Tag

mosaico

Browsing

Paniepesci è la seduta mosaico ispirata a uno dei miracoli più noti del Vangelo. Una piccola opera d’arte che si discosta dal solito design per lasciarsi ispirare da qualcosa che viene considerato misterioso e inafferrabile e interpretando opere del passato.

Alessandro Zambelli, creatore del progetto, ha aderito alla mostra “(1:13) – Le tredici sedie mai dipinte nell’Ultima Cena di Leonardo”, che ha presentato tredici progetti che cercano di immaginare le sedute degli Apostoli del dipinto di Leonardo.

La seduta si ispira quindi a uno dei miracoli più noti della religione cristiana. Si tratta di un trono avvolgente, una cornice che accoglie diversi tasselli colorati proprio come un mosaico.

Gli elementi simbolici come i pesci e il pane vengono interpretati tramite l’uso dei colori, utilizzando l’azzurro che richiama il mare e l’oro del grano.

Una seduta che a vedersi sembra esser stata rubata dai soffitti di un Pantheon, grazie al suo incantevole schienale che sembra far parte di una cupola.

Un pezzo di architettura che incontra il design funzionale quotidiano, costruendo una visione verticale e compatta.

Dice infatti il designer “potrebbe essere considerata come una piccola e rassicurante architettura votiva domestica!”.

Nella creazione del progetto, Alessandro ha voluto porre attenzione anche nella scelta dei materiali, usando il legno di noce, simbolo della vita, per tutta la struttura della poltrona, combinata con la preziosa pelle, materiale naturale vivo per eccellenza.

www.alessandrozambelli.it

Quando le nuove tecnologie si incontrano con la tradizione, nasce il mosaico in resina, un’idea in grado di personalizzare in modo creativo il proprio ambiente abitativo e lavorativo.

Lo propone Gemanco Design, azienda di Modugno (Bari), che ha pensato di riproporre l’immagine di un quadro d’autore, un panorama, un disegno artistico o anche una propria foto ricordo a colori o in bianco e nero, per creare mosaici personalizzati in qualsiasi forma e dimensione.

Mosaico in resina, carta da parati e stampa UV (a raggi ultravioletti) sono le tecniche utilizzate per creare insolite gigantografie adatte ad arredare i propri spazi.

In particolare il mosaico in resina nasce dal connubio tra stampa digitale e resina trasparente di alta qualità. Il disegno da riprodurre è rappresentato da piastrelle numerate composte da diversi tasselli che, come i pezzi di un puzzle, vengono montati sull’area da decorare o rivestire.

Il peso leggero delle piastrelle – poco più di 1 kg al metro quadro – consente l’estrema versatilità di utilizzo del mosaico in resina, soluzione ideale per ornare o coprire qualsiasi superficie: dalle pareti di cartongesso ai controsoffitti, dalle facciate esterna di un palazzo al fondo della piscina, dalla cucina alla sala da bagno ecc.

La resina, flessibile e sottile (lo spessore non supera i 3 mm), consente l’installazione su qualsiasi superficie, anche su piani irregolari, curvi, concavi e convessi.

Per rappresentare immagini fotografiche o pittoriche invece, viene utilizzata la carta da parati, stampata su misura, il cui spessore e la consistenza leggermente granulosa danno la sensazione che l’immagine sia stata stampata direttamente sulla parete.

La stampa a raggi ultravioletti (UV), infine è la tecnica ideale per decorare a proprio piacimento piastrelle di ceramica o marmo, gres porcellanato o superfici in legno, vetro o altro materiale.

Apre nel vivace quartiere Chelsea, nel cuore di Manhattan, il nuovo flagship store Bisazza di New York

Circondato dale celeberrime gallerie d’arte, lo showroom si sviluppa su una superficie complessiva di 400 metri quadrati e ospita, al piano superiore, una terrazza che si affaccia sull’High line, uno scenografico percorso pedonale verde, realizzato su una vecchia linea ferroviaria sopraelevata in disuso.

Uno ampio e luminoso spazio espositivo, circondato da vetrate a doppia altezza, che accoglie tutte le proposte decorative della collezione Bisazza Mosaico, ma anche della recente linea Contemporary Cement Tiles, firmate da designer quali Tricia Guild, Inda Mahdavi, Jaime Hayon, Marcel Wanders, Paola Navone, Patricia Urquiola e Studio Job.

In esposizione anche la collezione Bisazza wears Emilio Pucci, nata dalla collaborazione con la maison fiorentina.

www.bisazza.com

L’antica arte del mosaico rinasce in chiave moderna fondendo in un nuovo concept decorativo materia e fotografia, alluminio e immagini d’autore. Artefice di questa innovazione è l’azienda veneta Irial Visual. Frutto di una profonda esperienza nel settore dell’alluminio e del design della società Irial che ha selezionato una serie di scatti realizzati da fotografi italiani ed internazionali riportandoli su un mosaico di alluminio.

Basta andare nello store online dell’azienda dove è possibile scegliere un’immagine dall’ampio catalogo fotografico, oppure caricarne una personlizzata, per ricevere a casa propria “un moderno arazzo” composto di un tessuto di tessere d’alluminio, leggero e flessibile, capace di assumere riflessi e tonalità diverse a seconda dell’angolazione da cui lo si ammira e dell’esposizione alla luce solare.

www.irialvisual.com