientale tra le più rilevanti sul piano internazionale. La certificazione anglosassone Breem al livello “eccellente”.

Editor: Simona De Felice 

foto: ©Loïc Thebaud

 

Design Street

Design Street

Design Street seleziona e racconta ogni giorno le idee più innovative e i migliori prodotti di design da tutto il mondo. Design Street è considerato uno dei più autorevoli blog indipendenti dedicati al design contemporaneo. Nel 2017 ha vinto il premio "Best Design Media"

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.