Un vuoto illuminato

Editor:

Anisha ha un disegno essenziale, cattura lo sguardo e si fa ammirare prima ancora di svelare la sua utilità; è la lampada da tavolo disegnata per Foscarini dallo studio spagnolo Lievore Altherr Molina.

In argentino “anisho” vuol dire anello, e le linee ellittiche di questa lampada in fondo potrebbero ricordarne uno. Il nome Anisha però vuole essere un omaggio all’artista indiano Anish Kapoor, celebre per le sue opere dalle forme primordiali e tondeggianti, dai colori squillanti e vivaci.

Foscarini questa volte propone una semplice cornice rossa o bianca che ritaglia uno spazio di vuoto e, come per magia, lo illumina. Un effetto affascinante, ottenuto lavorando accuratamente il materiale plastico con cui è realizzata la struttura: al suo interno è tutta cava, ed è stata plasmata in modo da generare un basamento che non comportasse interruzioni nel disegno. Senza i LED però Anisha non sarebbe così magica ed essenziale: i piccoli faretti sono nascosti nella parte superiore della struttura, mimetizzati in questo fascio ellittico così come il touch dimmer sensibile al semplice sfioramento del dito. Si tratta di accorgimenti fondamentali, che hanno permesso di non disturbare l’armonia del disegno e soprattutto di dare personalità alla lampada anche quando è spenta.

www.foscarini.com

 

 

2 thoughts on “Un vuoto illuminato

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.