Tag

lavabi

Browsing

Scultorei, versatili, eleganti. I lavabi freestanding di design sono la scelta migliore per chi vuole stupire. Guarda la nostra selezione.

Possono essere installati anche al centro della stanza da bagno. Sono realizzati nelle forme e nei materiali più vari. Hanno un aspetto scultoreo. Oggi parliamo dei lavabi freestanding di design. Una tipologia di lavabo che ha letteralmente conquistato l’interior design negli ultimi anni, come dimostrano le numerose proposte delle più grandi aziende di arredo bagno.

Rivisitazione contemporanea dei tradizionali lavabi a colonna, i lavabi freestanding di design sono la scelta migliore per chi cerca soluzioni non scontate. La loro struttura monoblocco li trasforma, infatti, spesso in vere e proprie sculture, donando un carattere unico alla stanza da bagno.

Lo sanno bene i designer che hanno interpretato questi lavabi nei modi più originali: dai lavabi freestanding dalle forme organiche a quelli dai rigorosi volumi geometrici, dai lavabi in marmo o legno a quelli realizzati in innovativi materiali compositi. Un mix di proposte molto vario, con un comune denominatore: sorprendere.

Ecco la nostra selezione.

Aura e Astro, antoniolupi

Due lavabi fra design, arte e magia. Apriamo la nostra rassegna sui lavabi freestanding di design con Aura e Astro, i nuovi lavabi freestanding disegnati da Marco Piva per antoniolupi. Protagonista del progetto è il Cristalmood, una resina ecosostenibile brevettata dallo stesso antoniolupi resistente come la pietra, ma trasparente come il cristallo.
“Il Cristalmood è un materiale quasi magico”, racconta Marco Piva. Un materiale che qui diventa ancora più magico, grazie alla possibilità di retroilluminare il lavabo. Aura e Astro sono, infatti, entrambi dotati di illuminazione a LED. (www.antoniolupi.it)


Adda, Salvatori

Adda, il lavabo freestanding firmato da David Lopez Quincoces per Salvatori, richiama gli arredi degli anni ’50 e ’60. Il cuore del progetto è nell’accostamento di due materiali: marmo e legno. Il contenitore in noce è caratterizzato da una elegante superficie a coste. Il lavabo è in pietra naturale nei colori Bianco Carrara, Silk Georgette, Pietra d’Avola, Crema d’Orcia, Grigio Versilia e Gris du Marais.
Adda è disponibile sia in versione cilindrica che quadrata. (www.salvatori.it)


Macho, Arcom Bagno

Sono le forme pulite e lineari che caratterizzano il lavabo freestanding Macho di Arcom Bagno. Proprio per la sua essenzialità, Macho è un elemento d’arredo che si adatta a ogni stile di bagno. Da quelli più moderni a quelli più decorati. Rimanendo, però, sempre protagonista.
Realizzato in teknorit bianco opaco ha un’altezza da terra di 87 cm. (arcombagno.com)


O_O, Rexa Design

Una vasca appoggiata sulla colonna che sembra sul punto di cadere. O_O è il nuovo lavabo freestanding progettato da Bartoli Design per Rexa Design. Un lavabo scultoreo proposto in due materiali: Corian® o marmo, nelle varianti Marquinia e Carrara Gioia.
A caratterizzare il progetto il nuovo trattamento Acid Shield, un protettivo studiato contro agenti acidi, coloranti e grassi, che non altera i colori naturali della pietra. (rexadesign.it)


Immersion, Agape

Si ispira alle tradizionali tinozze di legno orientali Immersion, il lavabo freestanding firmato da Neri&Hu per Agape. Il lavabo “tinozza” è in Cristalplant® biobased e poggia su un supporto in metallo verniciato nero opaco.
Il lavabo è proposto in bianco opaco e bicolore grigio scuro o chiaro ed è disponibile anche nella versione da appoggio. (www.agapedesign.it)


Rak Petit, Rak Ceramics

Il nome non lascia spazio ai dubbi. Rak Petit è una serie di lavabi dalle dimensioni contenute e dalle forme essenziali, pensata per ambienti piccoli.
Disegnata da Maurizio Scutellà per Rak Ceramics, la collezione comprende lavabi da appoggio e lavabi freestanding dalla forma cilindrica o quadrata. (www.rakceramics.com)


