Materiche, naturali, sensuali. L’imperativo delle superfici ceramiche oggi è toccare. Ecco i progetti più interessanti.

Guardare con le mani, toccare con gli occhi. È questa la tendenza nel mondo delle superfici ceramiche. Un trend che racconta il nostro bisogno di riconnetterci con la natura e con la nostra parte più autentica, letteralmente esploso dopo l’anno e mezzo di fisicità ridotta causato dalla pandemia.

Già. Dopo aver guardato i prodotti attraverso gli schermi del computer per oltre un anno, oggi l’imperativo sembra essere solo e soltanto uno: toccare. Lo dimostrano le tante superfici materiche presentate durante il Cersaie 2021. Un vero trionfo dei sensi pensato per portare il più assoluto comfort e benessere nelle nostre case.

Ecco la nostra selezione.

SUPERFICI TATTILI


Sensi e Sensi Pigmenti, Florim Ceramiche

Un progetto nato dalla natura, pensando all’ambiente. È Sensi of Casa dolce casa, la collezione firmata da Matteo Thun per Florim Ceramiche. Una serie di grandi superfici ceramiche ispirate alla natura, studiata per trasmettere un senso di comfort e di equilibrio.
Realizzata esclusivamente con l’utilizzo di materie prime naturali, Sensi contiene fino al 42% di materiali riciclati e nasce da un processo produttivo sostenibile fino al 100%, sia come consumo idrico che come autoproduzione di energia elettrica.

In occasione del Cersaie 2021, la collezione Sensi si è arricchita di un altro tassello: Sensi Pigmenti, una linea che amplia ulteriormente le possibilità progettuali di Sensi attraverso il colore. (www.florim.com)

Affrescati, Refin

Un’interpretazione contemporanea degli antichi affreschi murari italiani. Parliamo di Affrescati, il nuovo progetto di Refin Ceramiche. Una collezione di superfici fortemente materiche, caratterizzate da lievi increspature, segni di spatolature e una particolare stratificazione di colori.
Affrescati è proposto in cinque cromie: Calce, Ocra, Ombra, Lapis e Terra. Cinque colori che nascono dalle tonalità tradizionali delle superfici, di cui è riprodotto l’aspetto polveroso e vissuto. Ogni colore è studiato per impreziosire superfici e ambienti tra loro diversi. (www.refin.it)

Cut-Up, Mosaico+

Si chiama Cut-up la nuova collezione di Mosaico+ frutto della collaborazione tra Massimo Nadalini, art director del brand, e Carlo Losi (CARDO). Una serie di moduli in grès porcellanato ispirata all’omonima tecnica letteraria nata durante il Dadaismo. Così come nel cut-up dadaista il testo viene tagliato fisicamente e poi ricomposto in modo diverso, anche nel progetto di Mosaico+ le piastre originali sono state frammentate e poi ricomposte in nuovi moduli.
Cut-up è costituito da moduli 14×42 di spessore 8,5 mm preincisi e stuccabili, con una superficie
che mescola frammenti dalle texture diverse. (mosaicopiu.it)

Masterpiece, LEA Ceramiche

Masterpiece è la nuova collezione firmata da Ferruccio Laviani per LEA Ceramiche. Un progetto che nasce dalla combinazione e scomposizione di due superfici materiche: Master, ispirata al cemento, e Piece, ispirata al seminato.
“Masterpiece è il perfetto equilibrio tra due elementi: Master, appunto, dal colore uniforme e materico che con l’aggiunta di una graniglia omogenea si trasforma in Piece, un ’terrazzo’ dal pattern sottile e discreto, declinato in varie nuance di colore”, spiega Ferruccio Laviani. 
Master e Piece possono essere liberamente combinate oppure vivere autonomamente, dando vita a un alfabeto in grado di costruire storie di progetto infinite. (www.leaceramiche.it)

STILE, Casalgrande Padana

È l’eleganza delle pietre naturali ad aver ispirato Stile, il nuovo progetto di Casalgrande Padana. Una collezione in gres porcellanato che si caratterizza per la ricercatezza estetica e per la ricchezza cromatica. Formati e finiture superficiali che richiamano le tipiche lavorazioni della pietra.
Stile è proposta in sei colori: Stile Beige, Black, French Grey, Pale, Pearl e White Smoke. I formati disponibili sono sette: 10×30 cm, 30×60 cm, 60×60 cm, 60×120 cm, 120×120 cm, 45×90 cm, 90×90 cm, in spessore 9 mm e 20 mm. (www.casalgrandepadana.it)

Meridio, Lapitec

Meridio è la nuova finitura di Lapitec presentata al Cersaie 2021. Una finitura che rende la trama superficiale estremamente materica. La ruvidezza della superficie dona alla lastre un alto coefficiente di attrito con la garanzia della massima sicurezza. Inoltre, la trama creata sulla superficie svela un materiale “a tutta massa”, identico in tutto il suo spessore, creando improvvisi chiaroscuri che valorizzano i colori del Lapitec.
Meridio può essere utilizzato negli ambienti bagno, nell’outdoor e per le facciate, anche ventilate. (www.lapitec.com)

Chill, Marazzi

Colore, texture materica, superficie semi-matt. Sono queste le caratteristiche di Chill, il nuovo rivestimento di Marazzi.
Chill è disponibile in sei colori: White, Grey, Ivory, Pink, Clay e Blu, proposti anche nella scenografica versione tridimensionale a diamante. E comprende anche due decorazioni floreali: Melody, dall’effetto acquerello, e Foliage, un motivo a foglie dai dettagli materici e leggermente iridescenti. Il formato è 25×76. (www.marazzi.it)

Boost Natural, Atlas Concorde

La terra cruda riprodotta sul gres porcellanato. Ecco raccontata in breve Boost Natural, la collezione di superfici nata dalla collaborazione di Atlas Concorde con Matteo Brioni, l’architetto italiano che ha reso le superfici in terra cruda protagoniste dell’interior design. Un progetto in cui i segni della lavorazione manuale dell’argilla incontrano una materia ceramica dalle elevate qualità tecniche.
I rivestimenti per le pareti comprendono superfici tridimensionali create a partire da bozzetti fatti a mano. (www.atlasconcorde.com)

Lapis, Appiani

Pura materia naturale da toccare con gli occhi e con le mani. Si ispira alle pietre vive Lapis, la nuova collezione di mosaico in grès porcellanato di Appiani. Un effetto pietra evocato dai colori naturali e dalla plasticità della materia, immaginato per ogni spazio indoor e outdoor.
Matericità ma anche sicurezza. Lapis garantisce, infatti, una protezione antibatterica grazie alla finitura Bio Shield+ che permette di eliminare fino al 99,9% dei batteri presenti sulla superficie.
Il mosaico è proposto nei formati 1,2×1,2 cm e 2,5×2,5 cm. (www.appiani.it)

Author

Mi occupo di comunicazione digitale, creando contenuti testuali per agenzie di comunicazione, studi di design e aziende di arredamento. Nel 2012 ho fondato Interior Break, un blog dedicato all’interior design, eletto nel 2014 migliore blog di arredamento per i contenuti nel concorso “Blog-in”, lanciato da IKEA Italia.

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.