Tag

rame

Browsing

Gli Ikebana di Sara Ricciardi

Le piccole opere di Sara Ricciardi danno vita al progetto Natura Morta, una serie di curiosi supporti che si ispirano all’antica arte giapponese Ikebana.

Questa pratica consiste nella composizione di elementi naturali, usata dai valorosi guerrieri per riscoprire la propria forza e per affrontare le proprie paure.

Una pura arte filosofica capace di fermare il tempo, per comprendere il senso della vita e ristabilire l’equilibrio dell’animo e dello spirito, semplicemente dando valore a elementi della natura.

I supporti di Natura Morta sono stati realizzati utilizzando materiali diversi, come l’ottone, il rame, il marmo e il gesso, tutti materiali solidi che esaltano la fragilità e la bellezza dei rami e dei fiori.

Chiunque può interpretare il proprio supporto e tirare fuori la propria creatività, riscoprendo l’essenza della natura e della tranquillità.

Queste piccole opere d’arte dalla forma geometrica hanno come scopo la valorizzazione della morte, per “percepirla come un passaggio e celebrare così l’intensità della vita”.

Natura Morta è stata creata in occasione di dell’ Indipendent Design Festival Operae 2016 a Torino.

www.sararicciardi.org

Presso la Triennale di Milano, dal 16 settembre 2014 sarà possibile visitare “Trame”, un’interessante rassegna sul rame declinato nelle sue molteplici forme e applicazioni tra arte contemporanea, design, tecnologia e architettura.

Un materiale che viene analizzato attraverso un approccio trasversale che porterà in Triennale oltre 250 pezzi di cui circa 30 opere di artisti dagli anni Sessanta ai giorni nostri (Lucio Fontana, Fausto Melotti, Joseph Beuys e molti altri…) e oltre 100 oggetti di design progettati dai più autorevoli nomi del settore (Ron Arad, Luigi Caccia Dominioni, Antonio Citterio, Tom Dixon, Odoardo Fioravanti, Martí Guixé, Poul Henningsen, Ross Lovegrove, Gio Ponti/Paolo De Poli, Tobia Scarpa, Ettore Sottsass, Oskar Zieta…). Ma anche capi di importanti stilisti in cui il rame è protagonista d’eccezione (da Romeo Gigli a Prada), 10 modellini di progetti realizzati da alcuni tra gli architetti più famosi(Herzog & de Meuron, Renzo Piano, Aldo Rossi, Steven Holl Architects, James Stirling…) e infine una sezione dedicata alla tecnologia, ambito in cui il rame è impiegato in settori cruciali come l’informatica, la medicina, l’energia, i trasporti.

La mostra sarà corredata da una ricca documentazione fotografica e video in cui il rame è il filo conduttore.

“Trame. Le forme del rame tra arte contemporanea, design, tecnologia e architettura”

dal 16 settembre al 9 novembre 2014

A cura di Antonella Soldaini e Elena Tettamanti. 

www.triennale.it