Tag

vassoio

Browsing

Flip Around è il primo sgabello al mondo che si trasforma in vassoio e in tavolino.

Disegnato dal duo danese dei Norm Architects Flip Around per Menu, si caratterizza infatti per la sua versatilità. Bastano piccoli interventi manuali per trasformane Flip Around da un pratico vassoio svuota tasche, ottimo per posare le chiavi o il cellulare, in un pratico (e molto comodo) sgabello a tre gambe. E ancora, lo sgabello si può trasformare in un tavolino basso di servizio per appoggiare la tazza del caffè, un libro, un giornale o il telecomando.

Flip Around è un complemento d’arredo che ti segue in tutta la casa trasformandosi all’occasione. Come dicono i progettisti, forse con un eccesso di entusiasmo, “Flip Around è in qualche modo il maggiordomo che non hai mai avuto”

Che sia un vero maggiordomo oppure semplice oggetto multifunzionale, quello che è certo è che i designer dello studio di Copenhagen, fondato da Jonas Bjerre-Poulsen e Kasper Rønn, hanno fatto un grande lavoro.

Come è realizzato Flip Around

Flip Around è un oggetto di design ben progettato fin nel minimo dettaglio. Le gambe sono realizzate in massello di frassino, disponibili in legno chiaro e scuro, mentre la seduta è in plastica. Uno stile che mescola classico e contemporaneo che lo rende adatto a ogni ambiente e a ogni stile di arredamento.

“Il design di Flip Around è pulito e minimale”, racconta Kasper Rønn. “L’idea è quella di poterlo sistemare dovunque in casa. E in qualunque posto lo metti, si adatta alla perfezione allo spazio e troverà una funzione adatta a lui.”

Aggiunge Jonas Bjerre-Poulsen: “Ma l’ispirazione principale per il design di Flip Around deriva da qualcosa di più semplice. In particolare dallo stile delle tradizionali sedie industriali francesi mescolato con la cultura tradizionale danese per l’ebanisteria

Inoltre il sistema di assemblaggio è ispirato alle architetture cinesi e coreane, famose perché utilizzano sistemi a incastro, con spine e cunei in legno, piuttosto che viti o chiodi metallici”

“Quello che ne è emerso è davvero un multi-design, multi-funzionale, multi-nazionale e multi-ispirazionale…” Conclude Kasper con una battuta.

www.menu.as

Composition, e già il nome dà l’idea che si sta parlando di una linea completa di vassoi tutti diversi tra loro per caricare il proprio smartphone.

Semplici complementi tutti colorati da aggiungere ai mobili di sempre, così da completarli e regalare un’anima tech senza essere invadenti.

Il concept di Composition

I diversi vassoi progettati dallo studio Pesi di Seoul, fanno parte del programma Creative Square di Samsung con l’obiettivo di reinventare la sensazione tecnologica, che diventa essenziale ma non per forza manifestata.

Inoltre, combinando le varie strutture tra di loro, è possibile impilare diversi vassoi, così da creare infinite composizioni che soddisfano le esigenze e i gusti in fatto di colori.
La batteria completamente integrata restituisce una stazione di archiviazione e ricarica completa, capace di essere spostata in qualsiasi momento e in qualsiasi spazio.

I modelli della collezione Composition

Composition è caratterizzata da tre tipi di modelli di vassoi: Tray Cabinet, Tray Shelf e Tray Table.

Tutti distinguibili dal loro design minimalista e moderno, che unisce funzionalità e stile.
Un progetto interessante che mette in evidenza come la tecnologia si integra al design rendendolo all’avanguardia e non per forza complesso.

www.designstudiopesi.com

Luomo è un trio di giovani designer finlandesi femminile che hanno attirato la propria attenzione presentando una serie di prodotti durante il Salone del Mobile dal gusto estremamente minimalista.

Già solo l’installazione: completamente rosa pastello che entrava in contrasto con il colore deciso dei prodotti.

Hanna Särökaari, Elina Ulvio e Laura Väre sono ancora studentesse presso l’ l’Università di Arti, Design e Architettura di Aalto, unite dalla loro voglia di crescere e far conoscere la propria esperienza progettuale.

Quest’anno, durante l’esposizione al Salone Satellite, il gruppo Luomo ha presentato tre diversi progetti apparentemente diversi tra di loro, ma con un fil rouge che li accomuna: l’essenzialità, esaltazione della funzionalità e il tratto minimalista che distingue il design finlandese.

Scopriamo insieme i tre interessanti progetti.

Lampi, realizzato da Elina Ulvio, è una collezione di vassoi e specchi. Questi giocano sulla reversibilità della forma geometrica, come a voler creare una finestra magica che apre verso un mondo parallelo.

