Tag

pavimento

Browsing

Il grès porcellanato a effetto terrazzo.

Il grès porcellanato a effetto terrazzo (detto anche “seminato” o “pavimento alla veneziana”) è un’idea molto interessante, che riprende una delle grandi tendenze dell’arredamento.

Abbiamo già visto come molti brand abbiano creato una serie di oggetti di design a effetto terrazzo veneziano; arredi, complementi e perfino lampade…
Negli ultimi anni, questa tendenza ha preso piede anche nel settore dei rivestimenti. Dalle carte da parati alle marmette in cemento di ispirazione vintage, la casa contemporanea si veste con un nuovo abito, ispirato ai pavimenti delle ville venete. 

Sappiamo bene però che il tradizionale pavimento veneziano, realizzato con una graniglia multicolore di marmi e pietre spezzettati, è molto complesso da realizzare, è decisamente costoso ed estremamente delicato.

Per questa ragione sono nati dei rivestimenti in grès porcellanato effetto terrazzo che coniugano la grande bellezza del design a prestazioni elevatissime. È resistente agli urti, ai graffi e al calpestio, sopporta il gelo e le alte temperature ed è inattaccabile dagli oli e dalla maggior parte degli acidi.


Guarda anche le linee di grès porcellanato per l’outdoor.
e il grès porcellanato effetto onice

Il grès porcellanato a effetto terrazzo di Casalgrande Padana 

Casalgrande Padana propone nel suo catalogo una ricca selezione di pavimenti in grès porcellanato a effetto terrazzo.
Il grès porcellanato è un materiale di rivestimento pratico, versatile e funzionale. Ma  oggi, grazie elle più evolute tecnologie digitali, il grès è in grado di assumere anche un aspetto assolutamente identico ai materiali naturali. Con un’impressionante definizione del dettaglio. 

Le lastre di grès porcellanato ad effetto marmo, ad esempio, hanno striature indistinguibili dalle originali. Il grès effetto legno è caratterizzato dalle calde venature che contraddistinguono le diverse essenze.
Ma un ruolo speciale occupa sicuramente il grès porcellanato a effetto terrazzo, proprio per la forza espressiva dei suoi disegni irregolari e sempre diversi tra loro.

Le lastre ceramiche in grès porcellanato di Casalgrande Padana sono composte esclusivamente da materie prime naturali, prive di plastica, siliconi o sostanze tossiche. Sono anallergiche, antibatteriche, ignifughe e completamente riciclabili e si adattano ad ogni ambiente, interno o esterno.


Guarda anche le linee di grès porcellanato per l’architettura.

Due tipologie di grès effetto terrazzo

Due sono le tipologie di grès effetto terrazzo proposte da Casalgrande Padana. Proprio in base al disegno e alle dimensioni della “graniglia”, l’azienda emiliana propone due linee diverse: Macro e Terrazzo.

1. La collezione Terrazzo

Terrazzo è la collezione di rivestimenti in grès porcellanato che riprende più fedelmente l’antica tecnica del “seminato veneziano”, adattandolo però alle esigenze della casa contemporanea. La collezione Terrazzo di Casalgrande Padana consente di creare una superficie dall’aspetto omogeneo. Grazie a un attento studio dei disegni, è infatti possibile ricreare una superficie continua e senza interruzioni, che annulla i profili delle singole lastre. Si ottiene così un rivestimento pressoché identico al tappeto naturale del terrazzo veneziano che però, a differenza di quello originale, può continuare anche in verticale, dal pavimento alle pareti.

Le diverse finiture della collezione Terrazzo

Il grès porcellanato a effetto terrazzo di Casalgrande Padana è disponibile in 5 diverse tonalità (Black, Grey, Pearl, White e Beige), in superficie naturale o lappata. La lappatura è una particolare tecnica di lucidatura che permette di rendere la superficie completamente liscia e priva di asperità al tatto.
Le piastrelle sono declinate in quattro dimensioni. Dal classico formato 30×60 cm, fino al più grande di 75,5×75,5 cm.

2. La collezione Macro

La collezione grès porcellanato Macro di Casalgrande Padana ripropone il disegno irregolare del terrazzo veneziano, ma con una trama più grossa.
La protagonista del decoro non è più la fine graniglia di marmo, che viene sostituita da un casuale accostamento di pietre, ciottoli, sassi e frammenti di diverse dimensioni. Un puzzle dinamico e luminoso, che dona molto carattere e un tocco di eleganza agli ambienti della casa contemporanea.

