Airo Chair è una particolare sedia disegnata e prodotta dallo studio inglese Junction Fifteen, fondato da David Lord and Ben Frost, due designer orgogliosi di utilizzare materiali e manifatture britanniche per la realizzazione dei loro progetti.

La sedia si caratterizza per i tubolari metallici della struttura che si intersecano e convergono per creare un oggetto semplice ma ben disegnato, resistente e durevole. Airo è realizzata grazie alla combinazione di materiali diversi si fondono per creare un’estetica davvero particolare. La seduta in legno massello, è disponibile in tre essenze: rovere europeo, frassino nero e noce americano. La struttura è in metallo verniciato a polvere in quattro colori: rosso, giallo, bianco e grigio.


Il pannello posteriore, i cui fori tagliati al laser sono disposti in un ordine apparentemente casuale, sostiene correttamente la schiena, mentre il sedile in legno è fatto in modo da inglobare parte della struttura. Una soluzione che offre un vantaggio funzionale (grande facilità di montaggio), ma anche estatica, dando vita a un dettaglio unico che integra e unisce i diversi componenti.

Alla sedia si affianca Olly Stool, lo sgabello in legno e acciaio, una reinterpretazione del tradizionale sgabello a tre gambe. La seduta ha tre fori per le dita, simili a quelli delle palle da bowling, per permettere di prenderlo facilmente e spostarlo. Esiste nella versione bassa e in quella alta da bar.

 

Air Chair e Airo Chair sono disponibili in diverse finiture dai nomi molto caratterizzanti: nero liquirizia, rosso cassetta delle lettere, giallo taxi di New York e bianco porcellana. Anche la seduta può essere scelta in essenze diverse.

http://junctionfifteen.com

Author

Design Street seleziona e racconta ogni giorno le idee più innovative e i migliori prodotti di design da tutto il mondo. Design Street è considerato uno dei più autorevoli blog indipendenti dedicati al design contemporaneo. Nel 2017 ha vinto il premio "Best Design Media"

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.