L’estrema versatilità dell’oggetto consente di poterlo posizionare su qualsiasi superficie, come un tavolo o addirittura appeso alla parete, come a voler creare un disegno architettonico estremamente geometrico.

Lollipop, realizzato invece da Hanna Särökaari, è una lampada da tavolo che gioca sulla tridimensionalità della base cilindrica e la bidimensionalità della lastra circolare che fa da paraluce. Quest’ultimo, grazie alla sua piegatura, permette di direzionare al meglio la luce prodotta nello spazio circostante.

E infine 7 di Laura Väre, una collezione di esattamente 7 lampade che si sviluppano sul disegno che può creare una linea nello spazio. Come se qualcuno volesse usare l’aria come un foglio dove disegnare, tutte le lampade creano sorprendenti disegni nello spazio.

Lo stesso design estremamente minimalista che comunica la propria identità senza risultare banale.

La designer stessa consiglia una combinazione delle lampade, per dare vita a un disegno grafico unico.

www.luomocollective.fi

Light Tray è un po’ vassoio un po’ portacandele. Un oggetto dalle linee esmplici e geometriche disegnato dalla danese Kristina Kjær. Light Tray è un piccolo vassoio ovale realizzato in legno massello di rovere o di frassino con un cilindro portacandele in ottone o in alluminio.

Il vassoio ha anche uno spazio vuota-tasche dove poter sistemare i piccoli oggetti preferiti. A dimostrare che il design danese, dai grandi maestri degli anni 50 ai giorni nostri, non ha perduto le sue caratteristiche di minimalismo poetico.

SCOPRI QUI LA NOSTRA SELEZIONE DEI MIGLIORI PORTACANDELE DI DESIGN

www.kristinakjaer.dk

 

Duality è un vaso molto particolare. Disegnato da Anna Szuflicka per l’e-commerce Just 99, e realizzato in soli 99 pezzi, Duality integra funzionalità e design. Dopo un attento studio che la designer polacca ha fatto su forme e materiali, è nato questo insolito complemento d’arredo multifunzione che funge, contemporaneamente, da vaso e da vassoio.

Un oggetto dalla doppia anima: da una parte il vaso dalla forma conica, realizzato in porcellana bianca opaca lavorata a mano: dall’altra il vassoio in legno massello di iroko dal diametro di 30 cm. Questi due elementi, incontrandosi, formano un unico pezzo d’arredo che facilmente entra a far parte della nostra quotidianità grazie ai suoi svariati utilizzi.

Il vaso, che si innesta sul vassoio passandolo da parte a parte, serve anche a stabilizzare la struttura asimmetrica della base in legno che senza il sostegno della porcellana non starebbe in piedi.

Un vassoio con portafiori, per rendere più eleganti le portate, oppure un vaso con alla base un portafrutta: ognuno può interpretarlo come più gli piace, a seconda dell’occasione.

Duality è disponibile nelle versioni Black & White (col legno di iroko laccato nero opaco) e Natural Living e può essere acquistato online sul sito.

Riprende il tema delle lacche, cavallo di battaglia di Ivory, questa serie di vassoi/coffee-table realizzati in Cristalplant laccato, progettati per poter essere collocati su una base.

Ballard e Bradley – questi i nomi dei nuovi vassoi della Lak Collection – sono caratterizzati da linee d’ispirazione barocca modernizzate da con intagli geometrici. Una stessa idea per i due vassoi, caratterizzati da linee diverse: ovale Ballard, rettangolare e declinato in tre dimensioni Bradley.Entrambi sono disponibili in 10 colori opachi oppure possono essere realizzati nella colorazione richiesta.

CrissCross è il contenitore multiuso disegnato dal grande maestro del design nordico Eero Aarnio per Alessi. Così lo descrive il designer: “CrissCross è stato progettato per aiutare a gestire il disordine che regna in casa offrendo un posto dove raccogliere tutto quello che viene lasciato in giro come riviste, giornali, cellulari, libri da leggere, macchine fotografiche, fotografie, laptop, chiavi, occhiali ecc. Può essere anche utilizzato come Fruttiera o lasciato semplicemente vuoto come soprammobile su un tavolo.”

Eero Aarnio firma per Alessi questo cesto minimale in alluminio anodizzato; un complemento d’arredo di grandi dimensioni ma leggero e capiente, originariamente concepito in legno e pensato per essere prodotto artigianalmente.

CrissCross, pur modificando il materiale, ha mantenuto il carattere artigianale: buona parte della lavorazione implica passaggi manuali, come la disposizione delle fasce rivettate al bordo superiore che creano il reticolo ortogonale.

L’uso di un metallo tra i più leggeri, nelle intenzioni dell’autore intende richiamare la leggerezza del legno; è disponibile in due versioni: alluminio naturale e nero.

www.alessi.com