Le diverse finiture della collezione Macro

La collezione Macro si declina in 4 tonalità: Bianco, Grigio, Moro e Carnico. Tutte  sono disponibili sia con la superficie naturale, sia con finitura lucida.
Diversi sono anche i formati:, anche molto grandi. Le dimensioni della lastra variano da 59×59 cm o 59×118 cm, fino a118x118 cm o 118×236 cm.

In collaborazione con Casalgrande Padana.
Per maggiori informazioni, consulta il sito casalgrandepadana.it

Il terrazzo veneziano è sempre più protagonista nel design di prodotto e sulle superfici delle casa. Ecco la nostra selezione. 

Terrazzo veneziano in casa? L’effetto terrazzo è oggi una tendenza molto importante nell’interior design. È diventato protagonista negli arredi, nei complementi e negli accessori di design, oltre che nelle superfici (sui pavimenti ma anche sulle pareti).


Ma cos’è il terrazzo veneziano e quali sono le sue origini?

Il terrazzo veneziano (chiamato anche terrazzo “alla veneziana”) è una tipologia di pavimento realizzata con frammenti di pietre naturali e marmi colorati di dimensioni variabili, tenuti insieme dal cemento (in passato veniva usata la calce). In base ai disegni, al mix dei frammenti di marmo e del legante stesso, la texture dei pavimenti alla veneziana può assumere infinite varianti.


Nelle ville nobiliari, ad esempio, i pavimenti creati con la tecnica del terrazzo veneziano erano posati come fossero veri tappeti in marmo. In genere, gli ambienti di rappresentanza venivano decorati al centro con elaborate figure, posate a mano come mosaici, e poi rifinite nel perimetro da una cornice più o meno ricca.

La tecnica è molto complessa. Il ghiaino viene steso a mano sul pavimento, creando i disegni voluti con i sassolini colorati. Poi si cola sopra il legante e, una volta asciutto, il terrazzo viene battuto, rullato, levigato e, infine, lucidato. Si tratta, dunque, di un processo artigianale lungo e laborioso. Una lavorazione che rende questo “materiale” nato dagli scarti prezioso come un’opera d’arte, oltre che un esempio di riciclo creativo ante litteram. Questa particolare tecnica veniva chiamata anche seminato veneziano o alla veneziana, battuto veneziano, oppure terrazzo Palladiano o alla Palladiana per la sua ricorrente presenza nelle ville venete.

Il terrazzo veneziano, al contrario di quello che potrebbe indicare il nome, non ha origine a Venezia, ma affonda le sue radici nell’Antica Grecia. Da lì viene portato in Italia dai Romani e soltanto molti secoli dopo, durante il Rinascimento, si lega alla storia della città lagunare, dove viene impiegato come pavimento nei palazzi nobiliari della Serenissima. 


Il terrazzo veneziano nel design di prodotto

Il terrazzo veneziano è, insomma, un tipo di pavimentazione con una lunga storia alle spalle e con una forte personalità. Il suo pattern irregolare e colorato si può amare o odiare, ma certo non lascia indifferenti, come dimostra il crescente interesse dimostrato da tanti designer. 

Voi siete tra quelli che lo amano? In tal caso, gustatevi questa selezione di prodotti. Un mix molto vario che va dall’arredamento agli articoli per la cancelleria e alle stampe per le pareti. Unico comune denominatore: stupire.


L’EFFETTO TERRAZZO NELL’ARREDAMENTO



Terrazzo Vases, Natascha Madeiski

Terrazzo Vases è la linea di vasi creata da Natascha Madeiski, designer italiana che oggi vive e lavora nel Regno Unito. Un indiscusso omaggio all’arte, tutta italiana, del terrazzo veneziano, che è stato esposto in due gallerie di design d’eccezione: Rossana Orlandi, a Milano, e Mint, a Londra.


Collecta, Alberto Bellamoli

È l’infanzia a ispirare il lavoro del designer veronese Alberto Bellamoli. Affascinato dalle origini povere di questo tipo di pavimentazione, Bellamoli associa il seminato, innanzitutto, alla casa dei suoi nonni. Con una ricerca antropologica, prima che industriale, il designer ha creato Collecta, una famiglia di tavolini, candelabri e ciotole dove il terrazzo si veste con grossi pois.


Radical Fake, Cappellini

Radical Fake è il progetto firmato da Patricia Urquiola per Cappellini. Una scrivania alta con libreria integrata, che si caratterizza per l’intersezione di elementi lineari diversi tra loro. In questo caso, la lavorazione artigianale dell’antico pavimento veneziano cede il passo a un materiale sintetico, che riproduce la texture del terrazzo in una logica seriale. 


