Tag

product design

Browsing

È realizzata dalla storica vetreria austriaca Lobmeyr la lampada Basket ispirata ai lampadari barocchi in vetro, alle lanterne e alle lampade arabe ad olio.

Basket è un progetto dal giovane designer Marco Dessì, classe 1976, italiano di nascita ma che vive e lavora a Vienna, che ha saputo adattare una tecnica antica della lavorazione del vetro ad un corpo illuminante assolutamente moderno. La struttura è un “canestro” esagonale realizzato con tubi di vetro curvati, legati intorno a sei grosse corde in seta. La luce che filtra attraverso i tubi in vetro del canestro, creando preziosi riflessi, non è quella delle candele, ma quella di una più moderna lampada alogena.

www.lobmeyr.at

4 sono i progetti e 4 i designer che, sotto la direzione creativa di Stefano Pirovano, hanno progettato per Bysteel queste lampade “total white” per l’outdoor ma adatte anche in casa.

Sono Clover di Miriam Mirri, Brezza di Denis Santachiara, Tripo di Stefano Pirovano e Alluma di Vered Zaykowsky.

Tutti i complementi Bysteel si caratterizzano per la medesima lavorazione dei materiali utilizzati: l’acciaio inox e l’alluminio. La lamiera viene tagliata, piegata e prende vita nella forma ideata dal designer.

 

Clover Miriam Mirri

Clover di Miriam Mirri, di evidente ispirazione botanica, prende il nome dal trifoglio.Due le versioni: da appoggio con la sfera più grande e da sospensione, più ridotta.

Il paralume (80 cm di diametro), nasce dal taglio e dalla piegatura del foglio di alluminio. La luce si propaga all’esterno attraverso gli spiragli della superficie. Il corpo esterno è realizzato in alluminio verniciato in bianco opaco. L’interno è disponibile nelle varianti ambra, ametista o acquamarina.


Brezza_ Denis Santachiara_BYSTEEL 2011

Denis Santachiara per Brezza si è ispirato al vento che arriva dal mare Il paralume, mosso dall’aria, ruota sul proprio asse creando un piacevole effetto dinamico. È una lampada a stelo, che prende forma da un foglio di alluminio tagliato a fiore e piegato a formare dei “petali”. La base è realizzata in acciaio inox. La lampada è alta m 2,40.


Tripo Stefano Pirovano

Si ispira invece a un’immaginaria creatura a tre zampe che cambia pelle la lampada Tripo, disegnata da Stefano Pirovano, art director di Bysteel.

Lo strato di alluminio è arricchito da trafori decorativi a losanga tondeggiante che decorano l’ambiente e il terreno attiguo grazie alla luce proiettata che filtra attraverso i fori. Le tre gambe si specchiano sulla superficie sulla quale poggia, creando ombre allungate.

Realizzata in alluminio smaltato con base in acciaio inox, è alta 2 metri.


Alluma Vered Zaykowsky

Essenziale nelle linee ma altamente scenografica, Alluma di Vered Zaykowsky contempla il rapporto intrinseco che esiste tra luce e materia. Un raggio che si diffonde nello spazio, invisibile e impercettibile, finché non incontra una materia, anche quest’ultima rimane nascosta all’occhio finché non viene rivelata dalla luce. Il suo fascio luminoso a “occhio di bue“ proietta infatti la luce richiamando un set cinematografico o un palcoscenico del teatro.

Alta m 1,20, Alluma può essere posizionata a terra, a parete o a soffitto.

www.bysteel.it

Vered Zaykowsky

Con questo progetto Chris Hardy, giovane designer statunitense classe 1984, debutta a fianco di un colosso del design quale Fontana Arte.

Il concept di Wig, sostiene Hardy “parte dall’idea di società: una massa unica composta da singoli elementi più piccoli. La forma consiste in molti pezzi che interagiscono delicatamente, creando un oggetto massa più grande. Un pezzo singolo, da solo, apparentemente risulta insignificante, ma una volta sistemato con gli altri, rivela una forma nuova.

La parrucca (in inglese, wig) è decorativa per natura e il suo scopo consiste nel dare nuova vita, proprio come accade con la luce. Questo nome riflette pienamente la personalità della lampada”.

Lampada a sospensione. Corpo diffusore costituito da una composizione di petali curvati in metallo verniciato bianco lucido. Disco diffusore inferiore in metacrilato satinato. Cavi di sospensione in acciaio regolabili in altezza.

www.fontanaarte.it

Si ispira alla forma slanciata di una pagaia la lampada Paddle, disegnata da Benjamin Hubert per Fabbian. Disponibile nella versione da tavolo e da terra, Paddle ha la struttura portante alluminio e legno. Lo stelo e il braccio sono orientabili. Illuminazione con 84 microled ad alta luminosità e controllo dinamico della luce tramite touch capacitivo.

www.fabbian.it

www.benjaminhubert.co.uk