Axolight presenta la riedizione di Bul-Bo, la lampada disegnata alla fine degli anni 60 dallo studio Gabetti e Isola per il Centro Residenziale Olivetti.

Libera, ironica, dal carattere deciso. Parliamo di Bul-Bo, la lampada progettata tra il 1968 e il 1971 da Roberto Gabetti, Aimaro Isola, Guido Drocco e Luciano Re per il Centro Residenziale Olivetti di Ivrea. Una lampada simbolo di una delle aziende italiane più illuminate del 900, di cui oggi Axolight propone una riedizione.

Disegnata per arredare il complesso abitativo costruito per i dipendenti della Olivetti, Bul-Bo è una lampada rivoluzionaria come l’edificio per cui è nata.

Già, il Centro Residenziale Olivetti di Ivrea dello studio Gabetti e Isola è stato un progetto innovativo sotto molteplici punti di vista. La struttura dell’edificio, che si presenta come una sorta di grattacielo disteso a forma di semicerchio, si integra completamente con il bosco circostante e la terra che la contiene. Un perfetto esempio di fusione tra natura e architettura che ha ispirato numerosi architetti negli anni a seguire.

La parte interna del Centro Residenziale Olivetti è invece composta da 82 unità abitative arredate con soluzioni funzionali, modulari e giocose. Un interior design studiato per offrire un benessere psico-fisico agli ospiti della struttura.

Flessibilità e ironia

La lampada Bul-Bo prende il nome dalla sua base, un bulbo in finta pelle riempito con granuli di marmo. Un contrappeso e allo stesso tempo un supporto allo stelo in alluminio che termina con la sagoma in metallo di una lampadina.
Il cuore del progetto è nella sua flessibilità. Bul-Bo può infatti cambiare la sua posizione con inclinazioni variabili, modificando il suo aspetto ma mantenendo il carattere ironico ed empatico che contraddistingue tutti gli arredi del Centro Residenziale Olivetti.

Stessa forma, stesso spirito libero degli anni 70

La riedizione di Bul-Bo nasce dal confronto tra il team di Axolight e gli autori Aimaro Isola, Lodovico Gabetti, Guido Drocco e Fabrizio Pellegrino.

Aver dato una seconda vita a una lampada così importante per la storia del design moderno – che a cinquant’anni dalla sua prima edizione, rimane incredibilmente forte, non conforme, libera e rivoluzionaria – è un qualcosa che ci inorgoglisce, ci emoziona e arricchisce”, racconta Giuseppe Scaturro, il CEO di Axolight.

Fedele alla sua forma originale, Bul-Bo è stata aggiornata dal punto di vista tecnico per rendere la sua funzione illuminante in linea con i nostri tempi.

Author

Mi occupo di comunicazione digitale, creando contenuti testuali per agenzie di comunicazione, studi di design e aziende di arredamento. Nel 2012 ho fondato Interior Break, un blog dedicato all’interior design, eletto nel 2014 migliore blog di arredamento per i contenuti nel concorso “Blog-in”, lanciato da IKEA Italia.

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.