Monoflag, Ceramica Flaminia

Un monolite dagli angoli smussati. È Monoflag, il lavabo freestanding di Ceramica Flaminia disegnato da Alessio Pinto. Protagonista della collezione è il colore, proposto nella versione monocromatica o nella finitura STRIPES, che vede abbinate due tonalità mat sullo stesso prodotto: Argilla e Grafite, Fango e Grafite, Latte e Grafite, Argilla e Fango.‎ (www.ceramicaflaminia.it)


Revolution, SDR Ceramiche

Linee morbide per Revolution, la nuova collezione in Livin-Stone (solid surface) disegnata da Luca Papini per SDR Ceramiche.
Il Livin-Stone è un materiale antibatterico, atossico e facilmente riciclabile. In questa prima fase, però, SDR Ceramiche ha mantenuto anche la ceramica sviluppando una tecnica industriale che garantisce il perfetto accoppiamento tra la scocca in Livin-Stone® e la parte interna in ceramica. Per avvicinare lentamente alla rivoluzione anche i meno inclini al cambiamento.
Revolution è proposta in quattro colori: Cotone, Camelia, Avio, Aloe. (sdrceramiche.it)


Plateau, Ex.t

Un lavabo con il vassoio. È Plateau, il lavabo freestanding progettato da Sebastian Herkner per Ex.t.
Già, il segno distintivo di Plateau è il vassoio laterale. Un elemento funzionale e decorativo allo stesso tempo, che può essere realizzato a destra, a sinistra, in alto o in basso, a seconda delle necessità. O, per chi lo preferisce, scomparire.
Plateau è realizzato in LivingTec®, un materiale composito sostenibile. (shop.ex-t.com)


Totem, Artesi

Compatto e versatile. Essenziale ma dal forte impatto visivo. È Totem, il lavabo freestanding di Artesi. Un unico blocco cilindrico in Solid Surface che, grazie al suo design minimale, si integra perfettamente con diversi stili d’arredo.
Nella foto è abbinato alla collezione Filo+ disegnata da Enrico Cesana. (www.artesi.it)


Colonna e Totem, Cerasa

Colonna e Totem, i nuovi lavabi freestanding di Cerasa, offrono un tocco unico alla stanza da bagno. Realizzati in Solid Surface bianco opaco, possono infatti essere personalizzati con l’esclusivo rivestimento Skinglass in fibra di vetro EQ-dekor®, sviluppato da Mapei in collaborazione con Inkiostro Bianco.

Il rivestimento Skinglass è particolarmente resistente all’acqua, all’umidità e al vapore. I decori dei lavabi sono coordinabili con quelli delle pareti e dei mobili da bagno della collezione Cerasa. (www.cerasa.it)

Qui sotto, a sinistra, il lavabo freestanding Colonna e a destra il lavabo Totem. Sono entrambi rivestiti in Skinglass coordinato alle carte da parati.


Mizu e Kasai: i lavelli e piani cottura dall’anima Zen.

Mizu e Kasai: “acqua e fuoco” in giapponese. Due elementi naturali che vengono tradotti dalla creatività dell’azienda veneta in una collezione coordinata di lavelli e piani cottura dall’anima Zen. Due prodotti ispirati al rigore formale e alla pulizia delle linee, tipici della cultura giapponese.
Entrambi i prodotti si caratterizzano infatti per l’essenziale cornice a rilievo. Un bordo in acciaio inox da 4 mm che ne disegna il perimetro.

Estremamente curati nel design, i lavelli della collezione Mizu Kasai sono stati premiati con il prestigioso Good Design Award.

 

I lavelli Mizu

I lavelli Mizu sono disponibili in diverse dimensioni. Quelli più grandi, da 100×52 cm e 130×52 cm, sono realizzati in acciaio inox dallo spessore elevato e possono essere rivestiti con lo stesso materiale di finitura del top. Così il lavello scompare alla vista, integrandosi perfettamente con il piano cucina.
Quando si finisce di utilizzare il lavabo, basta far slittare il coperchio che scorre su due pattini di Teflon. In questo modo resta in vista solo la cornice in acciaio inox, un segno minimale che ricorda la presenza del lavello.

Esiste anche una versione dei lavelli Mizu a vasca singola in due dimensioni: da 52×52 cm e da 80×52 cm. Anche per questi lavelli che nascono nella versione Steel, è possibile scegliere fra i diversi rivestimento: Total, Plan oppure una combinazione tra questi.

