Quando la testiera diventa protagonista

Editor:

Gebrüder Thonet Vienna lancia tre testiere pensate per dare carattere ai sommier basici.

Mix di materiali diversi, elementi decorativi e dimensioni imponenti. Oggi sono questi i tratti che caratterizzano le testiere più di tendenza nell’interior design. Un trend partito dal mondo dell’ospitalità che ultimamente sta contagiando anche gli interni residenziali.

Già, ormai messo da parte il minimalismo estremo, la camera da letto riscopre il piacere della decorazione con testiere alte e dall’aspetto scenografico, diventando, così, sempre più simile alle sofisticate stanze dei boutique hotel.

Le testiere in legno curvato e paglia di Vienna di Gebrüder Thonet Vienna

Un esempio molto interessante di questa tendenza arriva da Gebrüder Thonet Vienna, brand di arredamento celebre per i suoi storici arredi in legno curvato e paglia di Vienna, che, in occasione dell’ultimo Salone del Mobile, ha lanciato una collezione di testiere da appendere alla parete nata per dare carattere ai sommier basici.

Sono tre le testiere presentate dall’azienda austriaca e a firmarle sono gli storagemilano, Chiara Andreatti e i GamFratesi. Ognuno, con il proprio stile ben riconoscibile, ha proposto un elemento d’arredo dal segno distintivo pensato per le suite degli hotel di design o per le case private.

Ecco le tre testiere.

OTTOW, la testiera dall’effetto boiserie di storagemilano

Si chiama OTTOW la testiera di storagemilano, studio di architettura e design fondato da Barbara Ghidoni, Marco Donati e Michele Pasini. Un nome evocativo che rende omaggio a Otto Wagner e alla sua iconica collezione Postsparkasse, disegnata nel 1906 e ancora oggi nel catalogo di Gebrüder Thonet Vienna.

Il cuore del progetto è nel mix di materiali diversi. OTTOW, infatti, si compone di una struttura in faggio curvato a sezione quadrata, di un elemento centrale in legno, inserti laterali in paglia di Vienna e dettagli in ottone, nella versione in laccato nero, e in rame, nel modello in legno naturale. Il risultato? Una testiera dal carattere teatrale che crea sulla parete un elegante effetto boiserie.

YVETTE, la testiera ispirata alla Belle Époque di Chiara Andreatti

YVETTE, la testiera di Chiara Andreatti, trova ispirazione nelle forme della Belle Époque. Un progetto dal deciso carattere grafico, dove i profili curvati della struttura in legno laccato nero o noce, abbinati al tubolare di metallo nero, disegnano sulla parete un calibrato gioco di pieni e vuoti.

La struttura in legno curvato è vestita con un elemento centrale imbottito che dà morbidezza alla testiera, contrapponendosi al decoro rotondo in paglia di Vienna.

RUE, la testiera nordica di GamFratesi

Forme arrotondate e gioco di sovrapposizioni: sono questi gli ingredienti di RUE, la testiera firmata dai GamFratesi. A comporre la testiera una struttura in faggio curvato, disponibile in laccato nero o finitura naturale, e un inserto in paglia di Vienna su cui si sovrappone un morbido pannello imbottito.

Un progetto essenziale e raffinato. Nel segno di quella pulizia formale che contraddistingue tutto il lavoro del duo italo-danese.

Scopri i progetti di design più belli di Gebrüder Thonet Vienna.

Alessia Forte

Alessia Forte

Laureata in Lettere, mi occupo di comunicazione per aziende del settore arredo e design. Nel 2012 ho aperto Interior Break, un blog sull'interior design e l'arredamento, con un focus sullo stile scandinavo. Nel 2014 Interior Break è stato premiato come “migliore blog di arredamento”, per la categoria contenuti, nel concorso "IKEA Blog-In".

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.