Il ventilatore Dyson ha perso le pale

Editor:

Il ventilatore Dyson si basa su un nuovo principio per accelerare l’aria di derivazione aeronautica, che consente una radicale trasformazione dell’oggetto. Efficienza e funzionalità migliorati, il flusso è ora senza turbolenze e perfettamente regolabile.

L’assenza della pale in movimento consente anche maggiore sicurezza e praticità nella pulizia. Il design da apparecchio tecnologico e innovativo risulta però poco domestico.

La Dyson fa della funzionalità e dell’innovazione tecnologica il proprio marchio di fabbrica. È la casa che ha inventato, con lunghe ed approfondite ricerche, il primo aspirapolvere domestico ad altissima efficienza (alto anche il prezzo!), creando una nuova tipologia di prodotto, ripresa poi dalla concorrenza. Ora presenta una vera rivoluzione all’altezza della propria fama: un nuovo ventilatore basato su un principio diverso della turbolenza creata da un’ elica con motore retrostante. L’idea riprende il fenomeno generato dal profilo della sezione alare nel settore aeronautico, che avendo una bombatura nella parte superiore, costringe l’aria ad accelerare la sua corsa. Gli ingegneri devono aver pensato che se questo fenomeno sostiene un aereo, può anche funzionare a minor intensità per movimentare l’aria in casa. L’anello del nuovo ventilatore Dyson, che risulta il componente di maggior importanza anche formale, riproduce in piccolo una sezione alare. L’aria aspirata da un motore alla base, viene spinta entro un taglio di un millimetro che corre lungo tutto il perimetro interno dell’anello, e accelera quando ne percorre la sezione alare, fluendo in modo omogeneo e silenzioso. Maggiore possibilità di regolazione e maggior efficienza anche nel tipo di motore elettrico, non più del tipo a spazzole, ma soprattutto una completa riconfigurazione dell’oggetto. Lo stile tecnologico della casa, impone però non le più adatte sembianze per una collocazione domestica. A fronte di una mutazione tipologica, un pensiero più raffinato circa possibili alternative formali in rapporto con i principali contesti d’uso, sarebbe risultato più consono e apprezzabile.

www.dyson.it

3 thoughts on “Il ventilatore Dyson ha perso le pale

  1. Massimo

    Io trovo che Dyson stia agli “elettrodomestici” come Apple sta ai computer. Due geni della tecnologia e del design!
    Massimo Rosati – Direttore di Design Street

    Reply
  2. paolo

    lo trovo molto intrigante e mi piace anche l’applicazione alla scala domestica di tecnologie derivate da ambiti completamente differenti e a maggior scala. bello

    Reply

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.