Gli arredi giapponesi di José Lévy per Daiken

Editor:

Gli arredi giapponesi di José Lévy per Daiken

La cultura e la tradizione orientale hanno ispirato questa linea di arredi giapponesi dal gusto raffinato e contemporaneo: Moving Tatamis sono le creazioni del designer francese José Lévy per il brand Daiken, presentate in occasione della fiera Maison&Object.

Il tatami, tradizionale pannello della cultura giapponese formato da paglia di riso, viene reinterpretato dal designer per andare oltre la sua tipica funzione: non viene più concepito come tappeto o tovaglietta, ma diviene il dettaglio fondamentale di arredi minimalisti e ultramoderni.

Caratteristica fondamentale è infatti il forte contrasto tra le texture e il materiale del tatami accostato a legno cerato e lacca lucida, oltre all’introduzione della carta giapponere wa-shi, usata al posto della paglia per garantire maggiore resistenza.

L’obiettivo è stato quello di regalare una sensazione di aria fresca e innovativa partendo da quello che c’è più caro, cancellando quasi l’uso tradizionale di un oggetto di forte impatto culturale, che ne diventa protagonista e ne vengono valorizzate le sue bellezze estetiche.

I divani, poltrone, sgabelli, tavolini, armadi e scaffali di Moving Tatamis dimostrano il forte legame di José Lévy con la cultura giapponese e la sua terra d’origine, la Francia, quando suo nonno lo avvicinò per la prima volta a qualcosa di “esotico, lontano, insolito ma bello”.

http://www.joselevy.fr

Chiara Gattuso

Chiara Gattuso

Chiara Gattuso vive a Milano, ma porta nel suo cuore il calore della sua Palermo. Specializzata in Storia dell’Arte e laureata in Disegno Industriale a Palermo e in Design del Prodotto per l’innovazione al Politecnico di Milano, si occupa soprattutto di giovani designer.

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.