Collezione Terrazzo, Bentu Design

Un progetto di riciclo che prende in prestito la tecnica del terrazzo veneziano. È la Collezione Terrazzo dello studio cinese Bentu Design. Una serie di arredi e complementi nati per recuperare gli enormi sprechi di ceramica della città di Foshan, in Cina. Una delle zone dove viene prodotta più ceramica nel mondo. 

Mescolando pezzi di piastrelle con il cemento, e poi levigando e lucidando il tutto, Bentu Design ha dato vita a una linea di scaffali, panche, tavolini e lampade dal carattere elegante e minimale. 


Loggia, Portego

Matteo Leorato reinterpreta il terrazzo veneziano con Loggia, una serie di tavolini ispirati al loggiato, elemento architettonico aperto su uno o più lati, sostenuto da una successione di colonnati e arcate. Un complemento classico e moderno allo stesso tempo, che può adattarsi a diversi stili di arredo. 


Trending Terrazzo, Super Local 

Bottle-up è un progetto di recycling partito nel 2015, in collaborazione con diversi studi di design olandesi. L’obiettivo è di recuperare le grandi quantità di bottiglie di vetro sull’isola di Zanzibar e di creare opportunità lavorative per gli abitanti dell’isola, sfruttando le competenze artigianali delle popolazioni locali. La collezione Trending Terrazzo è una famiglia di arredi e accessori per la casarealizzata con una tipologia di terrazzo sostenibile, prodotto mescolando i frammenti di vetro con il cemento.


Fragment, Bonaldo

È l’irregolarità del terrazzo veneziano a ispirare Fragment, la collezione disegnata da Alain Gilles per Bonaldo. Un set di tre tavolini di dimensioni diverse, con struttura in metallo e piano in tre differenti finiture. Due tavolini hanno il top realizzato con la tecnica del terrazzo veneziano, uno con base di cemento neutro e graniglie colorate, l’altro con base di cemento rosa e frammenti dai toni neutri. Il terzo si presenta, invece, con un piano in legno termotrattato. Questo contrasto di materiali rende la collezione Fragment perfetta sia per ambienti moderni che classici.


Premonitions collection, Lit National

Premonitions collection è una limited edition disegnata da Bina Baitel per il brand francese Lit National. La collezione si compone di tre pezzi: una panca, uno sgabello e un tavolino. A caratterizzare la panca e lo sgabello è il rivestimento effetto terrazzo della seduta. Un tessuto di Rubelli che, combinato con la base in ottone, rende i due complementi molto chic. 


Terra, Normann Copenhagen

Terra, il tavolino firmato da Simon Legald per Normann Copenhagen, nasce da una visita di Legald in una piccola azienda italiana specializzata nella produzione di terrazzo veneziano. Lì scatta il colpo di fulmine che spinge il designer danese a trasformare lo storico pavimento in un piano d’appoggio per tavolini. Terra è proposto in quattro colori: blu, verde, grigio e beige.


Le Pietre, Ceramica Globo

“Le Pietre” è la collezione di lavabi ispirata al terrazzo veneziano di Ceramica Globo. Si tratta di una serie di nuove finiture materiche con effetto graniglia, in diversi colori e con trama più o meno grossa.


Props, Besler & Sons

Il terrazzo veneziano ispira anche gli accessori per la casa, come nel progetto del brand californiano Besler & Sons. Una serie di oggetti che possono essere utilizzati come supporto per i libri, fermaporta o puri elementi decorativi per la casa o l’ufficio. La collezione è creata completamente a mano, con frammenti di marmo e vetro legati con il cemento.

 


L’EFFETTO TERRAZZO SU PAVIMENTI E SUPERFICI


Collezione Terrazzo, Casalgrande Padana

Effetto terrazzo per questi rivestimenti in grès porcellanato di Casalgrande Padana. Il risultato straordinariamente realistico è reso possibile grazie alle tecnologie di stampa digitale di ultima generazione che consentono di ottenere grafiche ad altissima definizione. Gli elementi sono disponibili in varie dimensioni (fino a 60 x 60 cm) e in 5 tonalità: beige, grigio, nero, bianco e perla.

