Lo scaffale eco-sostenibile

Editor:

Basta con chiodi, viti e martelli: per ricavare uno scaffale da un listone di legno sono sufficienti una corda e un sapiente taglio al laser. Ecco come nasce A-Board, un eco-progetto di Tomás Schön per Green Furniture Sweden.

Tutte le proposte del gruppo Green Furniture Sweden nascono in uno studio fondato nel 2005 dal designer Johan Berhin. Qui la parola d’ordine è eco sostenibilità, tanto che da qualche anno è stato organizzato un concorso per premiare il miglior progetto di eco-design.

L’obiettivo non è soltanto quello di usare materiali naturali e riciclabili, ma di usarli e lavorarli con parsimonia, delicatezza e in modo sostenibile. Senza per altro rinunciare alla cura del disegno: molti dei complementi d’arredo pensati nell’ambito del progetto Green Furniture Sweden sono ispirati al gusto più classico; in fondo un mobile “senza tempo”, che non passa mai di moda, diventa ancor più sostenibile.

Quest’anno ad aggiudicarsi il secondo posto nel Green Furniture Award è stato il designer Tomas Schön con il suo scaffale A-Board. Con un innovativo sistema di piegatura del legno con taglio laser Schön (per metà Italiano) è riuscito a creare una libreria senza usare chiodi, colle e viti. Basta tirare letteralmente la corda per trasformare una tavola sottile in oggetto tridimensionale da appoggiare al muro. E sui sei ripiani, solidi e stabili, c’è posto per qualsiasi oggetto.

www.greenfurniture.se

 

3 thoughts on “Lo scaffale eco-sostenibile

  1. benny recchioni

    E’ geniale e bellissimo, grande progetto e grande realizzazione. Complimenti benny

    Reply
  2. Rita

    Forgive the english, but I can’t make the argument I want to in Italian.
    I like the design and that is eco friendly. However, where is it manufactured? I hope the answer is not China.
    No matter how eco friendly a product may be, if it is produced in China, then the eco friendly is cancelled out by China’s horrendous pollution, human abuse policies.

    Reply

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.