Roberto Semprini

Editor:

Intervista a Roberto Semprini, architetto, designer

DS: Di recente ha curato un allestimento che si presenta come tributo al made in italy; ma come vive questo titolo nostrano nell’epoca e nel mondo della globalizzazione?

RS: Il made in Italy resiste perché è una cultura vincente; bisogna considerare il “locale globalizzato”; nei primi posti delle classifiche italiane troviamo registri, scrittori, musicisti, tutti italiani, anche se ci siamo molto americanizzati. Tendiamo cioè a mantenere le nostre radici, perché sono un segno di sicurezza e tranquillità tanto per gli stranieri, quanto per noi.

DS: Che cos’è il design?

RS: Per me il design è regalare emozioni attraverso l’estetica; cercare le novità andando incontro ai nuovi bisogni, alla possibilità di risolvere i problemi, sempre tenendo conto della funzionalità.

DS: Quindi estetica e funzionalità non sono termini contraddittori?

RS: Non è tanto la forma a rendere particolare un oggetto, ma l’emozione che trasmette; e l’emozione deve seguire la funzionalità.

DS: Le tre parole d’ordine del design contemporaneo?

RS: 1: Emozione/comunicazione. 2: Invenzione (lì dove sposa la capacità di risolvere nuovi problemi). 3:Eco sostenibilità

DS: Quali sono i maestri ai quali si è ispirato durante la sua carriera?

RS: Ettore Sottsass, Alessandro Mendini, Ron Arad.

DS: Le migliori scuole di design al mondo?

RS: La Domus Academy, il Politecnico, Royal College

DS: Che consigli darebbe ad un giovane designer che voglia farsi strada in un ambiente ormai un po’ saturo? La crisi ha qualche modo influenzato anche il settore del design?

RS: Si, la crisi ha influito e ha provocato un appiattimento dell’offerta: per questo è importante che i giovani imparino a guardare le cose con occhi diversi, cercare idee nuove, anche per farsi strada fra tanta concorrenza.

DS: Quali sono le migliori riviste di design, e come prospetta il futuro delle riviste tra fine della carta stampata e diffusione del web?

RS: Per me la migliore rivista, che deve forse fare da esempio, è Interni: sia per il focus che fa sui prodotti, sia per il linguaggio usato, capace di parlare al pubblico. In ogni caso la carta stampata non scomparirà mai, e questi due settori, editoria classica e web, non arriveranno mai a danneggiarsi a vicenda.

www.robertosemprini.it

 

 

Design Street

Design Street

Design Street seleziona e racconta ogni giorno le idee più innovative e i migliori prodotti di design da tutto il mondo. Design Street è considerato uno dei più autorevoli blog indipendenti dedicati al design contemporaneo. Nel 2017 ha vinto il premio "Best Design Media"

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.