La resina incontra le Bricole di Venezia

Editor:

Del tavolo Chimenti non ci incuriosisce solamente l’abbinamento dei materiali, ma anche la storia che lo ha visto nascere. Progettato da Alcarol (che, a detta dei fiondatori, è allo stesso tempo in studio, laboratorio, fabbrica creativa, atelier e showroom) e presentato presso la Galleria Mint durante lo scorso London Design Festival, è realizzato dunque con materiali molto diversi tra loro: legno, ferro e resina. Ma ad accentuare ancora di più il rapporto fra antico e moderno, fra materiali vissuti e “sintetici”, la resina trasparente è stata abbinata ad assi consumate e tarlare, ricavate dalle briccole di Venezia, i tradizionali pali lignei infissi nei fondali della Laguna Il nome deriva dal linguaggio marinaresco veneziano: i Chimenti erano gli spazi fra le tavole che formano il fasciame di una nave, che in passato venivano riempiti di stoppa e colofonia, una resina vegetale. La resina contiene una concentrazione di bolle d’aria così da creare un particolare effetto organico, come se il legno fosse ancora immerso nell’acqua. Ogni tavolo è un pezzo unico, tra design e artigianato, ed è prodotto a mano in serie limitata e viene garantito da un certificato di autenticità numerato, , data e luogo di estrazione di ciascuna “Bricola”. http://www.alcarol.com/chimenti/

0 thoughts on “La resina incontra le Bricole di Venezia

  1. sara

    L’idea mi piace, soprattutto la continuità tra legno e acqua, dove è rimasto decenni e ha subito le alterazioni naturali. Mi piacerebbe sapere se questo tavolo aveva partecipato al concorso di Riva20 “le briccole” con tema il tavolo. Grazie Sara

    Reply

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.