Il ritorno del Veliero

Editor:

Il “Veliero” spiega le vele e sfida il tempo; con Cassina torna a vivere la leggendaria libreria di Franco Albini, un’icona del design italiano degli anni ’40, incontro di innovazione progettuale e leggiadra armonia.

Inserita nella Collezione Cassina I Maestri e volutamente non in edizione limitata, “Veliero” è finalmente un sogno realizzato. Per far questo Cassina ha svolto una lunga ricerca nei campi della storia del design, con l’aiuto del critico Giampiero Bosoni, dell’ingegneria nautica, coinvolgendo lo studio Brenta, e dell’ingegneria civile, avvalendosi di validi strutturisti.

Già nel 2006 il marchio aveva riprodotto “Veliero” in una variante dimensionale prevista dall’ideatore in occasione della mostra “Zero Gravity. Franco Albini costruire la modernità”, curata da Renzo Piano, il più famoso tra gli allievi di Albini. Fu un’ottima occasione per l’azienda di confrontarsi con il carattere di precarietà strutturale intrinseco nella statica del progetto, che a suo tempo aveva procurato qualche problema.

Così denominata per il richiamo a un’imbarcazione a vela, oggi “Veliero” si presenta composta da due aste in legno di frassino su cui poggiano, come sospesi, i ripiani in vetro stratificato grazie a un sistema di solidi tiranti in acciaio. Fedele nei dettagli, la nuova “Veliero” fa proprio il linguaggio visionario dell’esemplare costruito da Albini per la propria abitazione di Via De Togni a Milano; in equilibrio tra aria e luce permette comunque una capacità di carico limitata così da non tradire la natura di poetica astrazione fortemente voluta da chi per primo l’ha concepita. In ogni caso Cassina ha previsto una variante che consente la stabilità anche con carichi maggiori, tutto ciò per mezzo dell’inserimento di una barra a sezione circolare posta nella parte superiore tra le due aste diagonali.

Nel tempo “Veliero” ha visto crescere attorno a sé un’aura di fama e ammirazione non erosa dal susseguirsi di epoche e mode, aiutata anche dalla provvisorietà dell’installazione originale. Pochi infatti hanno avuto la fortuna di ammirarla prima che i suoi ripiani andassero in frantumi, ma molti hanno contribuito a tenerne vivo il ricordo.

Ricostruire nel nuovo millennio la libreria “Veliero” vuol dire avere il coraggio di mettersi in gioco su due fronti: produrre una versione che rende omaggio all’assoluta purezza del design originale, pur con la sua fragilità, e affiancare una rivisitazione più funzionale, che nel sostanziale rispetto dello spirito e della forma, consenta una migliore usabilità quotidiana.

www.cassina .com

 

2 thoughts on “Il ritorno del Veliero

  1. benny

    qualsiasi commento su un progetto così affascinante e perfetto rischia di essere inadeguato, per cui rimango in silenzio e mi godo la visione!!!
    Grazie per aver pubblicato una simile bellezza, benny

    Reply
  2. Gianni Siffredi

    sì, è da ammirare…la ricordavo poco tempo fa in una discussione…è la libreria (l’idea di libreria) che più mi ha colpito nella vita…

    Reply

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.