Il Mizu Kit aggiunge inoltrew nuove funzionalità al lavello Mizu. Il kit comprende un rubinetto abbattibile, con comando remoto, e il doccino estraibile. Un rubinetto perfettamente coordinato, che ha lo stesso design pulito ed essenziale del lavabo Mizu.

 

I piani cottura Kasai

I piani cottura Kasai sono stati progettati per abbinarsi, in un gioco di rimandi estetici, al lavelli Mizu. Kasai è disponibile sia nella versione a induzione, sia nella più tradizionale funzione a gas.

Il primo è composto da diverse aree di cottura a induzione e di un piano in vetroceramica. Il piano cottura a induzione Kasai Zero nasconde al centro un cuore aspirante dalle elevate prestazioni.

La cappa, a filo con il piano cottura, garantisce un trattamento ottimale dell’aria. Non solo elimina gli odori ma, grazie alla sua potenza di aspirazione, iI vapore viene catturato durante le fasi di cottura evitando così di rendere pesante l’aria in cucina. Silenziosa e funzionale, la cappa del piano a induzione Kasai è dotata di filtri removibili e lavabili in lavastoviglie.

Da sempre sensibile alla sostenibilità ambientale, l’azienda veneta presta molta attenzione anche a limitare lo spreco dei materiali. Per questa ragione i rivestimenti della zona rubinetteria e al gocciolatoio possono essere realizzati riciclando il materiale del top risultante dal foro per l’inserimento del lavello.

www.barazzasrl.it

L’arredo bagno di antoniolupi si impreziosisce con nuove finiture metalliche

Una delle caratteristiche principali delle aziende di design più innovative, è quella di essere sempre all’avanguardia nel proprio settore. Questo significa essere sempre sul pezzo, anticipando le tendenze sia nel design del prodotto, sia nelle finiture. 

Antoniolupi, azienda da sempre molto attenta al design e ai trend nel mondo dell’arredo bagno, conferma ancora una volta questa sua natura di “apripista”. E lo fa con nuove finiture metalliche che impreziosiscono le sue collezioni in Flumood, un materiale innovativo brevettato dal brand toscano.

Le finiture metalliche di antoniolupi

Il calore e la brillantezza del bronzo, del rame e dell’ottone, si armonizzano bene con il candore del Flumood. Le finiture più materiche del ferro e del corten, creano piacevoli accostamenti a contrasto. Le nuove finiture metalliche sviluppate da antoniolupi per i prodotti in Flumood sono tutte accomunate da un look caldo e raffinato. Una decisa pennellata di colore che dona una preziosa matericità ai volumi di vasche e lavabi.

Come vengono realizzate le nuove finiture metalliche

Queste particolari finiture vengono realizzate con un sistema di verniciatura a spruzzo, che utilizza una speciale polvere metallica. Un processo tecnologicamente avanzato che permette di depositare, sulla superficie trattata, delle micro-particelle di vero metallo.

Si tratta di un’applicazione di “metallo liquido” molto complessa, che richiede esperienza e competenze specifiche. Grazie a questo sofisticato processo, le finiture metalliche di antoniolupi risultano perfettamente lisce e omogenee, rivestendo l’oggetto come si trattasse di una seconda pelle, preziosa e luccicante.

Le collezioni antoniolupi in finitura metallica

La speciale finitura in polvere di metallo liquida viene proposta da antoniolupi su diverse collezioni. Ad esempio, sui lavabi Albume, disegnati da Carlo Colombo. Il calore e la brillantezza del bronzo e dell’ottone dialogano a contrasto con questi oggetti dal design minimale realizzati in Cristalmood trasparente e colorato.

SCOPRI DI PIÙ SUI LAVABI ALBUME IN CRISTALMOOD DI ANTONIOLUPI

Una bella finitura bronzo opaco impreziosisce la vasca Mastello, che in questa versione acquista un look ancora più prezioso. La finitura bronzo è visibile nelle immagini qui sotto.

Anche i lavabi della linea Plissé e Simplo sono da oggi disponibili in queste nuove versioni. Il primo, caratterizzato da una superficie scanalata, acquista nella finitura metallica una matericità scultorea e molto scenografica (nelle due immagini qui sotto). Il secondo, con la sua forma cilindrica perfettamente liscia, assume la preziosità di un lingotto in bronzo massiccio (foto in basso).