Guarda le collezioni di grès porcellanato a effetto terrazzo di Casalgrande Padana

Leggi anche il nostro approfondimento sul grès porcellanato “effetto marmo”


Chip, Artaflor

Chip è la nuova linea di rivestimenti in vinile per pavimenti di Atrafloor. Con Chip, la designer Lauren Kavanagh offre un’interpretazione diversa dalle solite trame del pavimento a terrazzo. La texture è stata creata combinando le tecniche del design digitale con una palette di colori giocosa e dal gusto vintage. Su un fondo rosa, i cerchi in tre tonalità diverse (nero, rosa cipria e avorio) si alternano come tante caramelle.


Urban Terrazzo, TFOB

Il brand inglese Balineum lancia la sua nuova collezione Siren Terrazzo, creata dallo studio ASH NYC per i bagni del The Siren Hotel di Detroit, negli USA. L’hotel Siren, ospitato in un edificio storico che la il restauro ha salvato dal crollo, è stato completamente ridisegnato. Le varie stanze da  bagno sono rivestite con queste piastrelle lavorate “a terrazzo” dai colori vivaci  con un effetto decisamente scenografico.


Urban Terrazzo, TFOB

URBAN TERRAZZO è un materiale innovativo, progettato da TFOB, che trasforma i resti degli edifici in nuove superfici per l’architettura e il design. A comporre il mix cemento, mattoni e altri materiali da costruzione che sono assemblati con la stessa tecnica del terrazzo alla veneziana, ma con il supporto di una moderna tecnologia.

 


 

L’EFFETTO TERRAZZO SU CARTA E TESSUTI


Carta da parati con decorazione terrazzo, MuralsWallpaper

Dopo i pavimenti, anche le pareti si vestono con l’effetto terrazzo. Questa carta da parati di MuralsWallpaper riproduce, in scala gigante, la tipica struttura del terrazzo con una base grigio chiaro e frammenti di marmo rosa, blu e grigio, con le venature bene in vista. Si può acquistare sul sito dell’azienda: www.muralswallpaper.com


Daily Fiction, Normann Copenhagen

La rivisitazione del terrazzo veneziano da parte di Normann Copenhagen non si esaurisce con il tavolino Terra. Trova spazio addirittura nella cartoleria con la collezione Daily Fiction di Femmes Régionales. Una serie di agendine, portadocumenti, matite e quanto altro possiate immaginare per il vostro angolo studio, con un outfit ispirato alla texture dello storico pavimento veneziano.

 


Terrazzo Paper, Norm Architects

Sempre a proposito di carta, un altro utilizzo interessante è quello proposto da Norm Architects. Nella serie di stampe Terrazzo Paper lo studio danese ha trasformato il terrazzo veneziano in un foglio di carta piegato, che sembra quasi un oggetto tridimensionale pronto a fuoriuscire dalle pareti. 


Terrazzo bag, Ferm Living

Il pattern del terrazzo alla veneziana veste anche il tessuto nella serie di borse del marchio danese Ferm Living. Disponibili in diverse misure e in tre differenti palette di colore, le borse Terrazzo del noto brand nordico, in realtà, fanno parte di una collezione più ampia che comprende anche tazze, piatti, lunch box e carte da parati. Per un effetto terrazzo che non conosce limiti.


Non avrei mai pensato di trovare durante la Milano Design Week l’esposizione di un’azienda innovativa e all’avanguardia che ha presentato una soluzione interessante di pavimenti stampati in 3D. Un progetto curioso, unico, d’interesse e che finalmente presenta la tecnologia secondo una lettura diversa.

Un progetto che per me ha dimostrato come il design è al passo con i tempi, combina i nuovi metodi di produzione con le abitudini attuali, è reale e che non per forza il nuovo è futuristico.
La compagnia 3D printing tech Aectual al suo debutto ha presentato una collaborazione con Mae Engelgeer per Wallpaper Handmade, costituita da diverse soluzioni di pavimenti stampati in 3D.
Materiali classici si confrontano con la libertà della resina, risultato spesso di opzioni sostenibili e volti all’idea del riciclo.

Il concept

I pavimenti stampati in 3D sono una vera evoluzione del mondo dell’architettura. Buttando sempre un occhio verso la sostenibilità, è possibile creare una vasta offerta di prodotti personalizzabili, non solo nel gusto ma anche adattandosi alle esigenze spaziali.

Aectual Floors

Durante la Milano Design Week, la compagnia ha presentato una soluzione di pavimenti stampati in 3D per esterni.

Aectual Floors è il progetto creativo di pavimenti con intarsi, interamente a base biologica. La sua particolarità consiste, così come tutti i prodotti della casa, nella creazione di disegni originali. La resina stampata 3D diventa un tutt’uno con la pietra di marmo naturale, creando un effetto dalle venature eleganti e mai banali.

www.aectual.com