Dall’Australia, l’isola galleggiante in legno

Editor:

Avete mai sognato di avere un’isola galleggiante tutta per voi? Soli o con chi volete, nello spazio che più amate.
C’è chi l’ha pensato e l’ha creato, e quel qualcuno è un architetto australiano.
Marshall Blecher, insieme a Fokstrot, ha avuto questa pazza e geniale idea di creare una vera e propria isola artificiale fatta in legno, ottima per stare da soli e godersi la pace attorno.
Si chiama Ø1, esattamente come si dice “singola isola” in danese, perchè questa fantastica idea è stata pensata per il porto di Copenhagen.

Il concept

Immaginate di invitare i vostri amici a fare un barbecue in un posto diverso dai soliti parchi o giardinetti di casa, o a invitare la vostra ultima cotta a guardare le stelle lasciandosi cullare dalle onde dell’acqua.

Il prototipo Ø1 nasce proprio per dare quel quid in più agli spazi a cui siamo abituati, sia che si tratti di ambienti completamente aperti e rivolti alla natura, sia che si tratti di un semplice parco urbano.

Come è stato realizzato

Fino ad oggi, il prototipo lanciato dai due sognatori Ø1 è rappresentato da una piattaforma ricoperta da listelli in legno, così come il porto della città.

La superficie, grande solo 25 metri/quadrati, si contraddistingue per la quasi insolita ma pensata presenta di un albero di tiglio. Un carattere naturalistico che fa sembrare Ø1 come una vera e propria isola, pronta a regalare anche spazi d’ombra quando necessario.

Un lavoro formidabile, realizzato con le preziose tecniche tradizionali dei cantieri navali del posto, e con il supporto della fondazione delle arti danesi.

Prospettive future?

Ebbene si, Marshall e Fokstrot guardano in grande, pensando di trasformare Ø1 in una serie di isole, ognuna con una funzione diversa. In qualcuna potrà esserci una sauna, in un’altra, un giardino, e perchè no pensare anche a una piccola fattoria. Sogni visionari che diventano realtà.

Sarà che siamo così tanto urbanizzati e globalizzati che abbiamo bisogno di stare in spazi più intimi? Potrebbe darsi, ma sicuramente questa squadra di progettisti ha regalato un tocco davvero poetico a una città che di poesia ne ha già tanta.

www.fokstrot.dk
www.marshallblecher.com

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.