Una serie di specchi architettonici di Studio Note

Editor:

Norihiko Terayama, designer di Studio Note, realizza una serie di specchi architettonici, una perfetta conciliazione tra l’ingenuità del piccolo oggetto e la grandezza e le forme delle architetture.

Fino ad oggi lo specchio è stato considerato come un elemento fisso e statico, un oggetto che sa comunicare poco se non la nostra anima riflessa. Eppure permette di giocare con le linee, crea spettacolari giochi di luce e ombra, rende immateriale qualcosa di materiale: e allora, perché non unire questa magia segreta con la spettacolarità degli edifici?

Possono gli specchi essere usati solo dagli esseri umani e non comunicare con l’essenza del mondo moderno che ci circonda?

Ecco che nasce questa collezione di specchi, ognuno diverso dall’altro capace di riflettere la concretezza dell’impercepibile cogliendone le forme interessanti e le dinamicità visiva.

Linee rette, linee curve, linee parallele, linee che si intersecano e attraversano le ombre, le finestre, i muri, i soffitti.

“Ho riprodotto le linee fatte di luci e ombre dall’architettura e fatte di calcestruzzo, riproponendo “le cose invisibili”, che possono diventare linee di riflesso “visibile” nello specchio”.

www.studio-note.com

Chiara Gattuso

Chiara Gattuso

Chiara Gattuso vive a Milano, ma porta nel suo cuore il calore della sua Palermo. Specializzata in Storia dell’Arte e laureata in Disegno Industriale a Palermo e in Design del Prodotto per l’innovazione al Politecnico di Milano, si occupa soprattutto di giovani designer.

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.