Tape, il divano modulare in casa Moroso

Editor:

divano modulareCasa Moroso conferma la sua presenza a Orgatec, presentando per la prima volta sul mercato il divano modulare Tape, firmato Benjamin Hubert.
Un prodotto innovativo tra moda, tecnologia e sostenibilità, in cui piccoli scampoli di tessuto prendono vita e si uniscono dando forma a un sistema di sedute e tavolini.divano modulare
Filo conduttore è, letteralmente, un nastro in poliuretano, usato solitamente per l’abbigliamento sportivo come snowboard e sci. Una caratteristica fortemente estetica che assume un ruolo fondamentale nel divano modulare.

Il divano modulare Tape

Tape è composto da una serie di blocchi tra sedute, braccioli e schienali, che possono essere combinati tra loro creando combinazioni diverse.divano modulare
Ogni singolo elemento viene unito insieme all’altra da un nastro di poliuretano in contrato, che assolve un importante e marcante funzione estetica e costruttiva.
Il sistema modulare Tape si configura come un prodotto intelligente e all’avanguardia, creato guardando verso il consumo e il riuso di alta qualità.
Contro gli sprechi: Benjamin ha scelto di utilizzare stracci di scampoli Kvadrat che di solito vengono scartati durante il processo di rivestimento e vengono trattati come prodotti di scarto. Se invece vengono saldati a caldo insieme al nastro tipicamente sportivo, gli scampoli danno vita a rivestimenti colorati complementari e contrastanti, perfetti per qualsiasi ambiente e stile.divano modulare

Utile e contenitivo

A completamento del divano modulare, il tavolo Tape contrasta il disegno grafico con una struttura d’acciaio tubolare, perfetto per riporre riviste, giornali, e piccoli oggetti.
Il tavolo di abbina a tutta la collezione tramite il ripiano in tessuto, saldato anch’esso con il nastro in poliuretano. Il pannello può essere personalizzato in diversi colori e materiali.

www.moroso.it
www.layerdesign.com

 

Chiara Gattuso

Chiara Gattuso

Chiara Gattuso vive a Milano, ma porta nel suo cuore il calore della sua Palermo. Specializzata in Storia dell’Arte e laureata in Disegno Industriale a Palermo e in Design del Prodotto per l’innovazione al Politecnico di Milano, si occupa soprattutto di giovani designer.

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.