MADE.COM TEMPORARY SHOWROOM

Editor:

Il Made.com “temporary showroom”

Il brand MADE.COM, specializzato nella vendita online di prodotti di design, ha aperto il suo primo Temporary Showroom nel cuore Milano (il temporary showroom di MADE.COM è allestito all’interno dello Spazio Spin, in via Cerva, 25, ed è aperto sabato 18 e domenica 19 luglio, il 12, il 13, il 26 e il 27 settembre e ancora il 17 e 18 ottobre).

Approfittiamo di questo evento per intervistare Lorenzo Calcagni, Country Manager Italia di MADE.COM, e ci facciamo raccontare la filosofia di questo gruppo internazionale…

 

MADE.COM è stato lanciato nel Regno Unito nel 2010 da un’iniziativa dell’imprenditore 31enne Ning Li, lattuale CEO, e di Brent Hoberman, co-fondatore di Lastminute.com. A Ning si sono poi uniti il suo compagno di studi Julien Callede, subentrato in qualità di Direttore Operation, e l’architetto Chloe Macintosh come Direttore Creativo.

MADE.COM è una piattaforma dedicata agli appassionati di design che cercano proposte di qualità ad un prezzo accessibile. Per soddisfare queste esigenze, il nostro brand opera solo on-line ed elimina così gli intermediari presenti nel processo di distribuzione, collegando direttamente i consumatori al produttore. Una strategia che permette una significativa riduzione dei costi, reinvestiti a loro volta per ricerca e sviluppo”.

DS: Che ruolo hanno i designer al suo interno?

LC: Sono una parte fondamentale del nostro team di lavoro. Lanciamo mediamente due nuove collezioni ogni settimana e siamo sempre alla ricerca di idee innovative che possano entusiasmare i nostri clienti.

DS: Può un giovane designer sottoporvi qualche progetto?

LC: Assolutamente sì e siamo sempre molto attenti alle proposte che riceviamo. Lo scorso settembre, in occasione del London Design Festival, abbiamo decretato il vincitore dell’Emerging Talent Awards 2014: Ying Chang, con il suo affascinante e funzionale Grid System Desk. Il suo disegno era nella short list di 7 finalisti, i progetti sono stati votati dalla rete che ha selezionato il più amato.

DS: In quali Paesi siete presenti?

LC: Oltre che nel Regno Unito, MADE.COM è presente anche in Italia, Francia, Olanda, Belgio e Germania. Ad oggi fattura £42,7M e nel 2014 ha registrato una crescita del 63% con 160 dipendenti e oltre 1500 modelli diversi prodotti. Il fatturato generato all’estero ha raggiunto una quota del 25% e per quanto riguarda il mercato italiano, si registra con il 2015 una crescita del 100%.

DS: Quali sono le tipologie di prodotto che presentate e quali le più vendute?

LC: Abbiamo un catalogo di circa 2000 prodotti che spazia dai divani, alle librerie fino alle stampe e fotografie. Se all’inizo i clienti preferivano sperimentare il nostro servizio acquistanto principalmente lampade, adesso vediamo un incremento importante nelle vendite di divani e articoli più importanti come librerie o armadi. Un numero sempre maggiore di utenti ha infatti avuto la possibilità di testare la qualità dei prodotti, a casa di amici o ad eventi in cui eravamo presenti. Il risultato di questo processo è ben visibile dai dati di vendita.

DS: Il vostro rapporto con il mondo del web (blog, social network)

LC: Siamo un brand che vive nell’online dove siamo presenti con una comunicazione a 360 gradi. Da un lato vogliamo offrire sputi di ispirazione tramite il social network UNBOXED, dove sono pubblicati dai nostri clienti gli ambienti arredati con i prodotti MADE.COM; dall’altro abbiamo appena lanciato un blog pieno di suggerimenti per la casa (tra cui pratiche infografiche) che gli utenti possono impiegare anche per richiedere consigli. Siamo presenti su Facebook, che è un canale importante di comunicazione verso i nostri clienti, ed inviamo periodicamente una newsletter con le ultime offerte e novità.

DS: Come è nata l’idea del Temporary showroom di Made.com?

LC: Dopo il successo delle due edizioni del Fuorisalone in cui abbiamo esposto i nostri prodotti e le ripetute richieste da parte degli utenti di poter toccare con mano la qualità dei prodotti, abbiamo capito che era il momento di presentarci anche “offline”. Chi è interessato può già ordinarci gratuitamente i campioni di tessuto ma comunque il cliente italiano si fida meno dei suoi cugini europei del “puro” acquisto online.

DS: Perché “temporary” e perché non un punto vendita vero e proprio?

LC: La missione MADE.COM è di riuscire a offrire design a prezzi accessibili e l’apertura di un vero e proprio negozio con tutti i costi associati non sarebbe stata un’operazione in linea con il nostro modello di business. Abbiamo trovato un partner come Ars et Inventio con cui è nata subito un’intesa e cosi siamo riusciti ad aprire un temporary store (in realtà rimarrà sempre aperto 2 weekend al mese) che nel suo genere è unico e unconventional.

DS: Avete in mente altre iniziative speciali?

LC: Certamente vogliamo espanderci in tutta Italia con iniziative simili e stiamo cercando i partner adatti per rendere possibile questo progetto. Abbiamo clienti in ogni regione e vorremmo poter offrire loro la possibilità di toccare con mano la qualità dei nostri prodotti.

 

 

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.