Quando gli uccelli trovano una casa (di mattoni)

Editor:

Riscoprire il valore del lavoro manuale in piena epoca digitale non è solo un vezzo, ma può essere una necessità. Fabrikaat è il nome di una mostra tenutasi lo scorso anno a Ventura Lambrate che aveva  l’obiettivo di esplorare il ruolo sempre più importante del giardino, attraverso un approccio di ricerca legato alla manualità.
I lavori esposti erano il frutto di tre mesi di lavoro degli studenti del Master in Architettura d’Interni dell’Istituto Piet Zwart di Rotterdam.
Brick Biotope, dell’italiana Micaela Nardella e Oana Tudose (Romania), è un set di mattoni progettato e costruito per venire incontro alle esigenze vitali degli uccelli: uno dei motivi che hanno portato a questo lavoro è la scomparsa del “passero delle case” dall’Olanda.
I mattoni sono modellati con delle spaccature all’interno, in modo da offrire rifugio, immagazzinare acqua, raccogliere terriccio e insetti, assicurando così agli uccelli un posto sicuro in cui vivere. I mattoni sono modellati mischiando alla malta degli strati di sabbia; una volta che il blocco è solido, la sabbia viene asportata e si creano così gli spazi vuoti per gli uccelli.
I Brick Biotope sono destinati ad interagire con i tradizionali muri di mattoni rossi olandesi, offrendo un colpo d’occhio suggestivo: come una finestra su un mondo da conservare.

http://extra.wdka.nl/fabrikaat/

vimeo

Design Street

Design Street

Design Street seleziona e racconta ogni giorno le idee più innovative e i migliori prodotti di design da tutto il mondo. Design Street è considerato uno dei più autorevoli blog indipendenti dedicati al design contemporaneo. Nel 2017 ha vinto il premio "Best Design Media"

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.