I FRATELLI BOUROULLEC

Editor:

Da quando ho iniziato a scrivere per Design Street, ho sempre sperato di avere l’opportunità di fare un’intervista con alcuni dei miei designer preferiti. Finalmente quest’anno l’occasione è arrivata, ed ecco qui che, con grandissima emozione, riesco a prendere un caffè veloce con Ronan Bouroullec.
Poche domande che mi hanno permesso di toccare con mano la spontaneità dei progetti dei due fratelli e la loro naturalezza.

DS: Come nascono i progetti dei fratelli Bouroullec? I vostri progetti sono unici e riconoscibili, puliti e minimali, senza essere ripetitivi.
RB: Noi progettiamo per svariati settori, dai piccoli gioielli a grandi progetti per le città, presentando sempre qualcosa di nuovo senza essere ripetitivi.
I temi dei nostri progetti possono essere svariati, dall’analisi delle forme, a come utilizzare nuovi materiali, alla valorizzazione dell’artigianalità. Tutti i progetti nascono da specifiche situazioni ed esigenze.
Credo sia difficile prevedere come risulterà il prodotto finale, perché ogni cosa è ricco di meccanismi che non ti permettono di vederne la fine.
Non riesco mai a definire a cosa ci ispiriamo, perché può nascere da una semplice immagine vista su Google, o su Instagram, o da un film… è un mix di tutto!

DS: Come lavorano insieme i due fratelli Bouroullec?
RB: Sei italiana, quindi conosci benissimo i legami che si instaurano in una famiglia. È complesso, ci sono momenti in cui si va d’accordo e momenti in cui ci scontriamo. Sì, ammetto che è davvero difficile definire il rapporto di lavoro con mio fratello, è “particolare”.

DS: Avete un settore del design che preferite maggiormente?
RB: Non ho preferenze. Ci piace lavorare soprattutto con persone interessanti, dalla mente creativa e coraggiosa, senza preoccuparci di quello che propongono. Ci piace lanciarci su qualsiasi idea, senza limiti.

DS: Cosa pensi del design italiano?
RB: Milano ci sorprende sempre, soprattutto come veniamo accolti. Non sono mai preparato alle migliaia di sorprese che ci riserva l’Italia. Sono molto legato a questo paese, ne sono innamorato! E mi piace lavorare con gli imprenditori italiani, ascoltare i loro modi di progettare, la loro poesia… è per questo che ritorno sempre qui. Secondo me il design italiano non si può paragonare ad altri.

DS: Cosa vorresti dire ai giovani designer?
RB: Dovete essere combattenti! Vivete in un periodo incredibile, pieno di situazioni differenti, progetti diversi tra di loro, avete a disposizione diversi metodi di progettazione… però è difficile per un designer sopravvivere, ma la chiave è avere idee intelligenti. Dovete essere pronti e aperti a tutto, e non limitarvi a un’idea specifica. Siate pronti a progettare anche una penna, o uno zaino, o qualcosa di molto più grande! Non potete fermarvi! Mettete passione in tutto quello che vi capita.

DS: C’è un progetto completamente nuovo che ti piacerebbe iniziare?
RB: Beh, non ho mai progettato grandi edifici! Sarebbe pazzesco lavorare per un aeroporto ad esempio. O perché no, lavorare per una futura autovettura!

www.bouroullec.com

Chiara Gattuso

Chiara Gattuso

Chiara Gattuso vive a Milano, ma porta nel suo cuore il calore della sua Palermo. Specializzata in Storia dell’Arte e laureata in Disegno Industriale a Palermo e in Design del Prodotto per l’innovazione al Politecnico di Milano, si occupa soprattutto di giovani designer.

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.