Le prime tre fiere di settembre.

Editor:

Come ogni anno, a settembre, ricomincia il grande circo del design: è proprio in autunno infatti che ricominciano le grandi fiere. Un’occasione imperdibile per scoprire le anticipazioni, vedere idee fresche, conoscere nuovi designer.

E così, armato di biglietto low cost e trolley alleggerito al massimo (al ritorno tra cartelle stampa e materiali vari, viaggio sempre con molti chili di bagaglio in più!) sono partito per Parigi prima e per Londra poi alla ricerca delle prime novità.

Maison Objet, la più grande e incredibile fiera dedicata alla casa, è bella come sempre. Ti accoglie con i suoi enormi padiglioni dove gli spazi sono divisi così bene, gli espositori sono così ben raggruppati per tipologie omogenee e la selezione dei partecipanti è così ben curata, che quasi non senti la stanchezza di dover camminare per ore e ore.

Non troppo grande, ma sempre bello. “NOW!”, il padiglione dedicato al design contemporaneo. Ma incredibilmente si trovano splendide proposte in ogni sezione: dalla decorazione alla tavola, dall’oggettistica da regalo all’etnico. Non manca una bella selezione di giovani artigiani, finalmente promossi in uno spazio tutto loro e non mescolati in un confusivo minestrone (come si tende a fare qui da noi) con le proposte di design.

continua sotto...

 

 

Con il cuore gonfio di aspettative, riparto la settimana successiva per Londra. Un appuntamento per me imperdibile non solo per la fiera 100% Design o per il contemporaneo London Design Festival, ma soprattutto perché Londra rappresenta ancora oggi per me uno dei luoghi più creativi e vivaci nel panorama europeo e un tuffo nella capitale inglese non può che darti molti stimoli e lasciarti tanti spunti di riflessione.

La fiera è piccola (in tre ore la si vede tutta) ma molto curata e ben divisa per categorie. Nonostante le piccole dimensioni, riescono a dare un bello spazio sia alle nuove proposte, sia alle “delegazioni straniere”: Polonia, Cile, Francia, Sudafrica, Corea e tanti altri paesi. Dell’Italia, a parte un gruppo di intraprendenti designer altoatesini, non si vede l’ombra.

Ma è fuori dalla fiera la parte che preferisco e, sopra tutti, i Portobello Docks di Tom Dixon e Moooi, la collettiva Design Junction, e soprattutto, gli splendidi Tent London e Superbrands ospitati nella vecchia archeologia industriale della Old Truman Brewery.

Cosa mi piace di questi eventi? Che qui designer giovani e aziende leader nel settore convivono fianco a fianco; che si respira un’atmosfera altamente creativa e mai “snob”; che il design è vissuto come una professione normale e non come un’arte esclusiva; che i designer non si sentono parte di un’élite che vive “fuori dal mondo”, ma sono allo stesso tempo creativi e concreti, artigiani e imprenditori.

Come sempre, sono tornato a casa carico di materiale, ma anche di idee, di entusiasmo e di fiducia nel design. Parigi e Londra fanno bene all’umore!

continua sotto...

 

 

Ma il titolo non parlava di tre fiere? Già, dimenticavo…

Fra il viaggio in Francia e quello in Inghilterra ho fatto anche un salto al Macef di Milano, dopo qualche anno di assenza. E non vedo l’ora di ripartire a gennaio per la fiera di Stoccolma, così da togliermi quel senso di desolazione che ho ancora nel cuore…

 

2 thoughts on “Le prime tre fiere di settembre.

  1. GLORIANA PRADA

    e non dici nulla di quello spazio meraviglioso al Macef che si chiama L’Opera Italiana???…

    Reply
  2. christian

    Bello leggere i tuoi commenti su quello che hai visto e ci hai riportato con immagini ed emozione.
    Lascia effettivamente una spiacevole sensazione la triste immagine del MACEF, un po’ come un cattivo retrogusto di un caffè malfatto dopo un pranzo delizioso e prolungato.
    Non sono un esterofilo, anzi continuo a pensare che siamo ancora i migliori del mondo, peccato che riusciamo a nasconderlo così bene.
    Mah….

    Reply

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.