La sedia “pirata” di Fabio Novembre

Editor:

“Watch your back… pirates are coming!” 

Con questo motto Gufram, azienda che ha dagli anni 60 ha creato numerosi oggetti-icona nella storia del design (il divano Bocca, il Pratone e il mitico appendiabiti a forma di cactus sono custoditi nei più importanti musei del mondo), presenta il suo ultimo oggetto “pop”. Si stratta della poltroncina Jolly Roger, disegnata da Fabio Novembre e realizzata in polietilene stampato in tecnologia rotazionale.

Disponibile nei colori bianco e nero, Jolly Roger presenta le stesse caratteristiche che da sempre contraddistinguono il brand. Ironia, irriverenza e iconicità.
E la scelta del designer è coerente con il DNA dell’azienda piemontese.

Fabio Novembre ha disegnato una seduta che formalmente allude al teschio, simbolo di spavalderia che sventola sul vessillo di corsari e filibustieri, a seminare terrore nei sette mari. E proprio il globo è raffigurato nella scocca interna; una mappa circondata dagli oceani:  un’esortazione del designer a non rimanere fermi, un monito: sei seduto sul mondo, non dimenticarlo mai!

Racconta Fabio Novembre: “Quando mi chiedono perché porto al dito un anello a teschio, rispondo sempre che apparteneva a mio nonno pirata, e credo ormai di essermene convinto anch’io. Tutti dovrebbero avere almeno un nonno pirata nell’albero genealogico: rappresenterebbe un solido ramo a cui aggrapparsi. Solido abbastanza da ospitare gente come Keith Richards, Johnny Depp, Iggy Pop e tutti coloro che interpretano la loro vita in chiave rock’n’roll senza dover necessariamente impugnare una chitarra per poterlo esprimere.”

ph: Settimio Benedusi

www.gufram.it

 

Design Street

Design Street

Design Street seleziona e racconta ogni giorno le idee più innovative e i migliori prodotti di design da tutto il mondo. Design Street è considerato uno dei più autorevoli blog indipendenti dedicati al design contemporaneo. Nel 2017 ha vinto il premio "Best Design Media"

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.